Archivio della Categoria 'Notizie'

l’indomani del giorno del ringraziamento

mercoledì 13 dicembre 2017

Il venerdì nero o meglio Black Friday, è l’ennesima consuetudine importata dagli Usa dove il giorno dopo il ringraziamento, i negozi offrono super sconti per lo shopping di Natale.

La festa del ringraziamento si celebra il quarto giovedì di Novembre, in Usa e Canadà , il giorno successivo (venerdì) è secondo una tradizione consolidatasi negli anni sessanta che i negozianti americani propongono sconti speciali allo scopo di favorire lo shopping e dare il via alle spese natalizie.

SECONDO ALCUNE TEORIE, perché proprio “NERO”, in quell’epoca i registri contabili dei negozianti si compilavano a penna, usando l’inchiostro ROSSO per i conti in perdita e quello NERO per i conti in attivo. E’ il venerdì dopo il ringraziamento grazie a queste promozioni i conti finivano decisamente in NERO.

Secondo un’altra teoria, l’origine del nome  è meno poetica. Il “NERO” sarebbe causato dal traffico sulle strade e dalla congestione nei negozi, provocata da migliaia di americani attivati dagli sconti, validi solo e soltanto quel giorno, sconti che arrivavano  fino all’80%.

La prima volta se ne parlò nel 1961 a Philadelphia quando quel venerdì il traffico fu davvero impazzito.

Esiste anche un Cyber Monday (lunedì cibernetico), cade il primo lunedì successivo  al Black Friday e viene dedicato agli sconti sui negozi Online, sebbeneormai anche questi ultimi dedichino ai loro clienti offerte lampo durante il venerdì nero.

Negli ultimi anni, per favorire oltremodo i consumi il venerdì nero si è trasformato nella settimana del Black Friday, con sconti e offerte speciali che si trascinano lungo tutta la settimana precedente. Oggi l’Europa e in particolare l’Italia si è assoggettata a seguire tutte le usanze che arrivano dagli Usa.

Il Black Friday è visto dagli analisti finanziari come un indicatore statistico della propensione ai consumi e alla spesa negli Stati uniti ed ora anche in Europa, viene utilizzato come parametro per stimare l’andamento di tutta la stagione Natalizia.

ESISTONO ALTRI COLORI IMPORTANTI:

Il bianco ( bandiera della resa), issare una bandiera bianca significa arrendersi e sottomettersi alla clemenza dell’avversario.

Il verde (della povertà), dipingere di verde il fondo di una candela, significa che quando  arriva al verde, è una candela consumata, da cui il termina

Il giallo (dell’elenco telefonico), venne commissionato ad uno stampatore la lavorazione di un elenco telefonico (nel 1883  in Wyoming). secondo la leggenda, non avendo carta bianca, ma gli era rimasta quella di colore gialla e per rispettare l’ordine optò per quella gialla.

Il rosso (bandiera rossa), dopo che il marchese La Fayette a Parigi, in base ad una legge dello stato fece aprire il fuoco sulla folla riunita al campo Marte, morirono decine di dimostranti, alcuni giorni dopo alla testa di un grande corteo (1789) comparve una bandiera rossa.

Il arancione (palla da Bascket), è dal 1957 che le palle sono di colore arancioni, da quando l’allenatore della squadra dell’università della Butler, decise che quel colore sarebbe stato più facile da vedere, sia per i giocatori che per gli spettatori.

Il bianco o giallo (palle da tennis), il regolamento attuale approva che le palline siano bianche o gialle, ma quelle gialle sono più facili da distinguere per uno spettatore, per tanto dalla metà del 900 divennero quelle maggiormente utilizzate.

Il marrone  o verde scuro (bottiglie di birra) , sono rigorosamente scure (a parte alcune eccezioni), non per moda ne per tradizione, la bottiglia ha quel colore per proteggere il suo contenuto, visto che il sapore della birra esposta al sole si altera rapidamente. Pertanto il vetro marrone o verde protegge la bevanda dagli raggi Uv e ne conserva inalterato il sapore.

SOLUZIONI PER SMARTPHONE

martedì 5 dicembre 2017

PER GLI APPASSIONATI DI TECNOLOGIE DEL FUTURO, ESISTONO DIVERSE SOLUZIONI PER MIGLIORARE IL VOSTRO SMARTPHONE, ALCUNE SONO MOLTO SEMPLICI  E GENIALI, E INOLTRE NON MOLTO COSTOSE.

PER VEDERE LE LORO APPLICAZIONI CLICCATE qui.

ALCUNE STRANE RIVOLTE – non solo politiche o sindacali

domenica 26 novembre 2017

NEI SECOLI LA GENTE E’ SCESA IN PIAZZA NON SOLO PER RIVENDICARE LIBERTA’ O DIRITTI SINDACALI, MA ANCHE PER CHIEDERE ALTRE COSE, COME, PIU’ BIRRA, CALZE DI NYLON, OPPURE CONTRO I VACCINI,GLI ABITI ZOOT, STRAVINSKY E ANCHE CONTRO L’OLTRAGGIO .

LA RIVOLTA DELLA BIRRA

Nel 1855 a Chicago (Stati Uniti) scoppiò una insurrezione, quando il sindaco della città emanò un’ordinanza che, oltre a triplicare il prezzo delle licenze per vendere alcolici, proibiva l’apertura di Pub la domenica. La reazione della comunità degli immigrati tedeschi (grandi bevitori di birra) fu istantanea, la domenica era infatti l’unico giorno libero, il solo momento in cui potevano rilassarsi dopo i sei giorni di lavoro, negare questa opportunità era considerato come un modo per discriminarli.

Per tanto non rispettarono l’ordinanza e dopo i primi arresti si organizzarono in gruppi e presero d’assalto le strade, tanto che divenne una vera e propria rivolta , venne repressa dalla polizia, ma il sindaco non fu rieletto, e il suo successore revocò prontamente l’ordinanza.

LA RIVOLTA DEL NYLON

Già nel 1939 il nylon iniziò ad essere prodotto , durante la seconda guerra mondiale il nuovo materiale era destinato principalmente alla confezione di paracaduti e divise per i militari.

Da New York a Pittsburgh, per ovviare alla mancanza di seta dovuta all’embargo giapponese, le calze di nylon erano distribuite solo al mercato nero. Con la fine della guerra l’unica azienda che le produceva in america promise di mettere in vendita una quantità di calze pari a 360 milioni di pezzi, la notizia si sperse nel paese e decine di migliaia di donne accorsero nei negozi per accaparrarsi un paio di quelle nuove meraviglie.

La produzione fu però molto inferiore, col risultato che solo New York furono almeno 30.000 donne che protestarono, e almeno altre 40.000 erano in coda davanti ai magazzini di Pittsburgh.

LA RIVOLTA CONTRO GLI ABITI ZOOT

Nel 1943 a Los Angeles, la rivolta scoppiò nel pieno della seconda guerra mondiale, il bersaglio furono i cosi detti abiti zoot , i completi maschili caratterizzati da giacca ampia e pantaloni larghi, a vita alta.

Originariamente indossati da chi faceva musica jazz, in quegli anni erano il tratto distintivo dei latinos, discriminati dalle élite cattoliche e protestanti almeno quanto i neri. Gli abiti richiedevano più tessuto rispetto a quelli normali, così, dato il razionamento dei tessuti vennero giudicati anti-patriottici, era un pretesto, ma il risultato fu un susseguirsi di atti di violenza nelle maggiori città, contro i latinos a cui venivano strappati i vestiti di dosso.

LA RIVOLTA DEI VACCINI

Nel 1904 a Rio de Janeiro (Brasile) la città era poverissima, per migliorare l’igiene e arginare il diffondersi di malattie come la tubercolosi, il tifo, la lebbra, la febbre gialla e il vaiolo, il sindaco varò un piano che prevedeva la distruzione di vecchie palazzine e lo  L’OL spostamento di migliaia di abitanti nei quartieri periferici. In più, impose vaccinazioni forzate per la popolazione, scoppiarono rivolte contro quella pratica che gli animisti consideravano un oltraggio alla loro fede.

Per giorni la città fu sotto scacco, e al termine si contarono almeno 30 morti. Il programma di vaccinazione però non si arrestò, subì una breve sospensione, poi riprese, così facendo alcune malattie vennero col tempo debellate.

LA RIVOLTA ANTI STRAVINSKY

Nel 1913 a Parigi (il 29 maggio) fu presentato il balletto, La Sagra della primavera, su musiche di Igor Stravinsky. Era l’epoca delle avanguardie e delle sperimentazioni, anche musicali, e il pubblico non era preparato a quei suoni, giudicati cacofonici. Anche la storia era particolare, raccontava di un rito sacrificale pagano, nella Russia antica, all’inizio della primavera nel quale un’ adolescente veniva scelta per ballare fino alla morte per propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione.

Tra il pubblico parigino al montare della musica iniziò a serpeggiare lo sdegno, con tanto di lancio di verdure sul palco e , si dice, qualche scazzottata, la performance si concluse però senza nessun ferito grave.

L’OLTRAGGIO PUZZOLENTE

Gurusalemme, Palestina 1 secolo d.C. nelle cronache della guerra giudaica (circa 70 d.C.), lo storico di origine ebraica Flavio Giuseppe narra un episodio curioso, un moto di rivolta contro gli occupati romani dopo un incidente in un tempo, dove alcuni Enrei erano raccolti per le loro celebrazioni religiose.

Un soldato romano entrò nel tempio, alzò la veste mostrando il fondoschiena e fece un rumore (qualcuno lo chiama sanità di corpo) in linea con la sua postura, la folla iniziò a urlare e a lanciare pietre contro i soldati, un comandante romano chiamò i rinforzi per frenare la rivolta, e sul campo rimasero diversi morti.

“Internauti” – Corso per l’uso del computer

martedì 21 novembre 2017

“Internauti” è ideato da Zenith Società Cooperativa Sociale in collaborazione con Casa di Quartiere Vallette, Circoscrizione 5 della Città di Torino, Istituto Russell-Moro di Torino, Istituto San Luca di Moncalieri e Istituto Galileo Ferraris di Settimo Torinese.

“Internauti” da un lato intende ridurre il gap generazionale che separa le nuove tecnologie di comunicazione e il mondo degli anziani e, dall’altro, responsabilizzare e dare un ruolo agli studenti delle scuole superiori che si rapportano quotidianamente con le nuove tecnologie, perseguendo in questo modo una rete di collaborazione e di scambio di servizi.
In una prima fase di sperimentazione partita e conclusa nella primavera di quest’anno, gli studenti dell’Istituto Russell – Moro (nell’ambito dei programmi di alternanza scuola-lavoro) hanno aiutato le persone anziane ad approcciarsi a tematiche quali la navigazione via internet, l’uso dello smartphone (per telefonare, scrivere messaggi e comunicare in chat, ricevere e inviare mail, navigare sul web), la creazione di blog, fino ad arrivare all’utilizzo dei social network.
Sede del corso è stata la Casa di Quartiere Vallette di piazza Montale 18.
Gli esiti di questa primo periodo di sperimentazione sono stati assai positivi per gli studenti, il corpo docente e le persone anziane coinvolte.
Inoltre ha rappresentato un ottimo esempio di collaborazione tra privato sociale (Cooperativa Zenith, Casa di Quartiere Vallette) e istituzioni pubbliche (scuole superiori e Circoscrizioni).

A fronte dei buoni riscontri ottenuti con questa iniziativa, La Cooperativa Zenith ha la possibilità di avviare due sedi in cui tenere il corso.
Ciò grazie al sostegno della Circoscrizione 5 che, allo scopo, ha fornito dei locali.

Il nuovo ciclo di lezioni GRATUITE, con cadenza settimanale per tre mesi, partirà:
- il 21 novembre 2017 nella sede di Casa di Quartiere Vallette, piazza Montale 18. Lezioni ogni martedì dalle 16,30 alle 18;
- il 23 novembre 2017 nella sede del Centro Civico della circoscrizione 5, via Stradella 192. Lezioni ogni giovedì dalle 15,00 alle 16,30.

Per iscriversi, è necessario contattare i numeri 3288746298 o 3440789341.
I posti sono limitati.

Sempre sull’onda del successo della prima fase del progetto, la Cooperativa  ha avviato nuove collaborazioni con altri due Istituti Scolastici:  Istituto Tecnico Galileo Ferraris di Settimo Torinese, Istituto San Luca di Moncalieri.
Il loro contributo consente di allargare l’offerta e di proporre Internauti ad un bacino più ampio di destinatari delle lezioni che partiranno a novembre.

Internauti fa parte di un progetto più ampio che la Cooperativa Zenith ha attivato nelle circoscrizioni 5 e 7 di Torino, il progetto Prometeo.
Prometeo è un servizio di assistenza domiciliare comunitaria per anziani (over 65), nel quale la persona anziana viene assistita e coinvolta in iniziative socializzanti per favorire la sua permanenza a casa propria.
Internauti è una delle attività offerte da Prometeo, puntando allo scambio intergenerazionale, al  mutuo aiuto e favorendo la socializzazione tra gli over 65 del quartiere e delle zone limitrofe.

REALIZZAZIONE COLLEGAMENTO FERROVIARIO SOTTERRANEO TORINO – CERES RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA DELL’AREA DI CORSO GROSSETO

martedì 14 novembre 2017

Il nuovo collegamento ferroviario Torino-Ceres è una delle più importanti opere mai realizzate a Torino.

Il tunnel ferroviario di corso Grosseto, una volta realizzato, permetterà di connettere la Torino-Ceres con il nodo di Torino e la stazione di Porta Susa.

La durata dei lavori sarà di circa tre anni, per creare meno disagio possibile ai cittadini i lavori saranno suddivisi in macrofrasi.

Fase 1 Zona: largo Grosseto – Parco Sempione, Stazione Rebaudengo.

Fase 2 Zona: corso Grosseto tra via Campiglia e via Bibiana e tra vie Ala di Stura e svingoli tangenziale –      Parco Sempione, Stazione Rebaudengo.

Fase 3 Zona: corso Grosseto tra via Casteldelfino e via Campiglia e tra via Bibiana e via Ala di Stura.

Fase 4 Zona: corso Grosseto tra largo Grosseto e via Casteldelfino.

Fase 5 Zona: nodo Potenza – Grosseto.

Il ponte attuale di Corso Grosseto sarà abbattuto è al suo posto verrà creato un sottopasso lungo 400 metri che collegherà Corso Grosseto con Corso Potenza.

Per approfondire premere qui.

Corso Grosseto Oggi:

Corso Grosseto dopo i lavori:

Quando a Torino nevicava

mercoledì 8 novembre 2017

Anni a dietro a Torino come in altri posti nevicava ma non solo una volta, in tutto l’inverno magari nevica tre quattro volte anche di più, a secondo dell’inverno quelli più freddi la neve rimaneva nei prati fino al mese di aprile.

Evento “Italia in Classe A”

lunedì 23 ottobre 2017

Efficienza Energetica on the road

ENEA, in collaborazione con il Comune di Torino, organizza un evento denominato “ITALIA IN CLASSE A” che si terrà giovedì 26 ottobre 2017, presso l’Urban Center – P.zza Palazzo di Città, 8f.

In occasione di tale evento alcuni esperti dell’ENEA incontreranno i cittadini per rispondere a domande relative all’uso consapevole dell’energia.

Stratoriver Torino

sabato 21 ottobre 2017

STRATORIVER TORINO

Questa manifestazione si svolge a Torino sul PO a partire dai murazzi.

é una iniziativa molto importante per raccolta fondi per la ricerca del cancro al seno .

Per saperne di più premere qui.

PREMIO FOTOGRAFICO NATURALISTA

sabato 21 ottobre 2017

Il museo di scienze Naturale di Londra, nel mese di Settembre 2017 ha proclamato i vincitori del più prestigioso premio di fotografia naturalistica ( Widlife photographer of the Year 2017).

LE FOTOGRAFIE PREMIATE SONO:

SUDAFRICA > Rinoceronte mutilato               

PAESI BASSI > Gorilla della repubblica del Congo   

USA > Volpe rossa, a caccia                                           

AUSTRALIA > Gruppo di Granchi giganti             

REGNO UNITO > Tre generazioni di Elefanti           

LUSSENBURGO >   Orso polare e il suo cucciolo   

USA > Tartaruga, la più grande tra quelle marine   

FRANCIA > Larva di Aragosta                                     

USA > Molti Capodogli                                               

IRLANDA / SUDAFRICA > Scimpanzé , riposa     

ROMANIA> Vegetazione tra la roccia metamorfica

“Festa di Via Chiesa della Salute”

sabato 14 ottobre 2017

Domenica 15 ottobre 2017 l’ Associazione di Via Chiesa della Salute organizza una festa denominata: “Festa d’ Autunno III Edizione”.

Uno dei fini principali della suddetta manifestazione è la promozione delle attività economiche della Via e delle Vie limitrofe, in un contesto festoso e di aggregazione sociale, al fine di far conoscere ad un pubblico più vasto e qualificato Via Chiesa della Salute, fornendo altresì le premesse per costruire un contesto commerciale più coeso e con obbiettivi comuni.

Per rendere la manifestazione più accattivante, saranno invitate e coinvolte le Attività produttive tipiche del territorio e le Associazioni Culturali fondamentali nel Borgo Vittoria  con le quali l’Associazione ha intrapreso, nell’ultimo anno, attività congiunte molto apprezzate.

Sarà presente l’Associazione protezionistica  “Nella Terra dei Cavalli” che coinvolgerà i più piccini, coraggiosi, con dei giri sui pony.

Nel pomeriggio animazioni musicali dislocate in 4 punti della via animeranno la festa e coinvolgeranno i partecipanti nelle loro performance, un trucca bimbi farà partecipi i più piccini che si presteranno ed infine artisti di strada completeranno l’animazione della stessa.

Partecipate numerosi…