Archivio della Categoria 'Senza categoria'

quartiere Lucento??no quartiere Vanchiglia ???si

venerdì 26 febbraio 2021

“da la Stampa del 26 febbraio”

Stop alla vendita di alcolici a partire dalle 18 nei minimarket e nei supermercati, con-trolli costanti delle forze dell’ordine già a partire dal tardo pomeriggio, per preve-nire feste in strada e assembramenti prima che diventi di fatto impossibile intervenire. Sono queste le linee guida in-dicate dal territorio di Vanchi-glia per affrontare il proble-ma della malamovida al tem-po della pandemia. Quella che lo scorso weekend ha fat-to preoccupare tanti cittadini per la diffusione dei contagi. Per provare a trovare un ac-cordo e una strategia comu-ne, si sono riuniti allo stesso tavolo i rappresentanti di tut-te le realtà del borgo: le asso-ciazioni dei negozianti diurni e dei locali serali e una delega-zione di residenti a cui si è ag-giunta anche la presenza di qualche militante del centro sociale Askatasuna.Va detto che su alcuni punti le posizioni sono molto diver-se: l’obiettivo sarebbe quello di arrivare a un documento condiviso, con le richieste da sottoporre all’amministrazio-ne. A entrare nel merito della questione è Jasch Ninni dell’as-sociazione Quartiere Vanchiglia, che comprende una trentina di attività commerciali: «Visto che a locali di somministrazione e cocktail bar si impone di chiudere alle 18, chie-diamo che su quest’area ci sia un coprifuoco alcolico anche per i minimarket e i supermer-cati, approvando un’ordinan-za che vieti di vendere botti-glie di birra e alcol da una cer-ta ora in poi». Una richiesta che arriva dall’osservazione di quanto accaduto una settima-na fa, quando soprattutto i «bangla» sono diventati punto di ritrovo per acquistare be-vande e improvvisare serate di movida nonostante le nor-me anti Covid. In particolare nella zona pedonale di via Balbo, che ha richiamato oltre un centinaio di ragazzi accalcati. Oppure nella vicina piazza Santa Giulia con musica e balli di gruppo o, ancora, in largo Montebello.Il secondo fronte è quello dei controlli sul campo. «Ser-ve un sistema di controlli del-le forze dell’ordine che comin-ci ben prima dell’ora di cena – spiega Ninni – Inutile arrivare alle 22 perché la piazza è già piena di gente e diventa diffi-cile da gestire». Certo le posi-zioni nel quartiere restano an-cora da limare. Roberta Isgrò, presidente di Smart Vanchi-glia: «Uno stop generalizzato non mi trova d’accordo. Non si può impedire a un ristoran-te o a una gastronomia di ven-dere una bottiglia di vino do-po le 18, sarebbe un’ulteriore mazzata».Insomma, il dialogo prose-gue ma l’obiettivo è arrivare a una sintesi in tempi brevi. Perché un altro weekend sta per cominciare. «I cittadini reclamano a gran voce la pre-senza delle istituzioni – com-menta Luca Deri, presidente della Circoscrizione 7 – Solo i controlli preventivi possono evitare assembramenti mol-to pericolosi, oltre che vieta-ti, in questo periodo di pandemia»”

perchè la circoscrizione 5 non si può fare??????????????????

CALZINI SPAIATI………

sabato 6 febbraio 2021

DAL GIORNALE “LA STAMPA”

………In tanti si sono sentiti calzini spaiati, durante il lockdown e soprattutto dopo, quando ai problemi di salute si sono sommati quelli economici. Molti hanno associato la solitudine in era di pandemia alle patologie di cui si può essere affetti e che sono nate in pochi mesi. Solitudine da combattere e in questo caso la lotta è rappresentata dai calzini che non sono mai soli e che, pur spaiati, non perdono la speranza di ritrovarsi. Aderire alle celebrazioni è molto semplice e ieri l’hanno fatto in tanti. È bastato indossare calzini spaiati, quanto più fantasiosi e incongrui possibile, scattare una foto e pubblicarla sul proprio profilo Facebook o Instagram con l’hashtag #calzinispaiati2021 e taggando @autismoParoleperdirlo.

A VOLTE NON CI PENSIAMO  ma è  vero quello che si dice nell’articolo……

una  cosa è certa, almeno per me in ,questo periodo mi ha toccato profondamente praticamente mi ha “rubato ” un anno della mia vita ; adesso mi accorgo delle piccolissme gioie  che avevo….è andata così……speriamo che passi  ma intanto passano i giorni …i mesi.e il tè a cinque centesimi è una  chimera………

Risultato immagini per buon pomeriggio con caffè

“Siamo Italiani”

mercoledì 9 dicembre 2020

Siamo Italiani!!! Siamo sempre positivi e sogniamo sempre che tutto andrà meglio domani!!! Siamo Italiani!!!

Commento al pane duro

domenica 15 novembre 2020

Bravo Lucchin, ogni tuo commento è sempre appropriato, oggi non facciamo che lamentarci , qualunque situazione che non rispetta i nostri e dico solo i nostri canoni ci disturba e ci rende poco flessibili. Pero cosa ci vuoi fare oggi la crescente insensibilità verso tutto fa si che il lamento è la prima cosa che ci conforta, pertanto quando fai accenno al pane se è duro oppure no, qualunque sia la ragione per noi rimane DURO.

evviva evviva…

venerdì 13 novembre 2020

-carissimi  amici giovani…  vi volevo  dare una buona notizia……adesso potete

andare a provare  gli indumenti intimi da Intimissimi—

-per il mal  di testa prendere una pastiglia e il male passa istantaneamente

per l’assicurazione basta cliccare su facile.it…..(il proprietario si mormora che sia in galera)

adesso è POSSIBILE FARE IL TRAPIANTO delle BARBA(L’HO VISTO OGGI IN TELEVISIONE)

COMPERARE A RATE UNA MACCHINA DI LUSSO– E POI CI LAMENTIAMO…….
IL RESTO ALLA PROSSIMA PUNTATA……………………..MI RACCOMANDO RESISTERE RESISTERE RESISTERE….

attenti alle regole-

sabato 7 novembre 2020

e poi come si fa ad essere allegri…..oltre che non ci possiamo neanche vedere per le nostre sedute terapeutiche e  prendere la medicina(……)

la nuova lista di  allegata al provvedimento


include i negozi (dall’abbigliamento
agli elettrodomestici fino ai sexy
shop), gli ambulanti, gli estetisti e gli
altri servizi alla persona, compreso
chi fa piercing e tatuaggi. Nella lista
anche i servizi per gli animali (canili,
dogsitter, toelettatura) e le agenzie
matrimoniali. Per i centri commerciali e gli operatori industriali del
comparto alimentare e delle bevande arrivano risorse per 200 milioni
di euro. —

e tralascio le altre  “schiocchezze”

Un pizzico di ingegno per chiedere un aiuto: una canna da pesca, nel vuoto dei portici di una città che chiude per il secondo lockdown in otto mesi. In pochi a passeggio per Torino, spostamenti solo se autorizzati, ma nessuna “caccia ai trasgressori”. E poche monete in quel secchiello.


La Bella Gioventù

martedì 15 settembre 2020

Bella gioventù,che si butta via
Che non basta mai
Bella gioventù, tra illusioni e guai.
Bella, imprendibile tu sei quella
Permissiva che perdona e che disarma
Sei quell’attimo che va
Poca eternità, troppa ingenuità.
Bella gioventù, assordante sì
Da mordere e fuggire
Bella da non dire, di te si può morire.
Viva, da confonderci le idee
Folle, ancor più delle maree.
Così proibita, agli ottantenni che
Inspiegabilmente, non saranno mai sazi di te.
Libera quella stella, falla tornare su
Non spezzare quel volo, non puoi farcela solo
Dagli aria importanza
Giudizio e prudenza.
Il meglio della vita
Lo spendi proprio qua
È l’età generosa
È una sana bugia
………………………………….
Riaccendi quella stella, se non ti trovi più
Riconosci i pensieri, quei sentieri laggiù
E non avrai speso invano la tua gioventù.
Ritorna dalla vita, e fidati di lei
Non sia un grido lontano
Disincanto non sia
Gioventù rassegnata, negata, taciuta,
Che adesso ti arrendi così,
…….Bella gioventù, dimmi ancora,

……Gioventù della terza età……..da Specchio dei tempi del 15/09/2020…..

martedì 15 settembre 2020

dal quotidiano LaStampa del 15/09/2020

“Un lettore scrive: «A volte mi chiedo (succede sempre più spesso) se chi è preposto a promulgare leggi e normative rifletta prima di emanarle.

L’ultima bella pensata in ordine di tempo è quella che prevede che - dal 1° ottobre prossimo – l’Inps non rilascerà più i cosiddetti “Pin”, cioè i codici che permettono di accedere a un’area riservata del lavoratore/pensionato, nella quale può essere visualizzata la propria situazione contributiva, richiedere il rilascio della Certificazione Unica, presentare il modello Isee od il modello Red Semplificato. Dal 1° ottobre sarà necessario avere lo Spid, cioè un sistema di identità digitale che deve essere richiesto ad appositi enti (Identity Provider) accreditati al rilascio di tali credenziali.

Già mi immagino il pensionato ottuagenario, che non ha dimestichezza (salvo rare eccezioni) con il pc, e che di solito si reca dal nipote – che invece “smanetta” sul computer – con il codice Pin scritto su un pezzo di carta affinché si colleghi alla sua area riservata per stampargli la Certificazione Unica che tanto gli serve per presentare la dichiarazione dei redditi.

Ora non più: il poveraccio (che, come già detto, non ha dimestichezza con il computer) non solo dovrà recarsi personalmente in un ente accreditato al rilascio dello Spid ma dovrà pure essere dotato di uno smartphone, in quanto il codice per accedere al sito dell’Inps verrà – appunto – inviato attraverso un’App.

E la cosa buffa è che la chiamano semplificazione… Diciamo che per complicare la vita a chi ha raggiunto l’agognato traguardo della pensione si sono in effetti applicati con serietà e impegno. In conclusione, se proprio si doveva/voleva passare a questo sistema di identificazione digitale, non avrebbe avuto più senso mantenere comunque attivo il canale del classico Pin cartaceo? Ragionateci sopra». ENRICO Q”

CI VOGLIONO RENDERE L’ESISTENZA SEMPRE PIÙ DIFFICILE.. E COMPLICARCI LA VITA ..AH.AH ..FORSE LO FANNO PER FARCI TENERE IN ESERCIZIO LA NOSTRA   Mente..( per noi sarà abbastanza facile  (perché siamo dei “geni”)  ma per altri che hanno il terrore del P.C.  ….non va bene….

d’altronde  che cosa c’è ancora di giusto…..

stanno lottando………

domenica 13 settembre 2020

Nelle prime prove libere del Gp di Sepang Hamilton davanti a tutti. Malissimo le Ferrari: Alonso sesto e Massa Sedicesimo. Dopo il britannico della McLaren Schumacher, Button e Rosberg

‘SCHUMACHER STA LOTTANDO”

JEAN TODT È STATO IN VISITA ALL’EX PILOTA DELLA FERRARI

. ”HA ACCANTO UNA MOGLIE FANTASTICA, I SUOI FIGLI, LE SUE INFERMIERE”. SULLE REALI CONDIZIONI DI SALUTE L’ENTOURAGE DEL CAMPIONE HA SEMPRE MANTENUTO IL MASSIMO RISERBO

SIVIO BERLUSCONI

…….STO LOTTANDO…..

Immagine.

NON  CAPISCO QUALE LOTTA SIANO FACENDO……CIRCONDATI DA UN MASSICCIO ENTOURAGE DI MEDICI E DI INFERMIERI….

I  “NORMALI……INVECE NON COMBATTONO E SI RASSEGNANO A MORIRE???????????????????????????????

corso grosseto sistemazione

domenica 13 settembre 2020
da LASTAMPA  del 13/09/2020

“Addio ai cantieri Corso Grosseto respira dopo tre anni di lavori Aperto il primo chilometro di strada senza sopraelevata
1972. Bisogna tornare indietro di quarantotto anni per immaginare corso Grosseto senza cavalcavia.
dal sottopasso all’incrocio con corso Potenza, fino alla nuova galleria ferroviaria Torino-Ceres. Ora, dopo tre anni di lavori, corso Grosseto si scrolla di dosso una parte dei cantieri e torna a respirare.

Da questa settimana è riaperta la carreggiata centrale da parco Sempione a via Casteldelfino. Un assaggio di quella che sarà la nuova viabilità del corso una volta finiti i lavori. Il tratto è lungo poco più di un chilometro ed è diviso in otto corsie di cui due destinate ai bus. La riapertura presto toccherà anche ai controviali. «A breve il via alla sistemazione delle carreggiate -spiegano da Scr, l’azienda che si sta occupando dei cantieri per conto della Regione-

Partiremo dall’isola che va da parco Sempione a via Ala di Stura».

Proseguono intanto i lavori per garantire i nuovi collegamenti che porteranno al pensionamento delle stazioni Dora e Madonna di Campagna. Da fine agosto il treno Sfma si ferma a Venaria e non fa più capolinea a Torino. E Gtt, in accordo con l’Agenzia Piemontese della Mobilità, ha predisposto un servizio di navetta sostitutivo: l’SF2 che collega la stazione di Venaria con Porta Susa. Nel frattempo, è in costruzione la nuova fermata Grosseto che rappresenterà l’unica stazione ferroviaria Gtt di Torino integrata con il sistema di trasporto di superficie. Per garantire l’innesto tra la vecchia e la nuova galleria sono in corso i cantieri all’altezza di via Confalonieri.

Mentre a novembre ci saranno delle nuove modifiche alla viabilità per largo Grosseto, in modo da garantire il proseguimento dei lavori nel sottopasso. Qui nell’ultima fase del crono-programma sorgerà un nuovo incrocio semaforizzato all’avanguardia, che permetterà sia alle automobili che ai tram di muoversi contemporaneamente all’interno dello slargo.

L’incrocio tra via Lulli e via Cardinal Massaia, che negli scorsi mesi ha creato numerosi ingorghi, continuerà a rimanere chiuso………
. Una buona notizia che cozza con l’attesa per la fine dei lavori. I cantieri per il nuovo tratto ferroviario dovevano durare tre anni e l’inaugurazione era prevista per questo mese. È slittata alla fine del 2022. A confermarlo l’Agenzia Mobilità Piemonte, Regione e Gtt in un comunicato sullo stato dei lavori.

Un’agonia infinita per il commercio di zona e per i pendolari che viaggiano tra l’area metropolitana Nord e la città. Che forse verrà ripagata dalla nuova viabilità che promette di ridurrei tempi di percorrenza sia per chi viaggia in treno che per chi sceglie i mezzi su gomma. — © RIPRODUZIONE RISERVATA”LA STAMPA del 13/09/2020

osservazione: che Dio ci protegga e ci dia ancora tanta forza per sopportare questi suplizi.
per la cronaca.