Archivio della Categoria 'Salute'

Invecchiamento

martedì 18 settembre 2018

INVECCHIARE NON E’ UGUALE  PER TUTTI:

Alcuni si sentono già vecchi passati i 30 anni, altri hanno si sentono di fare sempre cose nuove e sono pieni di iniziative, da fare invidia persino ai nipoti e a altre persone.

Per approfondire premere QUI.

L’insetto che genera simpatia e porta fortuna – COCCINELLA

sabato 19 maggio 2018

COCCINELLA DALLA LIVREA ROSSA

Le coccinelle sono insetti diffusi in molti paesi, soprattutto in Asia, Europa e Nord America.

I luoghi preferiti sono gli ambienti soleggiati, come i prati, giardini ed anche i boschi, è molto facile trovare l’animaletto in posti al di fuori del loro abitat naturale per via del largo uso di questo insetto in agricoltura.

Infatti scegliendo di non utilizzare insetticidi nella cura delle coltivazioni, si è trovato un valido aiuto nelle coccinelle, che agiscono contro gli

1) “Afidi” e 2) “cocciniglie”, che sono molto dannose per le culture e quindi servono ad evitare l’impiego massiccio di prodotti chimici, attuando cosi’ una lotta biologica. Da qui’ la diffusione esponenziale dell’insetto, che a noi ha sempre suscitato simpatia, forse anche per la tradizionale opinione che gli attribuisce il merito di portare fortuna.

La sua livrea rossa punteggiata da sette piccole macchie scure, normalmente tre su ogni ala ed una in mezzo ad esse, fanno parte della famiglia dei coleotteri, i suoi colori cosi’ allegri e contrastanti svolgono la funzione di tenere alla larga i predatori, essa stessa è un predatore  vorace.

Come tutti i coleotteri passa attraverso tre fasi di sviluppo, prima  di raggiungere lo stato di adulto (uovo, larva e pupa).

PUPA COCCINELLA

Dalla pupa, nell’arco di una settimana, normalmente  all’inizio dell’estate esce l’insetto ormai completo e con i colori brillanti della sua livrea.

Il suo colore del manto viene associato, dai potenziali predatori come aggressivo e velenoso, si tratta del 3) “aposematismo”, cioè di un fenomeno biologico che trae la sua derivazione dal greco “aposemaino”, ossia (dare un segno avverso, sfavorevole). Tanto che un organismo in stato di pericolo assume un’ aspetto sgradevole  o minaccioso, come deterrente.

Comunque la coccinella può essere tossica per piccoli predatori, tipo uccellini o lucertole, in quanto sono in grado di secernere sostanze nocive e di odore repellente. Anche l’uomo può sperimentare tale secrezione, per noi totalmente innoqua, se però si dovesse insistere nel trattenere l’insetto nell’incavo della mano, in tal caso la coccinella ripiegando le zampe e le antenne, emetterebbe un umore giallo, che all’olfatto è assai sgradevole.

Nel periodo autunnale, quando la natura cambia colore e le foglie si accartocciano la coccinella si ritira sotto le foglie o nelle spaccature della cortecce, per tutto l’inverno, lascerà il suo rifugio con l’inizio della primavera che è anche il periodo di accoppiamento.

VARIETA’ DI COCCINELLE

Nel nostro territorio è maggiormente presente quella a dieci punti, giallastri e con macchie nere, invece quella presente principalmente nelle foreste di conifere è la coccinella ocellata, di colore fulvo con macchie nere cerchiate di giallo. Esiste anche quella con macchie allungate di colore bruno-rossiccio e le macchie di colore ocra poco appariscenti.

Il nome COCCINELLA deriva dal latino “coccinus” significa colore scarlatto.

Si comportano come i più grandi predatori del regno animale, ma in assenza di proteine animali, possono ripiegare verso una scelta più vegetariana, inserendo nel menù polline e nettare dei fiori.

Una antica credenza popolare, la indicano come messaggera dei defunti.

LEGENDA:

1) AFIDDI; significa pidocchi delle piante

2) COCCINIGLE ; significa impropriamente, coccidi, sono una superfamiglia di insetti fitologi.

3) APOSEMATISMO ; è un fenomeno per cui certi animali assumono colorazioni (dette aposematiche) e disegni vistosi allo di avvertire i predatori del loro sapore disgustoso.

FULVO ; di colore giallo rossiccio.

-Trekking urbano-

lunedì 14 maggio 2018

Il trekking urbano non è altro che una semplice camminata in città. Uno sport dolce che tutti lo possono fare, ciascuno lo può sperimentare scegliendo a piacere un proprio percorso da praticare in qualsiasi ora del giorno e in ogni stagione.

Ma camminare in città significa anche conoscere intinerari insoliti, abbinando lati di vita cittadina e sportiva, scoprire nuovi sentieri e vivendo assieme alla viva natura, ma pur rimanendo sempre in tema; camminando fa molto bene al corpo ma soprattutto anche allo spirito.

Camminare significa, praticare una attività fisica a intensità moderata, camminando a passo svelto per 30 minuti al giorno sarebbe un allenamento ideale, ovviamente se si cammina di più, tanto di guadagnato. Un consiglio e quello di portarsi sempre una bottiglietta d’acqua per reidratarsi, anche se lungo gli intinerari cittadini si può contare sulla presenza di qualche fontanella.

Per quanto riguarda all’abbigliamento, questo dovrebbe  essere leggero, ma l’accessorio più rilevante per un camminatore  è sicuramente rappresentato dalle scarpe, una calzatura flessibile, ammortizzante con tomaia traspirante, facilitando la dinamicità della camminata e per avere una postura corretta. Importante, non acquistare scarpe badando solo all’estetica. Ora non resta che uscire e incamminarsi…………..

Mare d’inverno.

giovedì 15 marzo 2018

Adoro il mare, col suo movimento incessante e perpetuo mi porta benessere e rilassamento che io chiamo “pura magia”…resterei ore lì ad osservarlo.
Anche, e forse ancora di più, in inverno lo si può apprezzare e assaporare pienamente visto che la spiaggia è praticamente deserta e senza altri rumori di disturbo.
Stare lì ad osservare il mare aiuta ad entrare perfettamente in sintonia con noi stessi, proprio perchè il suo movimento è molto simile al nostro battito cardiaco e aiuta a diminuire il suo pulsare portandoci una piacevole sensazione di pace interiore.
Vorrei che questo mio piccolo video vi regalasse un momento di relax e pace.
Buona giornata a tutti voi.

Perché quando corriamo ci fa male il fianco?

martedì 27 febbraio 2018

A volte quando fate una piccola corsa, potreste sentire un dolore acuto al fianco destro o sinistro e siete obbligati a fermarvi.

C’è chi lo attribuiusce alla milza o si pensa al fegato: Ma passa in fretta.

Le cause sono diverse: per approfondire premere “QUI”

Il sonno è un piacere

domenica 21 gennaio 2018

I BENEFICI DI UNA CORRETTA DORMITA

7 – 8 ore , la durata del sonno della maggior parte delle persone adulte, tuttavia la durata  varia notevolmente nelle persone sane in funzione dell’età.

A COSA SERVE IL SONNO, (rappresenta una funzione fisiologica fondamentale per la vita).

° è necessario per il recupero della fatica

° è fondamentale per il recupero della memoria (durante il sonno si consolidano la memoria e i ricordi più importanti)

° è utile per la pulizia delle tossine dannose prodotte durante il giorno

° è importante per l’apprendimento e la calma

LE FASI DEL SONNO:

REM,( rapid eye movement) sonno con rapidi movimenti degli occhi, è la fase del sonno più profondo, la sua caratteristica è un’intensa attività onirica (sogni)

NON REM, è la fase del sonno caratterizzata da una maggiore rapidità al risveglio.

I TEMPI, un 1/4 del sonno è nel mondo dei sogni, il sonno REM , sempre negli adulti occupa circa il 25% dello spazio del sonno, ma nei ragazzi la percentuale può arrivare al 50%.

QUANDO SI DORME BENE:

HAI PIU’ MEMORIA, Il sonno ha molte funzioni benefiche per l’organismo, molte sono ancora inesplorate, uno studio dimostra che durante il sonno la memoria seleziona i ricordi più importanti e li consolida.

IL CERVELLO FA PULIZIA DELLE TOSSINE, il sonno aiuta ad eliminare le tossine dannose prodotte durante il giorno.

APPRENDI MEGLIO E SEI PIU’ CALMO, tutti sono d’accordo che dormire 8 ore o più per notte, aiuta ad apprendere meglio, inoltre i comportamenti sono meno inclini alla violenza e meno soggetti a infortuni fisici.

QUANDO DORMI MALE:

TUTTO IL CORPO NE SOFFRE, la mancanza di ore di sonno sufficienti potrebbe essere alla base dell’incremento di diverse condizioni patologiche tra cui l’obesità e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

MALESSERE E POCA VOGLIA DI FARE, la mancanza di sonno provoca malessere e difficoltà a svolgere le normali funzioni quotidiane.

> ALCUNE SEMPLICI REGOLE COMPORTAMENTALI PER AGEVOLARE UN CORRETTO SONNO,  svegliarsi alla stessa ora ogni giorno, svolgere attività fisica regolarmente, mantenere la camera da letto tranquilla e fresca, non guardare l’orologio durante la notte, evitare caffeina e nicotina almeno sei ore prima di addormentarsi.

*Argomenti citati, DIMENSIONE SONNO ,per selezionare ,clicca qui

Gli argomenti citati sono:

Perché dormire, per i benefici che apporta al nostro organismo

Qualità e quantità del sonno, due fasi principali, Non REM e REM

Dove e come dormire, valutare l’ambiente e la scelta del sistema letto

Curiosità e domande più frequenti, esiste un tempo minimo o uno massimo di ore di sonno?

Scegliere i guanciali, esempi di materiali

Uno spray contro il gioco d’azzardo

lunedì 15 gennaio 2018

Uno spray contro il gioco d’azzardo

La sostanza veniva gia usata per trattare le dipendenze da oppiacei:

il tipo di somministrazione può arrivare al cervello in pochi minuti.

Sarà efficace? Per saperne di più cliccare qui.

EVENTO SISMICO (TERREMOTO)

sabato 26 agosto 2017

Ad ISCHIA, si è verificato un evento sismico, l’ultimo di una catena che sembra non finire mai. L’Italia sembra sbriciolarsi sotto i colpi infiniti del terremoto.

Noi comuni mortali, cosa sappiamo dei terremoti?

Sappiamo che ci creano una paura atavica, che ci rende incolpevolmente paurosi ed anche egoisti (attaccati alla vita), l’imprevedibilità del’evento, la non preparazione all’evento, che non solo il nostro essere non è pronto, e probabilmente non lo sarà mai, la mancanza di certezze, di punti di riferimenti, la solitudine che ti circonda ci porta ad annullare tutte le nostre capacità, sia fisiche che mentali.

Avere paura del terremoto è normale, perché è un evento che non puoi controllare, si tratta di una emozione forte e improvvisa che attiva il nostro sistema nervoso, che in caso di pericolo agisce per salvarti.

Gli stati d’animo che puoi vivere dopo aver subito una scossa sismica, normalmente sono, dolore, rabbia e paura, oltre ,la rabbia può pervaderti, perché hai subito un danno, nella tua persona o nelle tue cose, oppure pensi che avresti potuto comportarti in maniera diversa, quindi prendi coscienza di quanto ti sta capitando.

Una volta realizzato quanto stai vivendo, riesci ad agire con razionalità e meno d’impulso.

Per aiutarti a superare l’accaduto, condividi con altri la tua esperienza, confrontati con chi ti è vicino, parlarne aiuta a esorcizzare quanto accaduto.

Una volta cessata l’allerta, bisogna riprendere al più presto la routine quotidiana, per evitare che un evento cosi’ drammatico possa (e già lo fa) condizionare la nostra vita.

Cosa crea in noi il terremoto?

Per noi che ignoriamo le cause del nostro timore, tutti i fatti sono più terribili, sopratutto quelli la cui rarità accresce la nostra paura, i fenomeni che ci sono familiari ci paiono meno impressionanti, quelli insoliti (come il terremoto) fanno più paura.

Gli effetti primari sull’uomo sono, il terrore, lo stupore, lo smarrimento, in alcuni casi la pazzia. Non è facile restare in sé in mezzo a grandi catastrofi, perciò, quasi sempre le menti più deboli vengono prese dal panico al punto da uscire di sé, certo è che nessuno prova un grande spavento (qualunque sia) senza pregiudicare un po la sanità mentale.

Le calamità sono eventi che travalicano l’ambito dell’esperienza umana normale, l’effetto psicologico è abbastanza traumatico, tanto da indurre a stress chiunque lo subisce. Oggi le reazioni di stress vengono considerate normali, se si subisce un evento non normale.

Comunque qualcuno c’è sempre che strumentalizza quanto accade, quel qualcuno la chiama SATIRA.

IN CAMMINO TRA I SENTIERI DELLE COLLINE DEL PO

venerdì 7 luglio 2017

Proposte per valorizzare con le proprie gambe i sentieri della collina torinese. Conoscendo la natura, si impara ad amarla e proteggerla, oggi più di ieri è indispensabile proteggerla, cosi’ facendo proteggiamo anche noi.

Nel calpestare i sentieri, nei boschi silenti e tra i grandi monumenti legnosi, respiriamo un’arie inebriante composta da innumerevoli e delicati profumi, tanti che attirano tutti i nostri sensi , a questo punto possiamo capire qualcosa della natura che ci circonda, di chi ci abita, solo allora possiamo cominciare a comprenderla e rispettarla.

Proteggerla significa prendercene cura, consapevoli che solo cosi salviamo la natura e noi stessi, da una inesorabile caduta libera.

Torino offre una vasta possibilità, a tiro di servizio pubblico (Bus)

Possiamo cosi’, camminare in percorsi che non solo ci riportano nella natura, ma ci accompagnano alla conoscenza di tracce del passato, ma radici del nostro  futuro.

A partire dal 2012 l’ente parco del Po e della collina Torinese, propone una serie di itinerari che corrono sulla cresta  spartiacque delle colline del Po. Grazie all’attività volontaristica (vi è anche una volontaria Senior Civico) del coordinamento sentieri, coordinato da Pro Natura Torino, diventa percorso di riferimento di rilevanza regionale.

PER INFORMAZIONI: sentiri della collina Torinese c/o Pro Natura Torino, via Pastrengo 13 Torino Tel. 011-5096618

(e-mail : Torino@pro-natura.it)     web: htt//:torino.pro-natura.it

PROGRAMMA periodo autunnale 2017

>SABATO 16 settembre – Passeggiata del parrocchiano; In collaborazione con le associazioni Bici & dintorni, Muoviti Chieri, Vivere e GAH per la settimana Europea della mobilità sostenibile. Passeggiata a piedi o in bicicletta (facile per tutti) nella pianura Chierese, attraverso rii e cascine, con arrivo alla chiesetta di San Domenico Savio e San Giovanni di Riva.

Ritrovo a Chieri presso la parrocchia di San Giacomo Apostolo ( strada Padana Inferiore 21) per informazioni tel. 3497210715

camminarelentamente2@gmail.com

> DOMENICA 17/settembre - Passeggiata del Traversola, L’associazione di promozione sociale camminare lentamente, propone un piacevole itinerario ad anello tra boschi e ruscelli nella valle dei Savi, con ristoro presso il Ciocchero e merenda sinora finale a cura della proloco dei Savi.

Ritrovo alla frazione Savi di Villanova d’Asti in piazza della chiesa, partenza alle ore 14,30 quota di partecipazione da definire. Tel. 3806835571

camminarelentamente2@gmail.com

> DOMENICA 17 settembre – Passeggiata delle scoperte a Pino Torinese : gli antichi forni patrimonio di comunanza e solidarietà. Partenza ore 14- piazzale della scuola, Strada Podio 41 a Pino T.se. Percorso Forno Menzio, Forno dell’Ormea, Forno tetti Tomè, Forno Casaverde. (se piove la passeggiata viene raccontata al coperto, prima della merenda) Riferimenti e informazioni tel. 3332743291

muscovol@gmail.com

> SABATO 23 settembre - “QUATTRO PASSI” dal ponte Isabella alla passerella sul Po e ritorno, con pro natura. Ritrovo alle 14,30 al ponte Isabella lato collina, passeggiata di circa ore 2,30 sulle sponde del Po. dal ponte Isabella fino alla passerella di corso Moncalieri, quindi passando sopra la passerella si attraversa il fiume per ritornare al ponte Isabella. Costo di partecipazione € 3, Prenotazione telefonica obbligatoria nella settima precedente Tel. 011 5096618 nelle ore pomeridiane da lle 14 alle 19.

> DOMENICA 24 settembre – Giornate Europee del pattrimonio e Settimana del Romanico Astigiano – “Sentiero del Malvasia,  da Sant’Uusebio (Castelnuovo don Bosco) a Vezzolano (Albugnano).

L’associazione la Cabalesta con il Polo Museale del Piemonte, propone visita allachiesa romanica di Sant’Eusebio, salita sulla collina di Cornareto, fra boschi e vigneti fino alla chiesa romanica di Santa Maria, punto panoramico a 360°, discesa finale su Vezzolano, con visita guidata al complesso monumentale. Ritrovo a Castelnuovo don Bosco, davanti alla chiesa di Sant’Eusebio, Percorso di circa ore 3 , segue pranzo al sacco, possibilità di ristoro presso presso il bar chiosco. nel pomeriggio visita alla chiesa di Santa Maria e al Chiostro, previsto ritorno  per le ore 17,30. Modalità  di partecipazione gratuita. Tel. 011 9872463,  e-mail: info@lacabalesta.it

>  SABATO 30 settembre, Pulizia dei sentieri di Moncalieri - Il Cai propone la pulizia dei sentieri della collina Moncalierese. Per informazioni su orario e sulle modalità organizzative rivolgersi entro il mercoledi’ precedente al Tel. 3313492048 - www.caimoncalieri.it

>DOMENICA 1 ottobre, 15.a edizione di “colori e sapori della collina”, Il Cai di Foglizzo propone un’escursione di circa 19 Km sui sentieri che attraversano vigne, boschi, borgate, chiese romaniche sulle colline da Albugnano a Cinzano e ritorno. Ritrovo entro le 8 presso il cortile dell’azienda Agrituristica Pianfiorito di Albugnano, pranzo al sacco, possibilità di acquisto panini e altro presso la proloco, quota di partecipazione 2 €, merenda sinoira (facoltativa) con prenotazione entro il 28 settembre.

Informazioni , Catia Musso Te. 3382076921, Silvio Schina Tel. 3474025854, Alessandro Ferrero Tel. 3338247760

e-mail : foglizzo@caichivasso.it,  www.caichivasso.it

>DOMENICA 8 ottobre, Giornata Nazionale del camminare, Grande attraversata dell’alto Astigiano sui sentieri di Don Bosco (Vezzolano – castelnuovo don Bosco – Mondonio – Colle Don Bosco). Appuntamento al colle Don Bosco, parcheggio della basilica e ntro le ore 8,30, Si raggiunge in bus il piazzale della canonica di Vezzolano, partenza da Da Vezzolano alle ore 9. arrivo a Mondonio previsto per le ore 13, sosta per il pranzo al sacco, ritorno previsto per le ore 17,30 al colle Don Bosco, nessuna  difficoltà presenta la camminata, richiesta prenotazione e ntro giovedi’ 5 ottobre per e-mail : info@lacabalesta.it oppure telefonicamente al numero Tel. 011 9872463 (segreteria telefonica) Quota di partecipazione € 7. Per il dettaglio del percorso htt://lacabalesta.it/testi/percorsi/GTAA.html

> DOMENICA 15 ottobre, Verso il lago di Arignano, la proloco di Sciolze organizza una passeggiata, ritrovo alle ore 9,30 presso il piaazale del cimitero, per corso, Sciolze, trinità di Montaldo, tetti ottone, Avuglione, Stradina per il lago, giro del lago, cascina Calcinera, cascina Gambiana, Valle di Lana, frazione Bocchetta, rientro a Sciolze. durata prevista circa 5 ore, pranzo al sacco, quota di partecipazione € 2. Per informazioni rivolgersi a Michela Wolff Tel. 3409609920, Claudio Manfredotti Tel. 3331013507 oppure e-mail: prolocoscioize@gmail.com

>DOMENICA 15 ottobre, In marcia con i cacciatori delle Alpi- In collaborazione con il comune e la federazione FIASP, saranno fruibili n. 4  percorsi di 3,7,10,15 km, partenza dalle ore 8,00 alle ore 9,00 da piazza Radicati Quota di partecipazione € 4 , aperitivo finale, per informazioni  Tel. 3420000896, e-mai: amicideisentiri@gmail.com

> DOMENICA 22 ottobre, L’associazione turistica Pro Loco di Gassino e il coordinamento sentieri di Gassino invitano a scoprire ambienti, paesaggi, accompagnati da storici, esperti e appassionati propongono un percorso con partenza alle ore 9,00 Farmacia Ternavasio, salendo a San Salvatore . Per informazione Tel. 3292471451 (associazione turistica Gassino) Tel. 3296734631 (coordinamento sentieri Gassino)

> SABATO 28 ottobre Giro delle 5 chiesette di Berzano San Pietro- Associazione attorno alla RO Verda e il Cai di Chivasso vi accompagnano lungo l’anello che si snoda su crinali che dominano i boschi, toccando le 5 chiesette, tutte in luoghi dominati da bellissimi panorami. Il per corso dura circa 4 ore, pranzo al sacco, partenza e arrivo Municipio di Berzano di San Pietro, appuntamento alle ore 10,00, per informazionihttps://attornoallaroverda.wordpress.com/

> DOMENICA 29 ottobre, camminata mattutina tra i boschi e vigneti sulle colline di Cinzano – L’associazione Pro loco di Cinzano in occasione dela fiera dei vini propone una camminata naturalistica, camminata , ad anello per i sentieri della collina, durata circa 3 ore , ritrovo ore 9,00 presso gli impianti sportivi di via Cassina 3, partenza ore 9,30, per informazioni Tel. 011 9608124 – 3387613477ss.com/    e-mail : protocollo@comune.cinzano.to.it

> DOMENICA 29 ottobre, I colori nel bosco, L’associazione Albacherium di Baldissero Torinese organizza una camminata autunnale per vedere le meraviglie dell’autunno, ritrovo alle ore 9,00 presso il centro comunale “paluc”, pranzo al sacco, per informazioni ,e-mail:  carlitero. mantovani@gmail,com Tel. 3477923429

> DOMENICA 5 novembre, camminata da Sassi a Superga fra i colori autunnali – due percorsi, da Sassi a Superga di km 15 – da Sassi strada Cartman a lla cascina Corvino e congiungimento con il gruppo che arriva da Superga, pranzo al sacco, quota dipartecipazione € 3 – per informazioni Tel. 011 5096618

> SABATO 11 novembre, “Quattro passi” dal ponte Vittorio Emanuele 1 alla Madonna del Pilone, con Pro Natura Torino – Passeggiata di circa 2,30 ore, ritrovo alle ore 14,30 al ponte Vittorio Emanuele 1 lato Gran madre.Dal ponte si raggiunge la Madonna del Pilone, attraversando poi la passerella Chiaves si tornerà in piazza Vittorio, contributo di partecipazione € 3. prenotazione telefonica obbligatoria nella settimana precedente, Tel. 011 5096618 orario chiamate dalle 14 alle 19.

>SABATO 2 dicembre, “Quattro passi”al Parco Dora, con Pro Natura Torino – ritrovo ore 14,30 al ponte Carlo Emanuele 3 in corso Umbria angolo piazza Piero della Francesca. la passeggiata dura circa 2 ore sulle sponde del fiume Dora riparia, si conoscerà questo nuovo parco nato nelle ex zone industriali, contributo di partecipazione € 3 prenotazione telefonica nella settimana precedente Tel. 011 5096618 orario dalle 14 alle 19.

> VENERDI’ 8 dicembre, Pellegrinaggio a Madonna di celle – con partenza dal piazzale delle ciliegie (Bus 70 GTT e Bus VIGO), organizzato dalla parrocchia ed alpini di Pecetto per informazioni Tel. 3204306578.

PER NON APPESANTIRE ECCESSIVAMENTE , ALCUNE DATA NON SON O STATE INSERITE

*** NOTE DI AVVERTENZE; Per tutte le camminate ed escursioni si consiglia di indossare sempre abbigliamento adeguato all’ambiente boschivo ed a sentieri anche sconnessi, si consiglia di indossare scarponcini o pedule con suola scolpita. Per tutta la durata del programma attenersi sempre alle disposizioni degli organizzatori.

“Come funziona il cervello”

domenica 2 luglio 2017

Il cervello è l’organo più complesso è misterioso che si conosca, composto da miliardi di celllule.

Le sue funzioni: elaborare i segnali in arrivo dall’esterno, immagazzinare i ricordi, soprattutto permetterrci di ragionare.

Per approfondire premere “QUI”