Archivio di ottobre 2018

“Festa di Via Luini”

venerdì 12 ottobre 2018

Domenica 14 ottobre 2018 l’Associazione Commercianti e Artigiani di Via Luini organizza una festa denominata: “Via Luini incontra le Valli”che interesserà Via Luini nel tratto compreso tra C.so Lombardia e C.so Potenza.
Protagonisti di questa manifestazione i comuni delle Valli di Lanzo con capofila il comune di Viù e l’Unione Montana; un appuntamento che si propone di celebrare l’antico legame tra le popolazioni delle vallate attraverso lo scambio di merci e manufatti, ma soprattutto un punto di incontro di usanze e culture molto simili tra di loro.

Come ogni anno l’Unione Montana rinnova l’appuntamento di fratellanza e di vicinanza con gli abitanti delle valli, così domenica l’Associazione Commercianti e Artigiani, con questa manifestazione, riprodurrà un modello di “Incontro delle Valli” in Via Luini, al fine di presentare al pubblico l’esposizione di oggetti d’arte e prodotti artigianali tipici di quelle zone in abbinamento al sistema di offerta del commercio fisso e su area pubblica che caratterizza le nostre feste di quartiere, quale occasione di svago e trattenimento ma anche di più qualificato appuntamento domenicale per la cittadinanza.

Per rendere più attrattivo il tratto di via, saranno coinvolte le Attività produttive del territorio, hobbisty e artigiani; le Associazioni sportive e culturali del territorio si esibiranno coinvolgendo i partecipanti nelle loro performance.
Sarà presente l’Associazione protezionista “Nella Terra dei Cavalli” che, con giri sui pony , coinvolgerà come sempre i più piccini, fedeli all’obiettivo dell’Associazione di sensibilizzare il pubblico alla difesa e al mantenimento in vita, grazie al denaro raccolto, dei cavalli altrimenti destinati al macello.

Le olimpiadi invernali del 2026

mercoledì 10 ottobre 2018

Nella storia delle olimpiadi vi sono due città che relativamente alla assegnazione dei giochi hanno subito lo stesso destino.

Sono Tokyo e Helsinki, erano ambedue candidate (1932) per ospitare la dodicesima edizione dei giochi olimpici , nel 1936 era stata rinnovata la richiesta, ma lo scoppio della seconda guerra mondiale aveva di fatto annullato tutto.

Alla fine del conflitto, il comitato olimpico riprese a funzionare e nel 1947 la Finlandia che aveva quasi totalmente ricostruito la sua capitale, ripresentò formale richiesta di poter organizzare le olimpiadi del ’52, anche se altre pretendenti avevano presentato una candidatura, Amsterdam, Minneapolis, Los Angeles e Helsinki, tra tutte l’ultima ebbe la meglio.

L’Italia con la sua spedizione che partecipò, fece le cose con molta cura, perché, era la prima occasione in cui il Coni era guidato da Giulio Onesti. I nostri risultati furono molto buoni, tanto che vincemmo 21 medaglie con 8 successi, che ancora oggi sono un bottino da non sottovalutare. La vittoria più esaltante fu quella del nostro marciatore Pino Dordoni.

(Guarito in extremis da una noiosa infezione agli alluci, che gli era costata la dolorosa estrazione delle entrambe unghie), corse i 50 Km e la vinse, stabilendo il nuovo record mondiale su quella distanza, (4h 28′ 07″) fu davvero una bella rivincita per un rappresentante della tradizione sportiva Italiana, che fu mandato nel lontano Nord a competere con atleti di levatura mondiale. Il nostro campione ebbe una lunga carriera agonistica lastricata di successi.

Torniamo ad oggi, si era concretizzata una candidatura per olimpiadi invernali del 2026, composta da tre città (Torino , Milano e Cortina), ma il consiglio comunale di Torino, nella ricerca di una intesa, ha costretto la sindaca di Torino a trasferire la discussione alla Città Metropolitana, la risoluzione che ne è scaturita ha prodotto un dossier che veniva presentato al CONI, il risultato per la città di Torino è stata l’estromissione dalla candidatura.

Di conseguenza oggi la candidatura rimane valida per le altre due città (lombardo /veneto). i giochi olimpici del 2026 perdono una candidata e una forza attrattiva, solo che questa volta non è una città che esce dalla corsa, ma una che viene esclusa.

MILANO – CORTINA

Rimangono gemellate, Milano e Cortina, il CONI blinda il binomio dopo aver spinto per la candidatura a tre. Bisogna anche dire che se Torino si è ritirata, Milano rappresenta una città solida,che da garanzie di efficienza e di economia, Cortina ha una lunga storia olimpica.

TORINO dopo 10 anni dalle olimpiadi  cliccare QUI

CERTO NOI SIAMO UN PAESE PARTICOLARE, INVECE DI FARE SQUADRA, PENSIAMO BENE A DISCREDITARCI.

Il giorno 09/10/2018 il CIO ente che sovraintende le olimpiadi ha ufficializzato la candidatura delle due città Italiane (Milano / Cortina) escludendo di fatto la possibilità di far rientrare Torino.

Certamente anche la nostra politica con i nostri rappresentanti ci hanno messo del suo.PECCATO.

2 Ottobre “FESTA DEI NONNI”

martedì 2 ottobre 2018

In Italia, la “Festa dei nonni” compie oggi 2 ottobre 2o18, solo 13 anni: è infatti stata introdotta per decreto dal parlamento italiano nel 2005, per celebrare “l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie”.

Non è un caso, che nel nostro Paese sia stata scelta questa data: nel calendario liturgico cattolico, il 2 ottobre è la festa degli angeli custodi. E non sono forse loro, questi  nonni  gli angeli custodi dei propri nipoti di famiglia?

Utili all’economia della famiglia. ma anche se le coccole dei nonni per i nipoti non hanno prezzo, il loro aiuto infatti innesca sempre una spirale positiva. Non solo permette alle mamme di lavorare, ma anche alle famiglie di tagliare alcuni costi delle strutture private a cui affidare i nipotini.

Uno studio internazionale rivela, che le persone anziane che collaborano nella cura dei piccoli di famiglia, vivono in media cinque anni di più rispetto a quelli che non lo fanno.

Festa Lucento e Vallette”

martedì 2 ottobre 2018

Domenica 30 Settembre 2018, nel giardino davanti al Teatro Principessa Isabella, c’è stata la Festa di Lucento e Vallette.

Hanno partecipato una parte di residenti della zona.

Si sono esibite le Majorettes e la Banda Musicale Salus.

I Social sanno ?

lunedì 1 ottobre 2018

I social network sono in grado di sapere quanto e cosa acquistiamo, non solo sono utilizzati per l’intrattenimento e la discussione tra amici ma vengono utilizzati per fare business in maniera rapida.

Gli ideatori delle piattaforme di scambio e di comunicazione hanno previsto l’efficienza delle reti in termini di guadagno. Questo successo ha preso sempre più piede.

Tutti i social, negli ultimi anni hanno attirato l’attenzione e l’interesse di molti professionisti dei più disparati settori delle vendite, di conseguenza attraggono un numero maggiore di clienti con un aumento delle vendite dei loro prodotti.

I social sono utilizzati per capire quali prodotti sono più appetibili, cosi facendo indirizzano i consumatori all’acquisto di prodotti e servizi.

I social come Google sanno esattamente quali sono le nostre preferenze in termini di acquisti, e chissà quali altre cose.

Un articolo che ci informa, apri.