Archivio della Categoria 'Salute'

Il tesoro della natura, alla scoperta della pianta dell’immortalità.

sabato 7 settembre 2019

La pianta dell’Amaranto

Parliamo di una pianta originaria dell’America Centrale (L’AMARANTO), era già conosciuta dalla civiltà precolombiana, infatti gli AZTECHI lo chiamavano ” grano degli dei” , venivano apprezzate le sue caratteristiche e le proprietà nutritive, mentre i MAYA, gli attribuivano l’appellativo di ” piccolo gigante“, perché considerato curativo.

In Europa invece, era perlopiù usato a scopo ornamentale, e solo a partire dal 1975 dopo la diffusione di un libro di botanica negli stati Uniti d’America che riporta a galla le virtù della pianta a lungo dimenticata.

Oggi anche il vecchio continente lo apprezza e lo considera una fonte di sostanze preziose per l’organismo, però molti paesi lo utilizzano poco tra cui l’Italia . La pianta cara agli Aztechi e Maya, ha una caratteristica da record, produce fino ad un milione di semi che possono restare nel terreno inattivi anche per venti anni per poi risvegliarsi e nascere, per questo nell’antichità era considerata ” simbolo di immortalità”, e le spighe adornavano le tombe.

Pero questa pianta “così virtuosa”, in alcune parti del mondo è vista come un nemico da combattere, (negli USA i proprietari di piantagioni intensive di mais e soia, ” spesso OGM” hanno ingaggiato una vera guerra all’amaranto, per loro è una pianta infestante che minaccia i loro raccolti e resiste anche ai più potenti erbicidi, come il Roundup, prodotto dalla Monsanto che produce anche sementi transgenici.

La specie dell’amaranto che noi Europei conosciamo a differenza dei cereali più conosciuti che appartengono alla famiglia delle graminacee come il grano, granoturco, l’orzo,l’avena ecc. viene considerato un “pseudocereale”, oggi è ancora poco conosciuta, salvo per i semi selezionati, reperiti con facilità e venduti nei negozi specializzati in prodotti biologici come le erboristerie. La farina di amaranto viene utilizzata mescolandola con altre farine di cereali, cosi facendo si crea una miscela con una perfetta sinergia nutrizionale.

Impariamo a conoscerla, il nome AMARANTO richiama una varietà di rosso, ma invece non lo è, infatti la parola “amaranto” viene dal Greco e significa “che non appassisce” difatti l’infiorescenza è composta da spighe verdi , talvolta anche argentee.

I maggiori utilizzi sono in cucina, perché non contiene glutine, pertanto si tratta di un semicereale “amico” il quale aiuta ad evitare di ingrassare, avendo una maggiore presenza proteica e un elevato contenuto di fibra digeribile, inoltre facilita il transito nell’intestino combattendo la stitichezza.

Ultima annotazione , i semi di amaranto possono essere utilizzati per fare i “popcorn” seguendo lo stesso procedimento utilizzato con il mais.

QUANTI SONO GLI ITALIANI CHE NON HANNO LA POSSIBILITA’ DI CURARSI ?

domenica 17 febbraio 2019

Per gli italiani cresce sempre di più la spesa sanitaria “privata”, registrando un incremento tra il 2013 e il 2016 pari + 4,2%, il dato desta una seria preoccupazione, soprattutto se viene letto in parallelo con l’andamento della spesa totale per consumi che, nel medesimo periodo ha registrato un incremento del 3,4%.

Insomma la spesa sanitaria privata è sempre più una componente stabile dei consumi degli italiani, che oltre a dover fare i conti con la crisi economica e i suoi effetti, devono anche tener conto che nella “lista della spesa quotidiana” va aggiunto la voce ” salute” che drena le risorse. Come non bastasse questo onere economico ricade principalmente selle fasce di popolazione più deboli.

Si innesca cosi’ un sistema perverso, l’avanzare dell’età determina una riduzione del proprio reddito e una crescita delle spese da affrontare di tasca propria per acquistare le prestazioni sanitarie di cui si ha bisogno. Inoltre oltre all’età si aggiungono problemi di non autosufficienza  che tende a peggiorare ulteriormente. Cosi’ quando non si dispone delle risorse necessarie per pagare di tasca propria le prestazioni (dato che la sanità pubblica sia per carenza che per le kilometriche liste d’attesa) si finisce di rinunciarvi o rinviarle,(circa 12 milioni di persone rinunciano o rinviano) viceversa pur di curarsi si riduce il proprio tenore  di vita, (circa 13 milioni riducono il loro tenore di vita) esaurendo i propri risparmi e addirittura si entra nella soglia della povertà. (una valutazione indica in almeno 2 milioni di persone che hanno subito una drastica riduzione dei propri risparmi).

I fuggiaschi della sanità sono ormai una componente stabile e rilevante del popolo della sanità italiana. E’ certamente vero che oggi una moltitudine di persone ha problemi per potersi curare adeguatamente. La ricerca (CENSIS) individua un numero molto alto di persone che hanno “dovuto” rinunciare a prestazioni per difficoltà economiche, non potendo pagare tali prestazioni di tasca propria.

Crescono i divari tra le regioni di italia, una situazione che porta con se delle conseguenze , si stimano che almeno un numero pari a 6,5 milioni di cittadini, dichiarano che nell’ultimo anno si sono a vario titolo al sistema sanitario di un’altra regione, sia che sia pubblico o privato.

Il dato importante è, che viene considerato la rinuncia nel corso dell’anno di almeno una prestazione, comprese anche le cure odontoiatriche (particolarmente costose) nella ricerca sono compresi tutti quelli che hanno ” dovuto” rinunciare totalmente delle cure, a volte anche vitali.

La ricerca tiene conto di una vasta e eterogenea di insieme di prestazioni che gli italiani oggi rinunciano. Va tenuto conto che l’istituto ISTAT, fornisce delle cifre decisamente inferiori, anche se utilizza criteri diversi e quindi sicuramente i due risultati non sono sovrapponibili. L’ISTAT precisa che i valori indicati comprendono cittadini italiani e anche stranieri residenti in italia.

L’intreccio tra le condizioni per la rinuncia e molto rilevante, sia che sia economica oppure temporale, all’interno dei circa 4 milioni di persone vi è una significativa quota di ” stranieri”, (lo abbiamo già visto in passato / presente come questa distinzione abbia un impatto numerico sulla povertà).

Comunque non è corretto dire che gli italiani non possono curarsi, ma specificare che, nel corso dell’anno hanno rinviato o rinunciato ad almeno una prestazione sanitaria. Vi è una ulteriore specificità, sono compresi tutti quelli che hanno rimandato una visita per un’altro impegno, dovuto anche alle lungaggini di attesa.

Mi rimane da dire che, comunque con tutti i difetti elencati, la nostra sanità resta una delle migliori al mondo.

COSA C’E’ DA SAPERE SUL FARMACO EQUIVALENTE (GENERICO)

lunedì 28 gennaio 2019

Vi siete mai chiesto se i medicinali equivalenti o generici, rispondono alla terapia come quelli originali, e quali sono le garanzie sul prodotto ???

Innanzi tutto, cos’è un farmaco equivalente; Il farmaco generico contiene lo stesso principio attivo ” dell’ingrediente principale”, nella stessa quantità, e metodo di somministrazione rispondono agli stessi requisiti di qualità ed efficacia dei corrispondenti medicinali di riferimento (Originale, sviluppato e brevettato – valido per un periodo di 7 anni – da una azienda e commercializzato con nome specifico).

LE PRINCIPALI COSE DA SAPERE SONO TRE :

1) QUALITA; Come tutti i medicinali , i farmaci equivalenti o generici, devono essere prodotti nel rispetto delle rigorose norme di buona fabbricazione. Devono assicurare che, tutti i medicinali equivalenti ( o di marca) siano prodotti secondo i rigorosi standard di qualità.

Il sistema di controllo della azienda che produce il medicinale, deve comprendere l’intero processo di produzione, dall’ordine alla spedizione e consegna.

2) SICUREZZA; Nessun medicinale , sia esso originale o generico, può essere commercializzato nella comunità europea senza ottenere preventivamente l’autorizzazione da l’autorità preposta che garantisce la qualità, efficacia e sicurezza del medicinale ai pazienti che lo usano. Inoltre le aziende devono monitorare gli effetti derivanti dall’uso del medicinale, valutandone la sua utilità.

3) EFFICACIA; i medicinali si definiscono equivalenti, quando garantiscono la medesima efficacia terapeutica del prodotto originale. Ogni medicinale generico deve essere assimilato e reso disponibile (all’organismo) come se si assumesse quello originale, si chiama “bioequivalenza”, ed è accertata da studi che misurano il medicinale tramite il confronto con quello di marca. Lo studio di ” bioequivalenza” fa parte della documentazione tecnica che viene valutata dall’autorità competente.

GLI ECCIPIENTI, che sono sostanze non attive, la  terapia non influenza l’efficacia del medicinale. Per questo motivo i medicinali equivalenti possono non contenere necessariamente gli stessi eccipienti del medicinale originale, quello che deve garantire è che il principio attivo venga rilasciato alla stessa velocità e nella stessa quantità del prodotto originale.

ESEMPIO TRA FARMACI:

>ORIGINALE TACHIPIRINA

Il principio attivo contenuto è; paracetamolo 500 mg.

Eccipienti; cellulosa microcristallina, povidone, croscarmellosa sodica, magnesio stearato, silice precipitata.

>EQIVALENTE: PARACETAMOLO

Il principio attivo contenuto è; paracetamolo 500mg.

Eccipienti; magnesio stearato, amido di mais, povidone.

Cosa si riscontra , che i due prodotti hanno lo stesso principio attivo in uguale dose. la stessa formula farmaceutica, la stessa via di somministrazione e le stesse indicazioni terapeutiche.

LA DISCIPLINA SPORTIVA PER TUTTI E A TUTTE LE ETA’

domenica 25 novembre 2018
Si parla di “running” sempre più spesso questo sport si sta diffondendo con estrema facilità, grazie a quelle che sono le due principali caratteristiche ” vincenti”, ovvero la facilità nel praticarlo (una disciplina adatta a tutti),
E’ considerata (trail running) una specialità della corsa a piedi che si svolge in ambiente naturale, generalmente su sentieri, non importa se in montagna, collina o pianura, su tratti pavimentati o su asfalto.
Normalmente questa attività sportiva si caratterizza per la su lunghezza dei percorsi, ma con le dovute precauzioni e in base alle proprie caratteristiche fisiche tutti possono praticarla. Il costo dell’attrezzatura necessaria per svolgere l’attività è irrisorio, eccetto le sole scarpe che devono essere confortevoli e idonee per la corsa, il loro prezzo varia moltissimo.
A ciò si aggiunge il fatto non trascurabile che correre, (in particolare in campagna respirando aria pulita, ma anche nei parchi cittadini, fa davvero bene al fisico e alla mente), tanto che chi corre dimentica i problemi e riduce lo stress e ansia.
Oggi è diventato di moda, ricercatissimo è praticato da un numero sempre maggiore di appassionati, di ogni età e ceto sociale.
Chi fa “running” normalmente, rispetta la natura visto che normalmente si pratica all’aria aperta, e in totale libertà, anche se non esistono regole scritte, ma solo suggerimenti dati da esperti e professionisti.
I suggerimenti si dividono in più categorie,(le più seguite sono due)
UNA, la corretta alimentazione e l’utilizzo migliore dell’attrezzatura, inoltre bisogna predeterminare gli obiettivi senza esagerare.
L’ALTRA,il comportamento a cui bisogna sapersi attenere per considerarsi un vero “runner”, educati, rispettosi, evitando comportamenti invasivi o peggio lesivi.
Un buon comportamento e il totale rispetto delle regole, sia che si corra in città , o in campagna, per coloro che corrono in una competizione, il valore del rispetto è tassativo, le regole stabilite vanno applicate fino in fondo. Sembrerebbero banali, e in effetti lo sono, per chi in genere ha un comportamento educato e rispettoso, ma bisogna tenere presente che nell’affaticamento fisico e mentale di una corsa può facilmente rendere l’individuo vulnerabile e soggetto a derogare.
Comunque a nessuno è consentito derogare dalle regole, ne chi corre, ne chi compie altre attività, la giusta correttezza è il sintomo di intelligenza e civiltà .
TRAIL, significa  “traccia, pista, sentiero” serve  per indicare i percorsi aperti o sentiero naturale.
Comunque dal 2015 è stato riconosciuto come una disciplina sportiva dell’atletica leggera, e di consegunza ha uno specifico regolamento tecnico.

Invecchiamento

martedì 18 settembre 2018

INVECCHIARE NON E’ UGUALE  PER TUTTI:

Alcuni si sentono già vecchi passati i 30 anni, altri hanno si sentono di fare sempre cose nuove e sono pieni di iniziative, da fare invidia persino ai nipoti e a altre persone.

Per approfondire premere QUI.

L’insetto che genera simpatia e porta fortuna – COCCINELLA

sabato 19 maggio 2018

COCCINELLA DALLA LIVREA ROSSA

Le coccinelle sono insetti diffusi in molti paesi, soprattutto in Asia, Europa e Nord America.

I luoghi preferiti sono gli ambienti soleggiati, come i prati, giardini ed anche i boschi, è molto facile trovare l’animaletto in posti al di fuori del loro abitat naturale per via del largo uso di questo insetto in agricoltura.

Infatti scegliendo di non utilizzare insetticidi nella cura delle coltivazioni, si è trovato un valido aiuto nelle coccinelle, che agiscono contro gli

1) “Afidi” e 2) “cocciniglie”, che sono molto dannose per le culture e quindi servono ad evitare l’impiego massiccio di prodotti chimici, attuando cosi’ una lotta biologica. Da qui’ la diffusione esponenziale dell’insetto, che a noi ha sempre suscitato simpatia, forse anche per la tradizionale opinione che gli attribuisce il merito di portare fortuna.

La sua livrea rossa punteggiata da sette piccole macchie scure, normalmente tre su ogni ala ed una in mezzo ad esse, fanno parte della famiglia dei coleotteri, i suoi colori cosi’ allegri e contrastanti svolgono la funzione di tenere alla larga i predatori, essa stessa è un predatore  vorace.

Come tutti i coleotteri passa attraverso tre fasi di sviluppo, prima  di raggiungere lo stato di adulto (uovo, larva e pupa).

PUPA COCCINELLA

Dalla pupa, nell’arco di una settimana, normalmente  all’inizio dell’estate esce l’insetto ormai completo e con i colori brillanti della sua livrea.

Il suo colore del manto viene associato, dai potenziali predatori come aggressivo e velenoso, si tratta del 3) “aposematismo”, cioè di un fenomeno biologico che trae la sua derivazione dal greco “aposemaino”, ossia (dare un segno avverso, sfavorevole). Tanto che un organismo in stato di pericolo assume un’ aspetto sgradevole  o minaccioso, come deterrente.

Comunque la coccinella può essere tossica per piccoli predatori, tipo uccellini o lucertole, in quanto sono in grado di secernere sostanze nocive e di odore repellente. Anche l’uomo può sperimentare tale secrezione, per noi totalmente innoqua, se però si dovesse insistere nel trattenere l’insetto nell’incavo della mano, in tal caso la coccinella ripiegando le zampe e le antenne, emetterebbe un umore giallo, che all’olfatto è assai sgradevole.

Nel periodo autunnale, quando la natura cambia colore e le foglie si accartocciano la coccinella si ritira sotto le foglie o nelle spaccature della cortecce, per tutto l’inverno, lascerà il suo rifugio con l’inizio della primavera che è anche il periodo di accoppiamento.

VARIETA’ DI COCCINELLE

Nel nostro territorio è maggiormente presente quella a dieci punti, giallastri e con macchie nere, invece quella presente principalmente nelle foreste di conifere è la coccinella ocellata, di colore fulvo con macchie nere cerchiate di giallo. Esiste anche quella con macchie allungate di colore bruno-rossiccio e le macchie di colore ocra poco appariscenti.

Il nome COCCINELLA deriva dal latino “coccinus” significa colore scarlatto.

Si comportano come i più grandi predatori del regno animale, ma in assenza di proteine animali, possono ripiegare verso una scelta più vegetariana, inserendo nel menù polline e nettare dei fiori.

Una antica credenza popolare, la indicano come messaggera dei defunti.

LEGENDA:

1) AFIDDI; significa pidocchi delle piante

2) COCCINIGLE ; significa impropriamente, coccidi, sono una superfamiglia di insetti fitologi.

3) APOSEMATISMO ; è un fenomeno per cui certi animali assumono colorazioni (dette aposematiche) e disegni vistosi allo di avvertire i predatori del loro sapore disgustoso.

FULVO ; di colore giallo rossiccio.

-Trekking urbano-

lunedì 14 maggio 2018

Il trekking urbano non è altro che una semplice camminata in città. Uno sport dolce che tutti lo possono fare, ciascuno lo può sperimentare scegliendo a piacere un proprio percorso da praticare in qualsiasi ora del giorno e in ogni stagione.

Ma camminare in città significa anche conoscere intinerari insoliti, abbinando lati di vita cittadina e sportiva, scoprire nuovi sentieri e vivendo assieme alla viva natura, ma pur rimanendo sempre in tema; camminando fa molto bene al corpo ma soprattutto anche allo spirito.

Camminare significa, praticare una attività fisica a intensità moderata, camminando a passo svelto per 30 minuti al giorno sarebbe un allenamento ideale, ovviamente se si cammina di più, tanto di guadagnato. Un consiglio e quello di portarsi sempre una bottiglietta d’acqua per reidratarsi, anche se lungo gli intinerari cittadini si può contare sulla presenza di qualche fontanella.

Per quanto riguarda all’abbigliamento, questo dovrebbe  essere leggero, ma l’accessorio più rilevante per un camminatore  è sicuramente rappresentato dalle scarpe, una calzatura flessibile, ammortizzante con tomaia traspirante, facilitando la dinamicità della camminata e per avere una postura corretta. Importante, non acquistare scarpe badando solo all’estetica. Ora non resta che uscire e incamminarsi…………..

Mare d’inverno.

giovedì 15 marzo 2018

Adoro il mare, col suo movimento incessante e perpetuo mi porta benessere e rilassamento che io chiamo “pura magia”…resterei ore lì ad osservarlo.
Anche, e forse ancora di più, in inverno lo si può apprezzare e assaporare pienamente visto che la spiaggia è praticamente deserta e senza altri rumori di disturbo.
Stare lì ad osservare il mare aiuta ad entrare perfettamente in sintonia con noi stessi, proprio perchè il suo movimento è molto simile al nostro battito cardiaco e aiuta a diminuire il suo pulsare portandoci una piacevole sensazione di pace interiore.
Vorrei che questo mio piccolo video vi regalasse un momento di relax e pace.
Buona giornata a tutti voi.

Perché quando corriamo ci fa male il fianco?

martedì 27 febbraio 2018

A volte quando fate una piccola corsa, potreste sentire un dolore acuto al fianco destro o sinistro e siete obbligati a fermarvi.

C’è chi lo attribuiusce alla milza o si pensa al fegato: Ma passa in fretta.

Le cause sono diverse: per approfondire premere “QUI”

Il sonno è un piacere

domenica 21 gennaio 2018

I BENEFICI DI UNA CORRETTA DORMITA

7 – 8 ore , la durata del sonno della maggior parte delle persone adulte, tuttavia la durata  varia notevolmente nelle persone sane in funzione dell’età.

A COSA SERVE IL SONNO, (rappresenta una funzione fisiologica fondamentale per la vita).

° è necessario per il recupero della fatica

° è fondamentale per il recupero della memoria (durante il sonno si consolidano la memoria e i ricordi più importanti)

° è utile per la pulizia delle tossine dannose prodotte durante il giorno

° è importante per l’apprendimento e la calma

LE FASI DEL SONNO:

REM,( rapid eye movement) sonno con rapidi movimenti degli occhi, è la fase del sonno più profondo, la sua caratteristica è un’intensa attività onirica (sogni)

NON REM, è la fase del sonno caratterizzata da una maggiore rapidità al risveglio.

I TEMPI, un 1/4 del sonno è nel mondo dei sogni, il sonno REM , sempre negli adulti occupa circa il 25% dello spazio del sonno, ma nei ragazzi la percentuale può arrivare al 50%.

QUANDO SI DORME BENE:

HAI PIU’ MEMORIA, Il sonno ha molte funzioni benefiche per l’organismo, molte sono ancora inesplorate, uno studio dimostra che durante il sonno la memoria seleziona i ricordi più importanti e li consolida.

IL CERVELLO FA PULIZIA DELLE TOSSINE, il sonno aiuta ad eliminare le tossine dannose prodotte durante il giorno.

APPRENDI MEGLIO E SEI PIU’ CALMO, tutti sono d’accordo che dormire 8 ore o più per notte, aiuta ad apprendere meglio, inoltre i comportamenti sono meno inclini alla violenza e meno soggetti a infortuni fisici.

QUANDO DORMI MALE:

TUTTO IL CORPO NE SOFFRE, la mancanza di ore di sonno sufficienti potrebbe essere alla base dell’incremento di diverse condizioni patologiche tra cui l’obesità e il disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

MALESSERE E POCA VOGLIA DI FARE, la mancanza di sonno provoca malessere e difficoltà a svolgere le normali funzioni quotidiane.

> ALCUNE SEMPLICI REGOLE COMPORTAMENTALI PER AGEVOLARE UN CORRETTO SONNO,  svegliarsi alla stessa ora ogni giorno, svolgere attività fisica regolarmente, mantenere la camera da letto tranquilla e fresca, non guardare l’orologio durante la notte, evitare caffeina e nicotina almeno sei ore prima di addormentarsi.

*Argomenti citati, DIMENSIONE SONNO ,per selezionare ,clicca qui

Gli argomenti citati sono:

Perché dormire, per i benefici che apporta al nostro organismo

Qualità e quantità del sonno, due fasi principali, Non REM e REM

Dove e come dormire, valutare l’ambiente e la scelta del sistema letto

Curiosità e domande più frequenti, esiste un tempo minimo o uno massimo di ore di sonno?

Scegliere i guanciali, esempi di materiali