Archivio della Categoria 'Blogger'

Spoiler :non sono più quelli di una volta……….

giovedì 8 giugno 2017

1-Gli spoiler

Il primo significato nel settore meccanico è del 1928: inizialmente impiegato in aeronautica, passò in seguito a indicare strutture simili installate sulle imbarcazioni veloci (1957) e, infine, sui veicoli a motore (1963); il fatto che gli alettoni aerodinamici abbiano un nome che deriva da un verbo che significa ‘sciupare’ fa riferimento al ruolo degli spoiler, che è quello di “rovinare” o, meglio, disturbare, il flusso laminare dell’aria attorno al veicolo.

2-Gli spoiler

In Italia il termine compare alla fine degli anni Novanta come rivelazione che potrebbe rovinare la visione di un film a chi non l’ha visto State rivelando qualcosa che potrebbe rovinare un film a chi non l’ha visto, mettete questo “tag” nel soggetto del messaggio, oppure nel testo. In questo caso, lasciate anche qualche riga vuota dopo il tag, cosi’ chi legge puo’ decidere se andare oltre o meno. la traduzione letterale [ROVINATORE] cosi’ da rendere il senso auto-evidente (almeno spero).  proposto [SCIUPAFILM] che non e’ niente male] [Sciupasorpresa] [rovinafinale [ rovina trama*]

Mare d’erba………

sabato 27 maggio 2017

Ogni filo d’erba ha un proprio Angelo che lo incoraggia sussurrandogli: Cresci!
(Talmud)

Ogni filo d’erba sembra contenere una biblioteca dedicata alla meraviglia, al silenzio e alla bontà.
(Fabrizio Caramagna)

Se la vista di cieli azzurri ti riempie di gioia, se un filo d’erba cresciuto in un prato ti commuove, se le cose semplici della natura hanno un messaggio che riesci a capire, rallegrati, perché la tua anima è viva.
(Eleonora Duse)

COME CREARE UN BLOG

venerdì 5 maggio 2017

Interessante articolo su come creare un BLOG

Call Center: Italia sì Italia no..

venerdì 28 aprile 2017

Mi è capitato, ultimamente, di telefonare a call center diversi e sono rimasta stupita  nel sentire che alcuni specificano che rispondono dall’Italia con operatori italiani;

altri, tipo una banca Intesanpaolo , continuano a rispondere anche  da call center stranieri con operatori stranieri…

Mi domando:perchè non si adeguano tutti, è proprio tanto difficile da fare ?????

Le Spine della Spina REALE

giovedì 27 aprile 2017

La promenade plantée con piante mediterranee………..

lecci, ginestre, lavanda, ginepro..piracanta……

c’erano una volta……adesso non ci sono più…….

c’è solo  desolazione  e abbandono……..

…..noi che…..

domenica 23 aprile 2017

“1.- Da bambini andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né
airbag…

2.- Viaggiare nella parte posteriore di un furgone aperto era una passeggiata
speciale e ancora ne serbiamo il ricordo.

3.- Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi, con vernici a base di
piombo.*

4.- Non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle confezioni dei
medicinali, nei bagni, alle porte.

5.- Quando andavamo in bicicletta non portavamo il casco.

6.- Bevevamo l’acqua dal tubo del giardino invece che dalla
bottiglia dell’acqua minerale…

7.- Trascorrevamo ore ed ore costruendoci carretti a rotelle ed i fortunati che
avevano strade in discesa si lanciavano e, a metà corsa, ricordavano di non
avere freni. Dopo vari scontri contro i cespugli, imparammo a risolvere il
problema. Sì, noi ci scontravamo con cespugli, non con auto!

8.- Uscivamo a giocare con l’unico obbligo di rientrare prima
del tramonto. Non avevamo cellulari… cosicché nessuno poteva
rintracciarci. Impensabile .

9.- La scuola durava fino alla mezza, poi andavamo a casa per il
pranzo con tutta la famiglia (si, anche con il papà).

10.- Ci tagliavamo, ci rompevamo un osso, perdevamo un dente, e nessuno faceva una denuncia per questi incidenti. La colpa non era di
nessuno, se non di noi stessi.

11.- Mangiavamo biscotti, pane olio e sale, pane e burro, bevevamo bibite zuccherate e non avevamo mai problemi di sovrappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare…

12.- Condividevamo una bibita in quattro… bevendo dalla stessa bottiglia
e nessuno moriva per questo.

13.- Non avevamo Playstation, Nintendo 64, X box, Videogiochi ,
televisione via cavo con 99 canali, videoregistratori, dolby
surround, cellulari personali, computer, chatroom su Internet
… Avevamo invece tanti AMICI.

14.- Uscivamo, montavamo in bicicletta o camminavamo fino a casa
dell’amico, suonavamo il campanello o semplicemente entravamo senza
bussare e lui era lì e uscivamo a giocare.

15.- Si! Lì fuori! Nel mondo crudele! Senza un guardiano! Come abbiamo fatto?
Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis, si formavano
delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti
per giocare e gli scartati dopo non andavano dallo psicologo per il trauma.

16.- Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né d’iperattività; semplicemente prendeva qualche scapaccione e ripeteva l’anno.

17.- Avevamo libertà, fallimenti, successi, responsabilità … e imparavamo a gestirli.

La grande domanda allora è questa:
Come abbiamo fatto a sopravvivere?”

da facebook

La sciagura del grande Torino calcio

martedì 18 aprile 2017

Il grande Torino delle scene molto commoventi, la sciagura del maggio 1949 a Superga la registrazione del pilota con la torre di controllo poi la sciagura che tutti ricordiamo.

La Tempesta

venerdì 7 aprile 2017

Questa sembra la tempesta in cui viviamo in Italia: tutti i giorni “buone notizie” sempre

per sollevarci il morale…………

via GIPHY

Passeggiata a Torino anni 60

martedì 4 aprile 2017

Passeggiata a Torino anni 60 molto emozionante,sia la musica che il video, si vede molto bene il ponte Isabella, il valentino molto diverso, oggi e meno curato x volontà del Comune peccato. I murazzi non mi sembrano cambiati.

però …la vita a le bela…………

giovedì 30 marzo 2017