Archivio della Categoria 'Salute'

EVENTO SISMICO (TERREMOTO)

sabato 26 agosto 2017

Ad ISCHIA, si è verificato un evento sismico, l’ultimo di una catena che sembra non finire mai. L’Italia sembra sbriciolarsi sotto i colpi infiniti del terremoto.

Noi comuni mortali, cosa sappiamo dei terremoti?

Sappiamo che ci creano una paura atavica, che ci rende incolpevolmente paurosi ed anche egoisti (attaccati alla vita), l’imprevedibilità del’evento, la non preparazione all’evento, che non solo il nostro essere non è pronto, e probabilmente non lo sarà mai, la mancanza di certezze, di punti di riferimenti, la solitudine che ti circonda ci porta ad annullare tutte le nostre capacità, sia fisiche che mentali.

Avere paura del terremoto è normale, perché è un evento che non puoi controllare, si tratta di una emozione forte e improvvisa che attiva il nostro sistema nervoso, che in caso di pericolo agisce per salvarti.

Gli stati d’animo che puoi vivere dopo aver subito una scossa sismica, normalmente sono, dolore, rabbia e paura, oltre ,la rabbia può pervaderti, perché hai subito un danno, nella tua persona o nelle tue cose, oppure pensi che avresti potuto comportarti in maniera diversa, quindi prendi coscienza di quanto ti sta capitando.

Una volta realizzato quanto stai vivendo, riesci ad agire con razionalità e meno d’impulso.

Per aiutarti a superare l’accaduto, condividi con altri la tua esperienza, confrontati con chi ti è vicino, parlarne aiuta a esorcizzare quanto accaduto.

Una volta cessata l’allerta, bisogna riprendere al più presto la routine quotidiana, per evitare che un evento cosi’ drammatico possa (e già lo fa) condizionare la nostra vita.

Cosa crea in noi il terremoto?

Per noi che ignoriamo le cause del nostro timore, tutti i fatti sono più terribili, sopratutto quelli la cui rarità accresce la nostra paura, i fenomeni che ci sono familiari ci paiono meno impressionanti, quelli insoliti (come il terremoto) fanno più paura.

Gli effetti primari sull’uomo sono, il terrore, lo stupore, lo smarrimento, in alcuni casi la pazzia. Non è facile restare in sé in mezzo a grandi catastrofi, perciò, quasi sempre le menti più deboli vengono prese dal panico al punto da uscire di sé, certo è che nessuno prova un grande spavento (qualunque sia) senza pregiudicare un po la sanità mentale.

Le calamità sono eventi che travalicano l’ambito dell’esperienza umana normale, l’effetto psicologico è abbastanza traumatico, tanto da indurre a stress chiunque lo subisce. Oggi le reazioni di stress vengono considerate normali, se si subisce un evento non normale.

Comunque qualcuno c’è sempre che strumentalizza quanto accade, quel qualcuno la chiama SATIRA.

IN CAMMINO TRA I SENTIERI DELLE COLLINE DEL PO

venerdì 7 luglio 2017

Proposte per valorizzare con le proprie gambe i sentieri della collina torinese. Conoscendo la natura, si impara ad amarla e proteggerla, oggi più di ieri è indispensabile proteggerla, cosi’ facendo proteggiamo anche noi.

Nel calpestare i sentieri, nei boschi silenti e tra i grandi monumenti legnosi, respiriamo un’arie inebriante composta da innumerevoli e delicati profumi, tanti che attirano tutti i nostri sensi , a questo punto possiamo capire qualcosa della natura che ci circonda, di chi ci abita, solo allora possiamo cominciare a comprenderla e rispettarla.

Proteggerla significa prendercene cura, consapevoli che solo cosi salviamo la natura e noi stessi, da una inesorabile caduta libera.

Torino offre una vasta possibilità, a tiro di servizio pubblico (Bus)

Possiamo cosi’, camminare in percorsi che non solo ci riportano nella natura, ma ci accompagnano alla conoscenza di tracce del passato, ma radici del nostro  futuro.

A partire dal 2012 l’ente parco del Po e della collina Torinese, propone una serie di itinerari che corrono sulla cresta  spartiacque delle colline del Po. Grazie all’attività volontaristica (vi è anche una volontaria Senior Civico) del coordinamento sentieri, coordinato da Pro Natura Torino, diventa percorso di riferimento di rilevanza regionale.

PER INFORMAZIONI: sentiri della collina Torinese c/o Pro Natura Torino, via Pastrengo 13 Torino Tel. 011-5096618

(e-mail : Torino@pro-natura.it)     web: htt//:torino.pro-natura.it

PROGRAMMA periodo autunnale 2017

>SABATO 16 settembre – Passeggiata del parrocchiano; In collaborazione con le associazioni Bici & dintorni, Muoviti Chieri, Vivere e GAH per la settimana Europea della mobilità sostenibile. Passeggiata a piedi o in bicicletta (facile per tutti) nella pianura Chierese, attraverso rii e cascine, con arrivo alla chiesetta di San Domenico Savio e San Giovanni di Riva.

Ritrovo a Chieri presso la parrocchia di San Giacomo Apostolo ( strada Padana Inferiore 21) per informazioni tel. 3497210715

camminarelentamente2@gmail.com

> DOMENICA 17/settembre - Passeggiata del Traversola, L’associazione di promozione sociale camminare lentamente, propone un piacevole itinerario ad anello tra boschi e ruscelli nella valle dei Savi, con ristoro presso il Ciocchero e merenda sinora finale a cura della proloco dei Savi.

Ritrovo alla frazione Savi di Villanova d’Asti in piazza della chiesa, partenza alle ore 14,30 quota di partecipazione da definire. Tel. 3806835571

camminarelentamente2@gmail.com

> DOMENICA 17 settembre – Passeggiata delle scoperte a Pino Torinese : gli antichi forni patrimonio di comunanza e solidarietà. Partenza ore 14- piazzale della scuola, Strada Podio 41 a Pino T.se. Percorso Forno Menzio, Forno dell’Ormea, Forno tetti Tomè, Forno Casaverde. (se piove la passeggiata viene raccontata al coperto, prima della merenda) Riferimenti e informazioni tel. 3332743291

muscovol@gmail.com

> SABATO 23 settembre - “QUATTRO PASSI” dal ponte Isabella alla passerella sul Po e ritorno, con pro natura. Ritrovo alle 14,30 al ponte Isabella lato collina, passeggiata di circa ore 2,30 sulle sponde del Po. dal ponte Isabella fino alla passerella di corso Moncalieri, quindi passando sopra la passerella si attraversa il fiume per ritornare al ponte Isabella. Costo di partecipazione € 3, Prenotazione telefonica obbligatoria nella settima precedente Tel. 011 5096618 nelle ore pomeridiane da lle 14 alle 19.

> DOMENICA 24 settembre – Giornate Europee del pattrimonio e Settimana del Romanico Astigiano – “Sentiero del Malvasia,  da Sant’Uusebio (Castelnuovo don Bosco) a Vezzolano (Albugnano).

L’associazione la Cabalesta con il Polo Museale del Piemonte, propone visita allachiesa romanica di Sant’Eusebio, salita sulla collina di Cornareto, fra boschi e vigneti fino alla chiesa romanica di Santa Maria, punto panoramico a 360°, discesa finale su Vezzolano, con visita guidata al complesso monumentale. Ritrovo a Castelnuovo don Bosco, davanti alla chiesa di Sant’Eusebio, Percorso di circa ore 3 , segue pranzo al sacco, possibilità di ristoro presso presso il bar chiosco. nel pomeriggio visita alla chiesa di Santa Maria e al Chiostro, previsto ritorno  per le ore 17,30. Modalità  di partecipazione gratuita. Tel. 011 9872463,  e-mail: info@lacabalesta.it

>  SABATO 30 settembre, Pulizia dei sentieri di Moncalieri - Il Cai propone la pulizia dei sentieri della collina Moncalierese. Per informazioni su orario e sulle modalità organizzative rivolgersi entro il mercoledi’ precedente al Tel. 3313492048 - www.caimoncalieri.it

>DOMENICA 1 ottobre, 15.a edizione di “colori e sapori della collina”, Il Cai di Foglizzo propone un’escursione di circa 19 Km sui sentieri che attraversano vigne, boschi, borgate, chiese romaniche sulle colline da Albugnano a Cinzano e ritorno. Ritrovo entro le 8 presso il cortile dell’azienda Agrituristica Pianfiorito di Albugnano, pranzo al sacco, possibilità di acquisto panini e altro presso la proloco, quota di partecipazione 2 €, merenda sinoira (facoltativa) con prenotazione entro il 28 settembre.

Informazioni , Catia Musso Te. 3382076921, Silvio Schina Tel. 3474025854, Alessandro Ferrero Tel. 3338247760

e-mail : foglizzo@caichivasso.it,  www.caichivasso.it

>DOMENICA 8 ottobre, Giornata Nazionale del camminare, Grande attraversata dell’alto Astigiano sui sentieri di Don Bosco (Vezzolano – castelnuovo don Bosco – Mondonio – Colle Don Bosco). Appuntamento al colle Don Bosco, parcheggio della basilica e ntro le ore 8,30, Si raggiunge in bus il piazzale della canonica di Vezzolano, partenza da Da Vezzolano alle ore 9. arrivo a Mondonio previsto per le ore 13, sosta per il pranzo al sacco, ritorno previsto per le ore 17,30 al colle Don Bosco, nessuna  difficoltà presenta la camminata, richiesta prenotazione e ntro giovedi’ 5 ottobre per e-mail : info@lacabalesta.it oppure telefonicamente al numero Tel. 011 9872463 (segreteria telefonica) Quota di partecipazione € 7. Per il dettaglio del percorso htt://lacabalesta.it/testi/percorsi/GTAA.html

> DOMENICA 15 ottobre, Verso il lago di Arignano, la proloco di Sciolze organizza una passeggiata, ritrovo alle ore 9,30 presso il piaazale del cimitero, per corso, Sciolze, trinità di Montaldo, tetti ottone, Avuglione, Stradina per il lago, giro del lago, cascina Calcinera, cascina Gambiana, Valle di Lana, frazione Bocchetta, rientro a Sciolze. durata prevista circa 5 ore, pranzo al sacco, quota di partecipazione € 2. Per informazioni rivolgersi a Michela Wolff Tel. 3409609920, Claudio Manfredotti Tel. 3331013507 oppure e-mail: prolocoscioize@gmail.com

>DOMENICA 15 ottobre, In marcia con i cacciatori delle Alpi- In collaborazione con il comune e la federazione FIASP, saranno fruibili n. 4  percorsi di 3,7,10,15 km, partenza dalle ore 8,00 alle ore 9,00 da piazza Radicati Quota di partecipazione € 4 , aperitivo finale, per informazioni  Tel. 3420000896, e-mai: amicideisentiri@gmail.com

> DOMENICA 22 ottobre, L’associazione turistica Pro Loco di Gassino e il coordinamento sentieri di Gassino invitano a scoprire ambienti, paesaggi, accompagnati da storici, esperti e appassionati propongono un percorso con partenza alle ore 9,00 Farmacia Ternavasio, salendo a San Salvatore . Per informazione Tel. 3292471451 (associazione turistica Gassino) Tel. 3296734631 (coordinamento sentieri Gassino)

> SABATO 28 ottobre Giro delle 5 chiesette di Berzano San Pietro- Associazione attorno alla RO Verda e il Cai di Chivasso vi accompagnano lungo l’anello che si snoda su crinali che dominano i boschi, toccando le 5 chiesette, tutte in luoghi dominati da bellissimi panorami. Il per corso dura circa 4 ore, pranzo al sacco, partenza e arrivo Municipio di Berzano di San Pietro, appuntamento alle ore 10,00, per informazionihttps://attornoallaroverda.wordpress.com/

> DOMENICA 29 ottobre, camminata mattutina tra i boschi e vigneti sulle colline di Cinzano – L’associazione Pro loco di Cinzano in occasione dela fiera dei vini propone una camminata naturalistica, camminata , ad anello per i sentieri della collina, durata circa 3 ore , ritrovo ore 9,00 presso gli impianti sportivi di via Cassina 3, partenza ore 9,30, per informazioni Tel. 011 9608124 – 3387613477ss.com/    e-mail : protocollo@comune.cinzano.to.it

> DOMENICA 29 ottobre, I colori nel bosco, L’associazione Albacherium di Baldissero Torinese organizza una camminata autunnale per vedere le meraviglie dell’autunno, ritrovo alle ore 9,00 presso il centro comunale “paluc”, pranzo al sacco, per informazioni ,e-mail:  carlitero. mantovani@gmail,com Tel. 3477923429

> DOMENICA 5 novembre, camminata da Sassi a Superga fra i colori autunnali – due percorsi, da Sassi a Superga di km 15 – da Sassi strada Cartman a lla cascina Corvino e congiungimento con il gruppo che arriva da Superga, pranzo al sacco, quota dipartecipazione € 3 – per informazioni Tel. 011 5096618

> SABATO 11 novembre, “Quattro passi” dal ponte Vittorio Emanuele 1 alla Madonna del Pilone, con Pro Natura Torino – Passeggiata di circa 2,30 ore, ritrovo alle ore 14,30 al ponte Vittorio Emanuele 1 lato Gran madre.Dal ponte si raggiunge la Madonna del Pilone, attraversando poi la passerella Chiaves si tornerà in piazza Vittorio, contributo di partecipazione € 3. prenotazione telefonica obbligatoria nella settimana precedente, Tel. 011 5096618 orario chiamate dalle 14 alle 19.

>SABATO 2 dicembre, “Quattro passi”al Parco Dora, con Pro Natura Torino – ritrovo ore 14,30 al ponte Carlo Emanuele 3 in corso Umbria angolo piazza Piero della Francesca. la passeggiata dura circa 2 ore sulle sponde del fiume Dora riparia, si conoscerà questo nuovo parco nato nelle ex zone industriali, contributo di partecipazione € 3 prenotazione telefonica nella settimana precedente Tel. 011 5096618 orario dalle 14 alle 19.

> VENERDI’ 8 dicembre, Pellegrinaggio a Madonna di celle – con partenza dal piazzale delle ciliegie (Bus 70 GTT e Bus VIGO), organizzato dalla parrocchia ed alpini di Pecetto per informazioni Tel. 3204306578.

PER NON APPESANTIRE ECCESSIVAMENTE , ALCUNE DATA NON SON O STATE INSERITE

*** NOTE DI AVVERTENZE; Per tutte le camminate ed escursioni si consiglia di indossare sempre abbigliamento adeguato all’ambiente boschivo ed a sentieri anche sconnessi, si consiglia di indossare scarponcini o pedule con suola scolpita. Per tutta la durata del programma attenersi sempre alle disposizioni degli organizzatori.

“Come funziona il cervello”

domenica 2 luglio 2017

Il cervello è l’organo più complesso è misterioso che si conosca, composto da miliardi di celllule.

Le sue funzioni: elaborare i segnali in arrivo dall’esterno, immagazzinare i ricordi, soprattutto permetterrci di ragionare.

Per approfondire premere “QUI”

LE DIETE POVERE DI CARBOIDRATI

giovedì 29 giugno 2017

La dieta creata dal Dr. Atkins ,  (proteine, vegetali e pochi carboidrati, gli elementi di una dieta chetogenica) (pubblicata nel 1972) nonostante le varie controversie sollevate su questo regime dietetico, la dieta , secondo dati del 2003 aveva già venduto più di 15 milioni di copie, ed i dati attuali danno una vendita di oltre 40 milioni di copie.

ALIMENTI PER DIETA CHETOGENICA

Perché le diete povere di carboidrati producono una sensazione di euforia ?

Le persone che si sottopongono alle diete povere di carboidrati, raccontano di positive alterazioni dell’umore e sensazioni di ritrovata chiarezza mentale. Il motivo è da ricercarsi nelle complesse dinamiche metaboliche.

I processi metabolici che derivano da questo tipo di dieta, liberano nel nostro organismo una benefica sostanza che produce effetti simili all’acido gamma-idrossibutirrico (GHB), anche noto come “liquid ecstasy” (la droga dello stupro), è uno psicoattivo dagli effetti euforizzanti.

Per la dieta “Low-carb”, povera di carboidrati, bisogna cambiare passo, si intende un regime alimentare che ammetta non più di 50 grammi di carboidrati al giorno. Questo tipo di alimentazione obbliga l’organismo a passare da una situazione in cui brucia più carboidrati che grassi, per poter ricavare energia, a una in cui deve per forza bruciare grassi per funzionare.

MUOIO DI FAME; E’ una condizione chiamata “chetosi” o  acetonimia, si instaura dopo i primi 2 / 3 giorni di digiuno. Esaurito le riserve di glucosio il nostro corpo in una situazione di reale emergenza e in assenza di scorte, inizia a bruciare la “ciccia” che abbiamo faticosamente accumulata in acidi e grassi. Il nostro fegato converte gli acidi grassi in acetoacetato, un composto che funziona da “benzina” che  si decompone a sua volta in acetone e anidride carbonica, che conferisce spesso a chi è sottoposto a diete di questo tipo, un alito cattivo, (lo stesso che viene talvolta ai bambini dopo episodi febbrili).

INTOSSICATI; di solito un fegato sano converte l’acetoacetato, in un’altra sostanza più stabile (l’acido beta-idrossibutirrico) dal punto di vista chimico è praticamente identico al (GHB), la droga euforizzante. Anche gli effetti sul cervello sono simili; una certa euforia, rilassatezza e quasi un senso di leggerezza.

SVANTAGGI; L’altra faccia della medaglia delle diete chetogeniche, cosi’ sono chiamate, per via delle reazioni, insufficienza di calcio nelle ossa con possibilità di frequenti fratture, calcoli renali, disidratazione, eccesso di colesterolo nel sangue, non ultimo ritardo nella crescita.

Pertanto non è conveniente, ne consigliabile intraprendere la dieta per sperimentare una passeggera sensazione di euforia.

EFFETTI PRINCIPALI; Rimangono argomento di dibattito. Alcuni sudi ritengono che prevenga l’insorgere di problemi cardiovascolari, diminuisca la concentrazione del colesterolo lipoproteico (LDL) e invece aumenti la quantità di colesterolo (HDL), altri studi affermano che la dieta povera di carboidrati contribuisca a creare problemi coronarici, aritmia, osteoporosi e calcoli renali.

Vengono comunque sconsigliati per chi soffre di gotta o di problemi renali.

- ETICHETTE ALIMENTARI -

venerdì 21 aprile 2017

COME DIVENTARE CONSUMATORI CONSAPEVOLI

Al momento dell’acquisto, il primo contatto che si ha con un prodotto avviene attraverso la sua etichetta, ovvero la “Carta d’Identità” dell’alimento. Il ruolo principale di una etichetta è quello di informare il consumatore sulle caratteristiche reali del prodotto ed orientare al meglio la scelta commerciale. Oltre al nome con il quale è conosciuto il prodotto, in questa  dicitura comprende le informazioni legate alle condizioni fisiche, ma anche al trattamento specifico che l’alimento ha subito.

La durata del prodotto, viene indicato per quanto tempo l’alimento rimane integro e può essere consumato senza rischi. Nelle etichette possono comparire due indicazioni,” Da consumarsi entro“, che viene usato per alimenti che si rovinano facilmente (latticini, uova, carne) che non devono essere consumati oltre la data di scadenza, poiché possono provocare intossicazioni alimentari. Invece con l’espressione,   “Da consumarsi preferibilmente” indica, un termine di scadenza più elastico l’alimento può essere consumato oltre la data indicata senza effetti dannosi, ma può perdere il suo sapore e la sua consistenza.

Paese d’origine e luogo di provenienza, indicazione obbligatoria per (carni, pesce, frutta, verdura, olio extravergine e miele) . La tabella nutrizionale contiene le informazioni sul contenuto calorico e nutritivo dell’alimento, con l’elenco delle sostanze come (grassi, vitamine, proteine, minerali, fibre e sodio).

Conservanti, Tra i conservanti che impediscono il deterioramento degli alimenti ci sono due categorie molto comuni, utilizzate per salumi e carni lavorate: NITRATI (E251, E252 )  e NITRITI (E249, E250) I Nitrati in piccole dosi non sono pericolosi, invece i Nitriti hanno una caratteristica che li rende dannosi, possono formare delle sostanze cancerogene.

Solfiti, presenti tra i conservanti con: Anidride solforosa (E220) è un gas  che impedisce la formazione di muffe e batteri, questo additivo è irritante per tubo digerente, provoca reazioni allergiche, distrugge la vitamina B1. Questi conservanti vengono contenuti in una vasta gamma di alimenti e bevande (vino, birra, aceto, insaccati e frutta secca, ecc.) e si assumono quotidianamente in elevate quantità.

Antiossidanti, impediscono a determinate sostanze, come (grassi, oli e vitamine), di combinarsi  con l’ossigeno dell’aria. Un esempio di antiossidante è la vitamina C, chiamata  anche Acido Ascorbico (300), il (320 antiossidante sintetico aggiunto nei condimenti, salse, zuppe, aromi, gomme da masticare biscotti, ecc. Anche qui non manca la tossicità.

Codice a barre, composto da un insieme di barre e numeri, permette di risalire alla provenienza nazionale. Ad esempio: 80 Italia, 30 Francia, 4oo Germania, 45/49 Giappone, ecc. Le etichette che contengono molte informazioni sono sinonimo di qualità su quel prodotto, metodo di produzione, certificazioni, ricette numero verde assistenza clienti, il tutto contribuisce ad elevare ulteriormente il grado di qualità.

19 Aprile 2017, sono entrate obbligatoriamente in vigore le etichettature d’origine dei prodotti caseari: latte, latticini e di tutte le qualità di formaggi, segnando la loro provenienza.

“INQUINAMENTO ATMOSFERICO”.

mercoledì 12 aprile 2017

Aumenta l’incidenza di patologie respiratorie e cardiocircolatorie.

I pericoli per la salute dati dall’inquinamento atmosferico è un argomento d’attualità, come da sempre rimane al centro dell’attenzione. Come per molti altri temi, non bisogna cadere in un allarmismo catastrofico come dai dati che ci propinano alcuni ecologisti, ma nemmeno sminuire o trattare con superficialità l’argomento.

A essere le più inquinate sono le aree metropolitane: riscaldamento domestico, industrie e autoveicoli  sono i principali responsabili. A livello mondiale le condizioni più critiche si riscontrano nelle zone industrializzate della Cina Settentrionale.

In Europa  la situazione è certo meno drammatica, ma la Pianura Padana è di gran lunga l’area più inquinata del Vecchio Continente. A Torino in Piemonte, dai dati  dell”ARPA ci dicono che in questo ultimo decennio c’è stata una costante riduzione degli inquinanti atmosferici. Per il riscaldamento domestico si è passati dal carbone e nafta al gas metano, ora si va verso al teleriscaldamento in tutta l’area della città. Con la funzione delle norme in atto per il controllo dei gas di scarico delle automobili e l’eliminazione del piombo dalla benzina che hanno dato un grande aiuto benefico sull’ambiente. Le “polveri sottili” anche se si sono ridotte, restano ancora al di sopra del limite di protezione della salute, almeno nell’area metropolitana di Torino.

Per alleviare questo inquinamento ambientale, si devono imporre delle misure restrittive e sempre  condivise da tutta la popolazione, per esempio: al riscaldamento domestico, utilizzare metano e se possibile il teleriscaldamento, per la produzione di energia elettrica puntare alle fonti naturali (acqua, sole, vento), andare verso la costruzione di motori a scoppio sempre meno inquinanti, (come quelli degli autoveicoli ibridi o elettrici) e nelle industrie vengano imposti e osservati dei severi controlli delle emissioni nocive.

Dal punto medico, le due malattie più importanti che trovano nell’inquinamento atmosferico sono le bronchiti croniche, enfisema e malattie assimilabili, che rappresentano la terza causa di morte a livello mondiale e il tumore broncopolmonare.

Mentre per fumo, stili di vita e alimentazione, la riduzione del rischio è legata al modo del comportamento personale.

UN ESAME VELOCE E INDOLORE (l’esame del sangue)

domenica 26 marzo 2017

Tutti debbono fare almeno una volta all’anno una serie di esami clinici, specialmente per chi non ha più una verde età, ma anche in soggetti sani e giovani.

L’esame del sangue costituisce uno dei mezzi più utili per conoscere in tempi piuttosto brevi le condizioni di salute di una persona.

L’esame è veloce e indolore, inoltre fornisce una gamma di informazioni, dunque è fondamentale monitorare  il nostro stato di salute anche in assenza di sintomi. Gli esami del sangue rappresentano il primo step per la ricerca di una diagnosi, sono fondamentali come monitoraggio di una situazione non chiara.

Per comprendere  meglio gli esiti delle analisi è importante, prima di tutto, conoscere gli elementi formano il sangue e saper, almeno in linea di massima , quale compiti assolvono ciascuno di essi.

Il sangue è formato da una parte liquida detta “Plasma”, contiene vari tipi di cellule,  tra cui i globuli rossi, quelli bianchi e le piastrine. La funzione del sangue , ha molteplici compiti, tutti ugualmente importanti, trasporta l’ossigeno, fa guingere ai tessuti tutte le sostanze vitali, porta in circolo gli ormoni i quali a loro volta , influiscono sul buon funzionamento del corpo.

Normalmente il prelievo va fatto al mattino a digiuno, l’introduzione di cibo può alterare significativamente i valori, una buona norma è rispettare alcune regole, la sera precedente consumare un pasto leggero, astenersi dal consumo di vino e liquori nelle precedenti 48 ore, inoltre e buona norma nell’evitare il prelievo dopo uno sforzo fisico, riposare almeno una mezzora prima di farsi prelevare il sangue, tutto ciò può modificare i valori dell’esame.

> Composizione del sangue:

GLOBULI ROSSI, o eritrociti, sono particolari cellule del sangue, prive di nucleo e di organelli citoplasmatici dotate solo di una membrana plasmatica che racchiude l’emoglobina ed in numero limitato di enzimi, necessari per il mantenimento dell’integrità della membrana e per la funzione di trasporto dei gas. (la loro vita è di circa 120 giorni)

GLOBULI BIANCHI, o leucociti, sono molto meno dei globuli rossi, sono cellule del sangue coinvolte nella risposta immunitaria, grazie ai globuli bianchi il corpo umano si difende dai microorganismi ostili (virus, batteri miceti e parassiti) e da corpi estranei che penetrano al suo interno.

PIASTRINE E COAGULAZIONE DEL SANGUE, sono elementi corpuscolati del sangue. Sono le principali cellule che contribuiscono al fenomeno della coagulazione, in particolari condizioni si aggregano insieme allo scopo di favorire l’emostasi e di bloccare le emorragie. Le piastrine sono prodotte dal midollo osseo è hanno una vita media di circa 10 giorni.

>  Dalle analisi principali del sangue si possono evidenziare:

TRANSAMINASI, sono enzimi che intervengono in un processo chiamato transamminazione , cioè nella trasformazione di un aminoacido in un altro . la transamminazione è il primo passo nel processo di catabolismo delle proteine.

ACIDO URICO,  è un prodotto di scarto del fegato che deriva dalla distruzione delle cellule del corpo. Circola nel sangue in parte libero ed in parte legato a proteine di trasporto, viene eliminato dal nostro organismo attraverso i reni e quindi si ritrova nelle urine.

ACTH, è l’acronimo per definire un importante ormone del nostro corpo. L’ormone adrenocortico o corticotropina. Questo ormone viene secreto dalle cellule corticotrope dell’ipofisi anteriore, e proviene dal POMC, ovvero la proopiomelanocortina.

ALBUMINA, è una importante proteina del sangue, prodotta dal fegato, ma contenuta anche nel latte e nell’albume dell’uovo, dalla quale prende il nome. E’ importantissima per il nostro organismo perché rappresenta il 60% di tutte le proteine circolanti nel nostro sangue. La sua principale funzione è quella di mantenere costante il valore dell’albumina.

ALDOSTERONE, è il più importante tra i mineralcorticoidi ormoni secreti dalla corticale delle surrenali, due ghiandole situate sopra il polo superiore del rene. La sua funzione è quella di regolare la concentrazione di due importantissimi elettroliti del nostro organismo,” il sodio e il potassio”

ALFA1- ANTITRIPSINA, è una glicoproteina che inibisce gli enzimi proteolitici (proteasi) che scindono le proteine come collagenasi o l’elastasi. Fa parte del gruppo elettroforetico ematico delle alfa-globuline. L’alfa 1 – antitripsina  viene prodotta soprattutto dalle cellule del fegato, dai macrofagi e dalle cellule epiteliali respiratorie.

PROTEINA C  reattiva, o (PCR), è una proteina pentamerica (globulina) ovvero formata da 5 subunità identiche ad unoione Ca2+. E’ sintetizzata dal fegato in risposta ad una serie di stimoli di tipo infiammatorio.

AMILASI, è un enzima digestivo prodotto dal pancreas (e in minor quantità dalle ghiandole salivari, soprattutto la paraotite, reni e intestino tenue), la cui funzione è quella di idrolizzare (sciogliere) i legami glucosidici dei poli-e oligosaccaridi (come il glucosio o l’amido) dando origine , quindi a dei monosaccaridi.

ANTITROMBINA |||, è  una glicoproteina del plasma con azione anticoagulante prodotta dal fegato. E’ infatti il più importante inibitore della trombina e di altri fattori della cascata coagulativa, inoltre è un fattore che non dipende dalla vitamina K.

APTOGLOBINA, è una proteina di trasporto sintetizzata dal fegato, formata da due subunità. si trova nel sangue ed ha l’importante funzione di legare l’emoglobina (Hb) libera nel sangue che altrimenti andrebbe persa per via urinaria, insieme al ferro in essa contenuto.

AZOTEMIA, è un parametro che esprime la concentrazione di azoto non proteico nel sangue. E’ importante controllare spesso il valore dell’azotemia, soprattutto per verificare il corretto funzionamento dei reni. Una delle principali funzioni dei reni è quella di eliminare i prodotti metabilici di scarto derivanti dalla demolizione.

EMATOCRITO. rappresenta la percentuale degli elementi corpuscolati presente nel sangue (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine). si è parlato molto di ematocrito negli ultimi 20 anni, soprattutto in merito ai molti episodi di “doping ematico”, soprattutto nel mondo del ciclismo, il numero di globuli rossi è superiore di diversi ordini dei globuli bianchi.

EMOCROMO, è un esame che fornisce  dettagliate informazioni , riferite alla parte corpuscolare del sangue, composta da tre tipi di cellule, (globuli rossi, bianchi e piastrine). Il sangue infatti è formato da una parte corpuscolare e da una parte liquida, formata da plasma e siero.

> ESAME DELLE URINE:

LA GLICEMIA, rappresenta la concentrazione di glucosio nel sangue. L glicemia è uno dei più importanti esami di routine perchè una sua alterazione è indice di squilibri metabolici, potenzialmente molto gravi.

GAMMA – GT, (gamma glutamil transpepetidasi) è un enzima la cui principale funzione è di intervenire nel metabolismo del glutatione, per favorire l’eliminazione delle sostanze tossiche da parte del fegato.

RINOCULTURA, è un esame microbiologico che serve per evidenziare la presenza di eventuali batteri nelle urine.

LA VES, è l’acronimo di velocità di EritroSedimentazione, ED è un esame molto importante per valutare lo stato di salute dell’organismo. L’analisi della VES si basa sul fatto che il sangue contiene una parte corpuscolata e una liquida.

Quelli sopra indicati, sono alcuni degli esami  che con una provetta di sangue è possibile fare.

Funghi e Batteri

venerdì 10 marzo 2017

Per pulire in cucina, il tavolo,il lavello, i fuochi, normalmente si usa la spugnetta o panno, anche viene ripetutamente lavata oppure passata al microonde, il risultato rimane pessimo, l’eliminazione dei funghi e batteri risulta totalmente inutile, l’unica soluzione rimane il cambio assiduo della spugnetta . Ma un altro luogo raccoglie una quantità infinita di batteri, è la barba dell’uomo. Comunque non dobbiamo drammatizzare , visto chè non vi è nessun pericolo di contrarre malattie.
Se volete saperne di più cliccare qui

Diesel fermo / Falò acceso

sabato 18 febbraio 2017

Torino, a partire  da oggi le vetture Diesel Euro 3 non possono circolare, e probabilmente subito dopo lo stop varrà anche per i Diesel Euro 4, secondo le nuove misure antismog volute dall’amministrazione comunale di Torino. (ulteriori notizie clicca qui)

Certamente i livelli di smog sono superiori ai limiti imposti, giustamente  l’ARPA Piemonte ha diramato un report sulle previsioni , e il comuni di Torino attua le misure necessarie , come lo stop alla circolazione privata, nel nuovo  provvedimento si prevede anche il fermo di tutti i veicoli circolanti se perdura lo sforamento dei parametri di riferimento, e le nuove regole varranno pe questo anno fino al 15 aprile ( si spegne il riscaldamento delle abitazioni)

Sicuramente al Nord il problema si presenta più marcato, visto il territorio della pianura padana, favorisce il ristagno delle polveri sottili, pero bisogna smettere di pensare che l’inquinamento si risolve bloccando la circolazione delle auto, il traffico pesa al max per un 30%, ci sono altre emissioni da tenere d’occhio.

Molte sono le informazioni a riguardo; da più parti, si evidenzia che una causa importante va attribuita  alla combustione della legna usata per il riscaldamento domestico, pur essendo in città molti utilizzano le stufe, a legna o pellet, (secondo informazioni testate, contribuiscono a produrre quasi il 45% delle polveri sparse nell’aria), la combustione di biomasse nel settore agricolo contribuisce enormemente ad inquinare l’atmosfera,( forse un maggiore controllo sulle attività agricole ?)  il resto da cause varie e dal riscaldamento delle abitazioni. ( di cui in questo periodo non sene può fare a meno).

Sicuramente i provvedimenti emergenziali riducono temporaneamente  lo smog, ma non lo curano. Sicuramente un insieme di provvedimenti aiuterebbero  a ridurre l’inquinamento atmosferico ( ma non solo quello)

Poi però, noto che l’inquinamento non c’è più in città, visto che si è potuto (nessuna restrizione per l’evento) organizzare una festa, per i Valdesi, Ebrei, che celebravano una ricorrenza cara alla comunità religiosa, con un gran falò.

Una grande catasta di legno è stata innalzata in piazza Castello, e poi dato fuoco.

Durante la commemorazione, si sono succeduti molti interventi dal palco, tra cui la nostra sindaca di Torino, dichiarando che con quel falò , la nostra comunità è aperta e accogliente per chiunque.

Premetto che il falò si è acceso dopo ripetuti tentativi, uno con l’utilizzo di benzina.

Tutto questo non si scontra con quanto deciso dal comune di Torino? (nella persona dell’assessore dell’ambiente e della stessa sindaca),  con questo non voglio alimentare nessuna polemica , ma ricordare a chi ci governa di evitare di differenziare l’inquinamento , chi può farlo e chi no.

STORIA DELLE AUTO FIAT

giovedì 16 febbraio 2017

Storia delle auto FIAT. L’11 luglio 1899 viene costituita la fabbrica Italiana automobili Torino. Sono passati tanti anni tantissimi modelli sia come utilitarie e anche da corsa, sempre migliorando la qualità e la tecnologia.