Archivio della Categoria 'Eventi'

“Mostra” Torino e i suoi Fiumi

martedì 12 dicembre 2017

Sabato 16 dicembre 2017

Apertura straordinaria della mostra

Torino e i suoi fiumi. Otto secoli di storie

Ore 11-19

Archivio Storico della Città – Via Barbaroux, 32

La mostra espone oltre 200 pezzi tra documenti, rare incisioni, disegni d’epoca e fotografie, che raccontano il rapporto tra Torino e i suoi corsi d’acqua (fiumi, torrenti e canali) dal Medioevo ai giorni nostri. I temi sono le origini della città, la pesca, gli antichi mestieri (le lavandaie, i sabbiatori, il mercato del ghiaccio), dighe, canali e forza motrice, i mulini, gli opifici e le industrie, quando la natura si ribella (le inondazioni, le secche, l’inquinamento), fiumi e loisir (le Esposizioni, sport e divertimenti, gli scrittori raccontano…), un secolo di curiosità.

Inoltre, si coglie l’occasione per segnalare il progetto Racconta il tuo fiume: anche i visitatori possono partecipare all’allestimento della mostra ricercando immagini e parole in cui il fiume è il soggetto o lo scenario di una storia, di un ricordo o di un ritratto.

Il progetto si articola in due sezioni:

  1. Le foto raccontano, dove raccoglieremo le vostre fotografie del fiume (antecedenti all’era del digitale). Le fotografie saranno scansionate e subito restituite.
  2. Gli scrittori raccontano, dove potete segnalarci altri passi e citazioni di autori, oltre a quelli già segnalati in mostra, che descrivano Torino e i suoi fiumi.

Le riproduzioni delle foto e i testi degli scrittori saranno esposti in mostra con il vostro nome.

Per ulteriori informazioni e per conoscere le modalità di partecipazione, si prega di contattare Salvatore Venezia (011.011.31975, salvatore.venezia@comune.torino.it) oppure la reception dell’Archivio (011.011.31811).

Grazie per il vostro contributo; vi aspettiamo numerosi e cogliamo l’occasione per porgervi i più sinceri auguri di buone feste.

fiume Dora

domenica 10 dicembre 2017

ALCUNE FOTOGRAFIE SUL LAVORO RESOSI NECESSARIO PER  STOMBARE UN TRATTO DEL FIUME DORA CHE L’AZIENDA TESKID DEL GRUPPO FIAT AVEVA COPERTO PER UN SUO UTILIZZO.per vedere le fotografie cliccare qui

Albero Luminoso in Piazza Castello Torino

giovedì 7 dicembre 2017

Un’altra recente tradizione tutta da ammirare è il grande albero di Natale in Piazza Castello che anche quest’anno è stato  inaugurato il 1° dicembre e che accompagna i cittadini per tutte le festività natalizie.

L’albero di quest’anno è alto 19 metri e offrirà uno straordinario gioco di luci e colori durante tutte le festività per arricchire ancora di più l’atmosfera magica di Piazza Castello.

Natale a Torino

mercoledì 6 dicembre 2017

Il calendario degli eventi che la città di Torino propone durante le feste di natale.

MERCATINI, ANIMAZIONE PER BAMBINI, ATTIVITA’ DI INTRATTENIMENTO, I 110 ANNI  DI LUCI, LE LUCI D’ARTISTA, L’ALBERO DI NATALE, IL PRESEPE DI LUZZATI E I CONCERTI DI NATALE.

Per vedere le locandine degli eventi cliccare qui

Mostra pittorica “Le casette di Scalvini”

giovedì 30 novembre 2017

Dal 1 al 10 dicembre 2017 presso il Centro Culturale Principessa Isabella, in Via Verolengo 212 Torino, l’ Associazione Apovedin dedica un’ esposizione delle opere del pittore Severino  Scalvini.

La Mostra è aperta al pubblico con i seguenti orari:  feriale dalle ore 15,00 alle ore 18,00 – festivo dalle ore 10,00 alle ore 18,00.  Chiuso il lunedì -  ingresso gratuito.

Il pittore vive e lavora a Bovezzo (BS), le sue opere intitolate  “Le casette di Scalvini”  raccontano di luoghi fermati sulla tela nell’ istante scelto dall’ artista.

Attraverso tratti nitidi e colori che giocano con le ore del giorno, prendono forma le case che paiono sagome prive di vincoli dimensionali tradizionali, quasi sospese.

Una pittura fatta di dolcezza e sentimento che  trasporta l’ osservatore nell’ evocativa poesia di un luogo  raccontato in una dimensione quasi fiabesca .

Le case sono interpretate come  memoria e progetto per un paese di sogno e serenità.

Dedica alla memoria di Mauro MATTACHINI

Il direttivo della Associazione APOVEDIN -  Associazione  Operatori Economici di Corso Potenza, via Verolengo, e dintorni, ha  deciso di dedicare la mostra dal titolo “Le Casette di Scalvini”  alla memoria di Mauro Mattachini, Presidente della Associazione  Commercianti di Via Luini a Torino,  recentemente scomparso.
La dedica viene fatta con la seguente motivazione:

A perenne riconoscimento dell’impegno profuso nel corso degli anni  passati, nelle sue manifestazioni di Via, per la diffusione e conoscenza  delle Arti Visive anche nella periferia urbana di Torino.
Grazie Mauro.

ALCUNE STRANE RIVOLTE – non solo politiche o sindacali

domenica 26 novembre 2017

NEI SECOLI LA GENTE E’ SCESA IN PIAZZA NON SOLO PER RIVENDICARE LIBERTA’ O DIRITTI SINDACALI, MA ANCHE PER CHIEDERE ALTRE COSE, COME, PIU’ BIRRA, CALZE DI NYLON, OPPURE CONTRO I VACCINI,GLI ABITI ZOOT, STRAVINSKY E ANCHE CONTRO L’OLTRAGGIO .

LA RIVOLTA DELLA BIRRA

Nel 1855 a Chicago (Stati Uniti) scoppiò una insurrezione, quando il sindaco della città emanò un’ordinanza che, oltre a triplicare il prezzo delle licenze per vendere alcolici, proibiva l’apertura di Pub la domenica. La reazione della comunità degli immigrati tedeschi (grandi bevitori di birra) fu istantanea, la domenica era infatti l’unico giorno libero, il solo momento in cui potevano rilassarsi dopo i sei giorni di lavoro, negare questa opportunità era considerato come un modo per discriminarli.

Per tanto non rispettarono l’ordinanza e dopo i primi arresti si organizzarono in gruppi e presero d’assalto le strade, tanto che divenne una vera e propria rivolta , venne repressa dalla polizia, ma il sindaco non fu rieletto, e il suo successore revocò prontamente l’ordinanza.

LA RIVOLTA DEL NYLON

Già nel 1939 il nylon iniziò ad essere prodotto , durante la seconda guerra mondiale il nuovo materiale era destinato principalmente alla confezione di paracaduti e divise per i militari.

Da New York a Pittsburgh, per ovviare alla mancanza di seta dovuta all’embargo giapponese, le calze di nylon erano distribuite solo al mercato nero. Con la fine della guerra l’unica azienda che le produceva in america promise di mettere in vendita una quantità di calze pari a 360 milioni di pezzi, la notizia si sperse nel paese e decine di migliaia di donne accorsero nei negozi per accaparrarsi un paio di quelle nuove meraviglie.

La produzione fu però molto inferiore, col risultato che solo New York furono almeno 30.000 donne che protestarono, e almeno altre 40.000 erano in coda davanti ai magazzini di Pittsburgh.

LA RIVOLTA CONTRO GLI ABITI ZOOT

Nel 1943 a Los Angeles, la rivolta scoppiò nel pieno della seconda guerra mondiale, il bersaglio furono i cosi detti abiti zoot , i completi maschili caratterizzati da giacca ampia e pantaloni larghi, a vita alta.

Originariamente indossati da chi faceva musica jazz, in quegli anni erano il tratto distintivo dei latinos, discriminati dalle élite cattoliche e protestanti almeno quanto i neri. Gli abiti richiedevano più tessuto rispetto a quelli normali, così, dato il razionamento dei tessuti vennero giudicati anti-patriottici, era un pretesto, ma il risultato fu un susseguirsi di atti di violenza nelle maggiori città, contro i latinos a cui venivano strappati i vestiti di dosso.

LA RIVOLTA DEI VACCINI

Nel 1904 a Rio de Janeiro (Brasile) la città era poverissima, per migliorare l’igiene e arginare il diffondersi di malattie come la tubercolosi, il tifo, la lebbra, la febbre gialla e il vaiolo, il sindaco varò un piano che prevedeva la distruzione di vecchie palazzine e lo  L’OL spostamento di migliaia di abitanti nei quartieri periferici. In più, impose vaccinazioni forzate per la popolazione, scoppiarono rivolte contro quella pratica che gli animisti consideravano un oltraggio alla loro fede.

Per giorni la città fu sotto scacco, e al termine si contarono almeno 30 morti. Il programma di vaccinazione però non si arrestò, subì una breve sospensione, poi riprese, così facendo alcune malattie vennero col tempo debellate.

LA RIVOLTA ANTI STRAVINSKY

Nel 1913 a Parigi (il 29 maggio) fu presentato il balletto, La Sagra della primavera, su musiche di Igor Stravinsky. Era l’epoca delle avanguardie e delle sperimentazioni, anche musicali, e il pubblico non era preparato a quei suoni, giudicati cacofonici. Anche la storia era particolare, raccontava di un rito sacrificale pagano, nella Russia antica, all’inizio della primavera nel quale un’ adolescente veniva scelta per ballare fino alla morte per propiziare la benevolenza degli dei in vista della nuova stagione.

Tra il pubblico parigino al montare della musica iniziò a serpeggiare lo sdegno, con tanto di lancio di verdure sul palco e , si dice, qualche scazzottata, la performance si concluse però senza nessun ferito grave.

L’OLTRAGGIO PUZZOLENTE

Gurusalemme, Palestina 1 secolo d.C. nelle cronache della guerra giudaica (circa 70 d.C.), lo storico di origine ebraica Flavio Giuseppe narra un episodio curioso, un moto di rivolta contro gli occupati romani dopo un incidente in un tempo, dove alcuni Enrei erano raccolti per le loro celebrazioni religiose.

Un soldato romano entrò nel tempio, alzò la veste mostrando il fondoschiena e fece un rumore (qualcuno lo chiama sanità di corpo) in linea con la sua postura, la folla iniziò a urlare e a lanciare pietre contro i soldati, un comandante romano chiamò i rinforzi per frenare la rivolta, e sul campo rimasero diversi morti.

“Felice Compleanno”

sabato 25 novembre 2017

Tantissimi Auguri di “Buon Compleanno” Alla nostra carissima e solare amica Nelly!!!

Da tutti noi del gruppo Blog…

Quando a Torino nevicava

mercoledì 8 novembre 2017

Anni a dietro a Torino come in altri posti nevicava ma non solo una volta, in tutto l’inverno magari nevica tre quattro volte anche di più, a secondo dell’inverno quelli più freddi la neve rimaneva nei prati fino al mese di aprile.

Evento “Italia in Classe A”

lunedì 23 ottobre 2017

Efficienza Energetica on the road

ENEA, in collaborazione con il Comune di Torino, organizza un evento denominato “ITALIA IN CLASSE A” che si terrà giovedì 26 ottobre 2017, presso l’Urban Center – P.zza Palazzo di Città, 8f.

In occasione di tale evento alcuni esperti dell’ENEA incontreranno i cittadini per rispondere a domande relative all’uso consapevole dell’energia.

“Animazione alla festa d’Autunno di via Chiesa della Salute”

martedì 17 ottobre 2017

Domenica 15-10-2017 in Via Chiesa della Salute si è svolta la Festa d’Autunno, organizzata dai commercianti della zona, con una vasta esposizione di banchi di merce.

Molto numerosa è stata la partecipazione dei cittadini.

Nella prima parte del filmato si può vedere una coppia di allievi del corso che balla la Kizomba.

Nella seconda… si può ammirare una coppia di giovanissimi ballerini che ballano una Baciata…

Buona visione…