23 maggio 2019
Giugno ci porta ..anzi ci toglie……………..

Non per fare la solita polemica,ma proprio per fare la solita polemica  che tutti i governi  siano essi -bianchi – neri – rossi – verdi- gialli – turchini…….hanno tutti lo stesso  “vizietto” quello di prelevare dalle pensioni egli ex lavoratori…….che hanno pagato i contributi, che hanno lavorato trentacinque quarant’anni e più anche facendo dei lavori usuranti………ci trattano come dei bambini  che tanto non si possono difendere………..

e vi ricordate  che:

-27-anni-fa-prelievo-forzoso-Amato-crollo-lira,

la patrimoniale del 6 per mille sui conti bancari  degli ..degli Italiani. Sono ormai passati 27 anni da quella maledetta notte e dalla svalutazione della lira italiana che … sui conti correnti in banca degli italiani, il famoso 6 per mille sui capitali che, …….

Immagine correlata.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

21 maggio 2019
“Il Clown” (Poesia)

IL CLOWN

Davanti allo specchio
dipinge il suo viso,
pochi tratti veloci
per regalarsi un sorriso;
per far sì che allo sguardo
tu lo veda contento,
ma nasconde sé stesso
in un veloce momento.

Nella voce e nei gesti,
un po’ mimo, un po’ attore
ancora una volta

sa far tacere il suo cuore;
e i dolori, i pensieri,
le sue ansie di uomo
sa trasformare per te
in un piacevole dono.

In questo mondo meschino
che non sa più esser bambino
sa trovar le parole.
per strapparti al dolore.
E in un breve momento
tra un sorriso e uno sguardo
ti regala l’Amore;
e per sé…nemmeno un rimpianto.

[Melody-Vip Pavia]

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

18 maggio 2019
RIDIAMO UN PO

Ero seduto, con mia moglie, ad un tavolo durante il raduno annuale

dei veterani del mio Corso….

Continuavo a guardare una donna chiaramente ubriaca mentre, seduta da

sola al tavolo vicino, dondolava il suo bicchiere con lo sguardo

perso nel vuoto…

Mia moglie mi chiese: “la conosci”?

Si! Sospirai. E’ la mia ex ragazza.

Ho sentito in giro che ha cominciato a bere non appena l’ho lasciata,

e da allora non l’hanno praticamente più vista sobria…

“Mio Dio” – esclamò mia moglie – “chi avrebbe mai detto che una

persona potesse andare avanti a festeggiare così a lungo…?!?!?!

Ci sono sempre due modi per vedere la stessa cosa,,,

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

11 maggio 2019
Il giorno della protezione delle specie.

Per prima cosa , anche noi dobbiamo essere protetti, sicuramente da noi.

Questi articoli ci sollecitano la nostra fantasia, che deve cercare le soluzioni più idonee e pratiche, onde superare il limite di non ritorno.

1 Articolo : giornata della terra dedicata alla protezione delle specie. Cliccare qui

2 Articolo : Siamo vicini ad un’ apocalisse ecologica. Cliccare qui

Cerchiamo di utilizzare il nostro tempo, aiutando la natura e le speci che la vivono a superare questo momento critico, le persone devono trovare in loro stessi la volontà per aiutare il nostro e unico pianeta a sfebbrarsi e di conseguenza condurre un’esistenza più adeguata. Forse siamo ancora in tempo dando le giuste medicine, ma sicuramente serve la volontà di tutti.


Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

11 maggio 2019
Emozioni d’artista (Mostra)

L‘Associazione Apovedin presenta una Mostra pittorica dedicata all’Artista Graziato Gian Paolo dal 18 Maggio 2019 al 2 Giugno 2019 presso il Centro Culturale Principessa Isabella di Via Verolengo, 212 a Torino.

L’Artista torinese Gian Paolo Graziato, nasce artisticamente negli ambienti di illustrazione torinese, dove si confronta con diverse tecniche pittoriche e collabora con diverse Agenzie artistiche.

Le tecniche utilizzate sono svariate e, vanno dai pastelli acquerellati alla pittura. La sua evoluzione artistica si compie con diverse opere ispirate all’Elemento Acqua, considerato in senso allegorico come parte di una Natura non sempre bonaria.

Anche la rappresentazione del Cristo è un importante omaggio al Cristianesimo, altre opere sono dedicate ai paesaggi.

Gian Paolo Graziato è uno dei soci fondatori dell’ Associazione ItalianArt In The Worl – onlus.

La mostra è visionabile in questi orari:
feriali 16.00 – 19.00 – festivi 10.00 – 13.00 e 16.00 – 19.30.

L’ingresso è gratuito e aperto a tutti.

 (1.27 MB)Locandina Mostra (1.27 MB)

 (1.78 MB)Profilo dell’Artista (1.78 MB)

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

8 maggio 2019
Uno sguardo globale sul pianeta terra.

Uno sguardo globale sul pianeta terra.Per saperne di più premere qui.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

1 maggio 2019
avvisi

Sagre di Maggio 2019 a Torino e in Piemonte: le più belle da non perdere – Guida Torino
https://www.guidatorino.com/sagre-piemonte-torino/

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

27 aprile 2019
Lettera dell’infermiera al neonato abbandonato a Rosolina

“Ho pensato di farti da mamma”

Vorrei farvi leggere la commovente lettera dell’infermiera, che ha prestato le prime cure al neonato abbandonato al cimitero di Rosolina, nella provincia di Rovigo: “In dodici anni di servizio, non avevo mai provato delle emozioni così intense. Mentre ti scrivo, sei in ospedale dove hanno scelto di darti il mio nome”.

Sta bene il piccolo Giorgio, il neonato trovato mercoledì in un borsone al cimitero di Rosolina, nella provincia di Rovigo. Il bambino, abbandonato poco dopo il parto, è attualmente ricoverato all’ospedale di Adria e se lo hanno chiamato Giorgio è per il nome dell’infermiera che, per prima, l’ha preso tra le braccia. È Giorgia Cavallaro, una trentacinquenne che lavora nel Pronto soccorso della Casa di cura Madonna della Salute.

Ecco la lettera:

“Caro Giorgio, l’altra notte non ho chiuso occhio pensando a te. Mi piacerebbe che un giorno lontano, quando sarai grande, qualcuno possa farti leggere questa lettera. Magari le stesse persone, la tua nuova mamma e il tuo nuovo papà, che nel frattempo avranno trovato le parole giuste per rivelarti com’è cominciata la tua vita con loro, circondato dall’amore che meriti e che qualcuno aveva deciso che non dovevi avere. Io posso solo raccontarti in che modo sei entrato nella mia, di vita, perché già so che non ne uscirai mai più. È la storia del tuo primo giorno, che poi è anche la storia del nome che porti. Il mio nome. Ho 35 anni e lavoro come infermiera nel Pronto soccorso della Casa di cura Madonna della Salute, di Porto Viro. Sembrava una mattina come tutte le altre, scandita da piccole e grandi emergenze. Poi è arrivata quella telefonata: ‘C’è un bambino abbandonato davanti al cimitero di Rosolina, non si muove, è morto’. Sull’ambulanza siamo salite io e la dottoressa Anna Tarabini, mentre alla guida c’era Marco Marangon, che è partito a razzo. Dopo pochissimo è arrivata una seconda chiamata: ‘Il neonato piange’. È lì che abbiamo saputo che eri vivo.

Marco pareva un pilota di Formula 1, è stato formidabile: appena sei minuti dopo la prima telefonata eravamo di fronte al cimitero, con i carabinieri che nel frattempo avevano aperto quella sacca da tennis rossa. Ti avevano rinchiuso lì dentro, adagiandoti sopra una copertina bianca. La dottoressa ti ha portato nell’ambulanza e ti ha visitato. L’indice di Apgar, che misura i parametri vitali, ci ha detto che stavi bene: è lì che ho capito quanta forza possa starci in un corpicino così piccolo. Seguendo le indicazioni della dottoressa, che per prima si è presa cura di te, ti ho tagliato il cordone ombelicale. Avevi i piedini e le manine gelate, abbiamo alzato il riscaldamento al massimo. Mentre Marco ripartiva ti ho preso in braccio e ti ho posato al mio petto coprendoti con il lenzuolino sterile, una coperta, la mia maglietta, con qualunque cosa potesse restituirti un po’ di calore.

Il suono delle sirene ti ha dato uno scrollone, ti sei messo a piangere. È lì che hai aperto gli occhi, mi hai guardata, ti ho fatto una carezza e immediatamente hai cercato di succhiare il dito. Avevi tanta fame. In dodici anni di servizio, non avevo mai provato delle emozioni così intense. Mentre ti scrivo, sei in ospedale dove hanno scelto di darti il mio nome. Le colleghe dicono che stai bene, che hai mangiato, che ce la farai a diventare grande, a dispetto di chi non voleva. Ho riflettuto su cosa possa spingere qualcuno ad abbandonare un neonato e non ho trovato risposta. Ma in fondo, l’unica cosa che conta è che presto avrai una mamma e un papà che ti vorranno bene. Ho anche pensato che quella mamma vorrei essere io, che non ho figli. Purtroppo so che non sarà possibile: l’iter per le adozioni è lungo e complicato e c’è qualcuno che ti sta aspettando da molto più tempo di me. Lo dimostrano le chiamate che sto ricevendo: persone che vogliono accoglierti, altre che si offrono di acquistare abiti e latte in polvere.

E allora, posso solo sperare di incontrarti di nuovo, in futuro. Sarebbe bello vedere come sei diventato. Ti auguro di essere felice. Di crescere sano, di conservare la forza che hai dimostrato di fronte a quel cimitero che dovrebbe servire a contenere i morti e che invece ci ha restituito una vita. Ma soprattutto, ti auguro di diventare un uomo con dei valori positivi, uno disposto a qualunque sacrificio per proteggere il proprio bambino.

Ciao Giorgio.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

20 aprile 2019
tanto per …..dire Buona Pasqua……

Mounting created Bloggif


Mounting created Bloggif

p

Mounting created Bloggif

Mounting created Bloggif
Mounting created BloggifMounting created Bloggif

<
<

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

19 aprile 2019
COMUNQUE LA SI RACCONTI, L’AMORE E’ LA NOSTRA PILLOLA SALVA VITA

Perché, l’amore, è sempre stato la più grande medicina che il genere umano e non solo ,abbia creato e usato, fin dai tempi degli dei l’amore fu il cibo per l’umanità.

Pensare che all’inizio dell’umanità, gli dei abitavano su monti che per gli uomini erano inaccessibili e attraverso il sentimento gli umani tendevano all’immortalità e a grandi amori capaci di vincere ogni ostacolo, persino la morte. Amori che si sono tramandati nei millenni, giungendo fino ai nostri giorni per celebrare, nella realtà e leggenda il mito dell’amore sperando l’avverarsi di sogni impossibili.

La storia di Bauci e Filemone.


ZEUS e ERMES, ogni tanto lasciavano l’olimpo e assumevano forma umana, per verificare la religiosità e devozione degli esseri umani. Era da molto tempo che dalla FRIGIA ( regione tra i monti a ridosso del monte olimpo) non giungevano suppliche e anche i sacrifici votivi avevano incominciato a scarseggiare. Preoccupati si recarono tra quei monti chiedendo ospitalità agli abitanti , ma vennero scambiati per vagabondi, respingendoli. Si resero conto che da quelle parti le divinità erano finite nel dimenticatoio. Soltanto Bauci e Filemone li ospitarono nella loro povera dimora. (bisogna ricordarsi che gli dei nell’antichità erano molto vendicativi e feroci).

decisero di distruggere il villaggio inondandolo, misero in salvo trasportandoli sulla cima della montagna i due anziani contadini, Bauci e Filemone. La loro povera dimore fu trasformata in uno splendido tempio, fu allora che Zeus si palesò in tutta la sua maestosità, chiese loro di esprimere un desiderio che sarebbe stato esaudito, i due stringendosi con amore, chiesero di poter diventare i sacerdoti del tempio e di invecchiare insieme come già avevano vissuto, ebbero un ultimo desiderio, morire nello stesso istante. Fu cosi forte il loro amore che il re degli dei, esaudi’ i loro desideri. Dopo molti anni vivendo uno accanto all’altra e volendosi sempre più bene cessarono di vivere, fu allora che Filemone venne trasformato in una grandiosa Quercia e Bauci in altrettanto stupendo Tiglio, i due alberi posti davanti al tempio, vennero venerati nell’antichità come sacri.

Quella di Priamo e Tisbe.

due amanti assiri, si conoscevano dall’infanzia e si innamorarono, visto l’opposizione delle famiglie decisero di fuggire dandosi appuntamento presso una fonte , accanto ad essa sorgeva un gelso.

Lei arrivò per prima ma trovo un leone che la fece scappare e le feri’, durante la fuga perse il velo insanguinato. Priamo quando giunse vide accanto alla fonte il velo macchiato di sangue, vagò alla ricerca della sua amata ma non la trovò, pensando che il leone l’avesse uccisa e portata via, decise di togliersi la vita, vicino al gelso, lei nel frattempo tornò , ma vide il corpo del giovane che lei amava senza vita, comprese quello che era successo e incapace di continuare a vivere senza di lui si tolse anche essa la vita. da quel giorno narra la leggenda , che i frutti del gelso quando maturi assumono in segno di lutto una colorazione come il sangue.

In un passato prossimo, Juan Carlos e Sofia (50 anni fa le nozze ad Atene)


Il primo incontro ufficiale avviene nell’estate del 1954, durante una celebre crociera organizzata dalla regina Frederika, lo scopo era di riportare in auge il turismo ellenico, ma il vero scopo era favorire i matrimoni regali.

A bordo vi era tutto il gotha europeo, che accolse benevolmente l’idea eccentrica principessa Maria Bonaparte. Il figlio maggiore del conte di barcellona “pretendente al trono, ha poco più di anni 16 e non sembra accorgersi della principessa sua coetanea, lei invece lo notò subito.

Passò molto tempo , anche se la regina organizzava spesso incontri e altre crociere per avvicinarli, solo nel 1961 durante un matrimonio il futuro re si accorse che la ragazzina greca con i capelli corti e il viso paffuto si era trasformata in una giovane e attraente donna.

Tutto il parentato inglese si è dato da fare perché il matrimonio tra i due giovani potesse avvenire, fu sicuramente frutto degli accordi tra le due famiglie. L’annuncio ufficiale fu dato il 13/09/1961 a losanna dove la regina Vittoria Eugenia accolse con immensa gioia.

Rimane un’unica ombra sulle fauste nozze , la posizione irremovibile della chiesa ortodossa che non approvava l’idea che il matrimonio si sarebbe svolto solo con il rito cattolico. L’abilità del papa Giovanni 23esimo risolse la delicata questione, consentendo il doppio matrimonio .

( un fatto del tutto insolito per la chiesa romana). Le nozze vennero celebrate nel maggio 1962. La loro vita coniugale iniziò con un viaggio che li porta in giro per il mondo, al loro rientro si stabilirono nei dintorni di Madrid.

Anche questa è una storia d’amore, che si potrae  fino ai nostri giorni. Comunque esistono molti amori , meno appariscenti ma altrettanto importanti e sono il condimento della vita del mondo.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------