Archivio della Categoria 'Blogger'

FELICITA’

sabato 17 aprile 2021

Potrebbe essere un'immagine raffigurante fiore e il seguente testo "Cos'è la felicità? La felicità è tante cose. La felicità è quando sorridi e non te ne accorgi. È tua canzone preferita che capita casualmente in radio. Eun un caffè con un'amica. È qualcuno che guardandoti capisce tutto, senza che tu gli abbia detto niente. È' un abbraccio affettuoso che arriva alle tue spalle. È un messaggio inaspettato che arriva al momento giusto. Autore sconosciuto"

MOZART PER LA FELICITA’

MOLE ANTONELLIANA 10 APRILE 1889-10 APRILE 2021

domenica 11 aprile 2021

DAL WEB

“La Mole Antonelliana è un edificio monumentale di Torino, situato nel centro storico, simbolo della città e uno dei simboli d’Italia. Il nome deriva dal fatto che, in passato, fu la costruzione in muratura più alta del mondo, mentre il suo aggettivo deriva dall’architetto che la concepì, Alessandro Antonelli.

La forma della Mole è unica nel suo genere e questo perché frutto della singolare tecnica architettonica messa in pratica da Alessandro Antonelli. La parte inferiore è tutta in muratura con una basa quadrata superiore ai moduli poi sovrapposti. L’ingresso è tipico dei templi dell’antica Roma con colonne in stile prettamente neoclassico.”

ARRUOLATE ANCHE LE API……

mercoledì 31 marzo 2021

“DA DAGOSPIA DEL 31 MARZO”

“UN API-GLIO PER LA SALVEZZA – UN TEAM DI RICERCATORI BOSNIACI STA ADDESTRANDO LE API A TROVARE LE MINE ANTIUOMO: GLI SCIENZIATI INSEGNANO AGLI INSETTI AD ASSOCIARE L’ODORE DEL TRITOLO A SOLUZIONI ZUCCHERINE COSÌ CHE, APPENA RILEVANO LA PRESENZA DELL’ESPLOSIVO, VANNO A RONZARVI SOPRA NELLA SPERANZA DI TROVARE CIBO – UN SISTEMA INTEGRATO DAI DRONI CHE, SEGUENDO IL LORO VOLO, TRASMETTONO IMMAGINI E DATI DAI LUOGHI INDIVIDUATI…”

AH LA VITA………..

mercoledì 31 marzo 2021

Quanti giorni vuoti
Quanti giorni tristi in questa
Nostra vita
Quante delusioni
Quante inutili passioni
Nella vita
Quante volte abbiamo detto basta
Hai disprezzato
Questa vita
Mai una volta che pensiamo
A quello che ci porta
Questa vita
Ah-ah, la vita
Che cosa di più vero esiste al mondo
E non ce ne accorgiamo quasi mai
Quasi mai, quasi mai
Qualche volte abbiamo
Come un senso di paura
Della vita
Anche se ci sono tante
Cose che non vanno
Nella vita
Ma che cosa pretendiamo
Cosa ci aspettiamo
Dalla vita
No, non è possibile
Sprecare inutilmente
Questa vita!
Ah-ah, la vita
Più bello della vita non c’è

Torino ………è primavera da la stampa del 20 marzo 2021

sabato 20 marzo 2021

TORINO. Ok, è primavera. Almeno così dicono il calendario e i primi sintomi di allergia al polline. E com’è la stagione della fioritura a Torino? Non dico in questi giorni abbagliati da quella insostenibile luce da lockdown che sembra dirti «Copriti gli occhi, tanto non te la puoi godere», ma in generale, nei bei tempi andati in cui uscivi senza autocertificazioni in tasca («Ce l’ho!»), buste di nylon («Sto andando a fare la spesa!») o abbigliamento ginnico («Attività motoria al parco!»). A risponderci non è un torinese, bensì il Reuccio di Trastevere, nientemeno che Claudio Villa. Nel 1949, sul lato b di «Rosso di sera», incideva una inattesa «Torino a primavera», marcetta orchestrale jazz da sigla di Istituto Luce.

Nella canzone definiva la nostra una città placida, che «S’addormenta nella sera tra le prime luci d’or» (prove tecniche di coprifuoco…). In un tripudio di canto aulico e fiori ovunque, spicca la nostra consueta toponomastica, dove «Un cuor sentimentale se ne va di viale in viale» e «L’amore passa da ogni strada da gran signore», entrambi chiaramente agevolati dalla consueta simmetria urbana. Garanzia assicurata da un memorabile «Pei viali della felicità l’amore a tutte le tote un sogno sa regalar». Ma proprio una tota sembra aver trafitto il cuore dell’ugola che portò in trionfo «Granada» e «Binario», infatti sul finale Claudio Villa si domanda «E tu mia torinesina bionda perché da me non scendi?». A chi si riferisce? Si sarà identificata in lei anni dopo Mercedes Bresso che, prima di intraprendere la carriera accademica e politica, fondò nel 1959 con la sorella Paola il primo fan club torinese di Claudio Villa con ritrovo nientemeno che in un bar di Corso Vinzaglio? Chissà. Le due sorelle Bresso scrissero anche per il Reuccio il testo di «Furibondo Twist» (pubblicata nel 1962 come retro di «Enamorada») in cui un reticente fidanzato finisce per scatenarsi nel ballo assecondando così la passione della sua ragazza. Insospettabili e sorprendenti, noi torinesi. Magari sarà stato uno scherzo della primavera, difficile dirlo. Intanto mettiamo le scarpe da jogging e guadagniamoci la nostra ora d’aria puntando verso il «Valentino che a ogni sogno apre il cammino». Evidentemente Claudio Villa aveva già capito tutto. —MAURIZIO BLATTO

……..riusciremo ad uscirne………

martedì 9 marzo 2021

Ricordo mio padrino, era un Ragazzo del ’99 di quelli  chiamati per la andare al fronte per la grande guerra perchè quelli del 1870,1880 ect erano morti  …  per il conflitto e per la Spagnola  ….. se ne andarono a milioni…..generazioni perse…

Poi  …… arrivò la Seconda guerra mondiale e  anche lì  se ne andò una buona parte della generazione del 1910 /1920 ecc.


adesso tocca  alla generazione del 1940/1950 ecc  anno più anno meno……ma, non è più la guerra è qualcosa di peggio  chiamatela come volete pandemia, covid, corona virus,  …….è un nemico difficile da combattere e ci sta rubando gli anni 2020 perso 2021 lo stiamo perdendo……perchè promette molto bene.

C’è ancora  da dire che mentre in guerra si sparava al nemico….. adesso i nemici sono quelli che non capisco la gravità della situazione e non vogliono adeguarsi alle norme di legge…… devono sentirsi liberi…….

.
Qua sotto, nel giardino ci saranno un cinquantina ,anche più tra bambini, mamme nonni, uomini ( che si riempiono di birra)ragazzine e ragazzini   tutti rigorosamente senza mascherina( e tutti che si baciano e abbracciano per salutarsi.)

Non ci rimane da dire come si dice in piemontese
“suma bin ciapà”
….

“Auguri di Buona Pasqua”

venerdì 10 aprile 2020

Carissimi amici e amiche vorrei fare Tantissimi Auguri di una serena Pasqua a tutti voi insieme alle vostre famiglie…

Tanti Auguri di Buona Pasqua a tutti i collaboratori e personale della Circoscrizione Cinque…

Un forte abbraccio virtuale a tutti… Franco…

RINGRAZIAMENTI

domenica 29 marzo 2020

GRAZIE- FRANCO- GRAN MAESTRO DELLA TERAPIA INTENSIVA….GRAZIE DELLA PAZIENZA CHE HAI AVUTO – BEL LAVORO-  HAI FATTO

Ama,come se fossi un bambino
Sorridi,non importa cosa dicono
Non ascoltare una parola di quello che dicono
perchè la vita è bella così.

Lacrime,un’ondata di lacrime
Luce,che lentamente scompare
Aspetta,prima di chiudere le tende
C’è ancora un altro gioco da giocare
e la vita è bella così.

Qui con i suoi occhi eterni
sarò sempre vicina quanto te
ricorda da prima
ora che sei là fuori con te stesso
ricorda cos’è vero
e quel che sognamo è solo amore.

Conserva la risata nei tuoi occhi
presto verrà premiato il tuo aspettare
non dimenticheremo i nostri dolori
e penseremo ad un giorno più allegro
perchè la vita è bella così.

Non dimenticheremo i nostri dolori
e penseremo ad un giorno più allegro
perchè la vita è bella così.
C’è ancora un altro gioco da giocare
e la vita è bella così.

Segnala

“Blog Dietro La Quinta”

venerdì 27 marzo 2020

Undici anni fa un gruppo di Over 60 aderiva alla creazione di un nuovo blog denominato dietrolaquinta della Circoscrizione Cinque Torino per scrivere articoli riguardanti gli eventi e le iniziative della Circoscrizione: Che hanno la precedenza nella pubblicazione. Altri sull’Amicizia, Astronomia, Attualità, Blogger, Considerazioni, Eventi, il Quartiere, Inquinamento, Mostre e Musica.

Col passare degli anni alcuni scrittori non ci sono più, ma nel frattempo si sono uniti degli altri di cui il loro arrivo è stato molto gradito… Siamo all’undicesimo anno e mi auguro che ci sia per tutti sempre lo spirito la voglia è la volontà di collaborazione come i primi anni.

Collaborare vuol dire anche fare commenti.  Io se vedo qualcuno che ha pubblicato qualcosa faccio sempre un commento. Siamo stati sempre un gruppo unito anche nella collaborazione. Chi vuole può ugualmente pubblicare qualcosa da casa, anche per occupare un po il tempo libero. Nel frattempo ho aggiornato la pagina degli scrittori del Blog erano elencati ancora anche quelli che non ci sono più.

Adesso è un periodo difficile è siamo tutti a casa in quarantena…  Il mio augurio è che passi nel minor tempo possibile in modo da poter riprendere i nostri incontri settimanali.

Un bravo a Luchin che pubblica sempre  articoli interessanti e come ultimo la chiesa costruita tutto in legno a incastro nel comune di Moncalieri di cui non sapevo dell’esistenza, ma non appena si potrà uscire mi piacerebbe visitarla.

Ho fatto un collage con le foto di tutti i componenti del gruppo a cominciare da Biagia in alto a sinistra della foto e poi a seguire Francesco, Aldo, Franco, Rita, Luciana, Marino, Beppe, Piero 2, Marina, Iris, Nelly, Nadia, Piero, Secondo e Carlo.

Vorrei ringraziare tutti per la vostra amicizia e simpatia per questi anni trascorsi insieme.

chiamare l’ambulanza per pronto soccorso……

venerdì 21 febbraio 2020

da La Stampa del 21/2/2020

L’interno di un’ambulanza ispezionata

“Ambulanze insicure Veicoli senza revisione e abitacoli pericolosi

Due ambulanze senza revisione e condizioni interne non a norma per circolare in sicurezza.

…….. hanno effettuato una serie di verifiche sui veicoli adibiti al soccorso e al trasporto su richiesta. Entrambe le ambulanze sono di un’associazione di volontariato che offre servizi assistenziali con veicoli equipaggiati con il dispositivi di rianimazione cardiologica.

………. Innanzitutto le ambulanze sono state trovate senza revisione. Ma le irregolarità più serie sono state riscontrate all’interno degli abitacoli. A bordo di un veicolo è trovato un vetro rotto. Condizione che non garantisce la sicurezza del trasporto di un malato.

Su un altro sono state scoperte bombole d’ossigeno vuote, l’una a fianco all’altra in una posizione considerata pericolosa. In caso di sterzate o frenate improvvise, sarebbero potute cadere, provocando delle conseguenze.

Entrambe le ambulanze sarebbero risultate sprovviste di documenti di autorizzativi a prestare il servizio sanitario, rilasciati dalle autorità competenti. In assenza di questi atti, i due mezzi andrebbero considerati tecnicamente «abusivi», quindi non autorizzati a circolare.

L’associazione, che fornisce tra l’altro servizi infermieristici e di assistenza a manifestazioni, anche sportive, ora dovrà giustificare perché quei documenti, obbligatori, non fossero presenti a bordo. I controlli sono partiti nell’ambito di un’attività iniziata dopo che, lo scorso ottobre, un uomo era deceduto mentre veniva trasportato all’ospedale di Rivoli su un’ambulanza.”

A VOI  L’ARDUA SENTENZA……