Archivio di gennaio 2020

“Olli” lo shuttle elettrico a Torino

domenica 19 gennaio 2020

“Olli” il minibus senza pilota. E’ il primo minibus elettrico a guida autonoma sperimentale a Torino e in Italia. Lo shuttle elettrico autonomo girerà per 4 mesi per prove, lungo i viali del Campus delle Nazioni Unite sulla riva del Po, per essere poi spostato in altri ambiti del centro della città. Questo minibus è stato realizzato dalla azienda americana Local Motors. La sua modalità di produzione delle sue componenti sono realizzate 80% da stampante 3D.

Nello specifico, questo piccolo minibus senza conducente, ma avrà una hostes a bordo. Può portare fino 12 persone (8 sedute), viene azionato da 4 motori elettrici collocati nel mozzo delle ruote che lo spingono alla velocità massima di 25 km/h, la ricarica della batteria avviene in meno di 2 ore. Per la sua autonomia e della massima sicurezza sulla strada e del mezzo, è corredato da diverse telecamere e di molti sensori.

Siamo ad un assaggio di un nuovo ed avventuroso futuro, vedremo lo svolgere di queste sperimentazioni, ma anche al prezzo che sembra per il momento sia abbastanza proibitivo.

I giovani non ricordano

sabato 18 gennaio 2020

Quando nel mondo c’erano più animali di quanti oggi esistono. Per rispolverare un po di ricordi cliccare Qui.

A volte l’uomo usa le più orribili brutalità per gli animali, vedi gli allevamenti ittici in Grcia. per informazioni clicca Qui

Certo, che l’uomo non solo ha poca memoria, ma è egoista, non rispetta che sestesso, gli altri animali li considera esseri inferiori, oppure servono per riempirci la pancia.

Apparire

venerdì 17 gennaio 2020

In queste due parole, apparire o essere si racchiude tutta la nostra esistenza, si racchiude la nostra felicità o la nostra tristezza.
Volere apparire è un modo di vivere molto dispendioso: vuol dire avere vestiari firmati, la macchina più bella, la casa più bella, i mobili più belli e costosi ecc.. ma tutto questo non rende le persone più felici, anzi molto spesso li rende più infelici, la felicità non è raggiungibile con cose esteriori,.
Ci sono poi persone senza mezzi finanziari che vogliono comunque apparire e per questi la tristezza è ancora più profonda perché non possono realizzare ciò che vogliono, ci sono quelli che si rassegnano, ma ci sono anche quelli che non si rassegnano e allora ecco che si cercano delle scorciatoie: la droga, gli scippi, le rapine, furti di vario genere e tutto questo pur di avere i mezzi per apparire.
Ogni individuo è molto complesso, noi stessi non ci conosciamo a fondo, molto spesso ci comportiamo come gli altri vogliono e non riusciamo ad esprimere noi stessi come vorremmo.
Si, esprimere noi stessi per quello che siamo non è sempre facile, i nostri sentimenti molto spesso li nascondiamo per paura dei giudizi, eppure si può essere felici solo attraverso i sentimenti.
Eppure anche apparire fa parte della natura umana e animale, il pavone quando dispiega le sue penne colorate, vuole apparire bello, l’uomo di fronte agli altri vuole apparire interessante, simpatico, intelligente ecc. ma non sempre questo apparire rispecchia l’essere della persona.
Esprimere se stessi molto spesso vuol dire “denudare” la propria personalità, con le sue fragilità,
le sue emozioni, i suoi sentimenti, e questo esporsi ci frena e quindi ci mascheriamo con delle certezze.
Quanti dubbi abbiamo, quante insicurezze ci sono dentro di noi, ma per apparire ci corazziamo di sicurezze assolute e penso che questo disumanizza l’uomo, l’uomo è sempre stato problematico insicuro, i dubbi le incertezze spronano a ricercare la verità, ma sempre si è verificato che ad una verità raggiunta si aprono strade a tante altre domande ed incertezze, questo è positivo in quanto sprona sempre ad una ricerca continua.
Mi rendo conto che quanto detto sopra è tutto opinabile.

* PIETRE D’INCIAMPO *

mercoledì 15 gennaio 2020

I torinesi e i turisti più attenti in giro nel capoluogo torinese, avranno già notato incastonati nel lastricato della pavimentazione delle vie cittadine, delle strane pietre ricoperte di ottone con inciso sopra, nome e dei numeri. Vengono chiamate “pietre d’inciampo”, sono per ricordare le persone innocenti deportate nei campi di sterminio durante il periodo nazista. Su ogni pietra che viene posata davanti all’ultima abitazione della vittima di questa feroce follia, sono incisi i nomi, date e luoghi.

Queste pietre scolpite che troviamo quotidianamente sul nostro cammino, ricordano i nomi di quelle vittime spezzate, non sia d’esempio dell’inciampare ancora, ma che rimanga soltanto nella triste storia.

Queste pietre (Stolpertsteine in tedesco) sono state ideate dall’artista tedesco Gunte Deming, perché vengano depositate nel tessuto urbano delle città europee, una memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti.

UN’Antica mappa per l’aldilà

mercoledì 15 gennaio 2020

UN’antica mappa per l’aldilà

Una mappa trovata in un sarcofago dell’antico Egitto di 4000 mila anni fa.

Il viaggio dell’aldilà sarebbe interessante sapere in anticipo il tragitto che si compie dopo la dipartita. per saperne di più premere qui.

“Lo stato dell’acqua in Italia”

venerdì 10 gennaio 2020

Un giornalista è un economista ambientale.

Hanno organizzato un viaggio lungo tutto lo stivale per stilare un reportage, ma anche una missione ambientalistica; per controllare lo stato dell’acqua in Italia.

Per approfondire premere “QUI”

Esistono gli extraterrestri ?

mercoledì 8 gennaio 2020

E’,  soprattutto, si sono avvicinati al nostro pianeta ? (oggi più di ieri vi è un ritorno nel credere che non siamo soli nell’universo, come lo intendiamo noi.)

La sigla UFO ( Unidentified Flying Objects) oggetti volanti non identificati, venne creata dall’aviazione americana nel 1949, dopo che si erano verificati numerosi avvistamenti da parte di persone ritenute attendibili, tra cui alcuni piloti di aerei, di oggetti misteriosi, con diverse forme, cosi’ detti dischi volanti.

In due anni si verificarono più di trecentocinquanta avvistamenti, di cui trentacinque non ottennero mai una convincente spiegazione. Navi aliene o prototipi militari, sono sempre ricoperti dal massimo riserbo. Il dubbio rimane, anche se misteriosi avvistamenti di oggetti volanti non identificati si sarebbero verificati anche in secoli più remoti.

Ogniuno di noi ha delle convinzioni e delle certezze, pero in quel campo la fantasia galoppa, sicuramente ci crede negli alieni probabilmente ha una sensibilità diversa, non per questo migliore di chi è agnostico.

Ognuno la pensi come crede, ma tutti debbono ricordarsi che l’universo è infinito.

Ricordi…”La Befana dei Vigili”

sabato 4 gennaio 2020

C’era una volta la “Befana dei Vigili Urbani di Torino”.

Il 6 gennaio dell’epoca giorno dell’Epifania, era consuetudine per gli automobilisti di Torino, fare dei regali ai Vigili della città per ringraziarli  dell’opera svolta nel gestire il traffico, in un periodo in cui non erano ancora entrati in funzione i semafori.

Ma, anche riscontrando che si viveva ancora nel periodo del dopoguerra, le situazioni delle famiglie dei Vigili non erano tanto rosee, i torinesi decisero di fargli dei doni consegnandoli nei punti nevralgici della città, posandogli attorno alla rotonda pedana del vigile in servizio. Dopo i primi anni, quando il tenore di vita era migliorata, la tradizione ha continuato per un periodo e i doni ricevuti dai Civich, venivano poi destinati alle persone meno abbienti della città.

Molto tempo è passato e tutto è avvenuto cambiando, ora ci sono i semafori, rotatorie, sensi unici………….ma provate a pensare, un vigile in mezzo alla via, sarebbe molto impensabile con il traffico caotico di oggi.

Ci resta solo il ricordo di un tempo che fù.

“Buon 2020″

giovedì 2 gennaio 2020

Cari amici da qualche giorno è cominciato il 2020. L’avventura del nostro Blog sta entrando nell’undicesimo anno? In questi anni diverse cose sono cambiate, alcuni amici non ci sono più… Col passare del tempo lo spirito di collaborazione che c’era inizialmente è andato via via diminuendo…

Mi auguro che il 2020 sia un anno positivo e collaborativo anche per quelli che ultimamente sono stati poco presenti? Siano un po più presenti un po per essere solidali verso quelli che scrivono qualcosa e un po per aiutare anche la “memoria” a essere un po più attiva eseguendo i vari passaggi che si devono fare per pubblicare qualcosa?

Auguro per tutti i componenti che il nuovo anno porti un po di salute, serenità e sorrisi. Se potessi chiedere qualcosa per il 2020 chiederei: Un po di pace è un po meno guerre nel mondo. Auguro a tutti ogni bene… “Buon 2020”

San Silvestro……E I FUOCHI D’Artificio

mercoledì 1 gennaio 2020

DAL WEB

Giano bifronte

GIANO BIFRONTE


“La leggenda di San Silvestro

Non a caso Giano è rappresentato con due volti: quello di un giovane e quello di un vecchio con la barba. Il “Giano cristiano” sarebbe oggi Silvestro, il papa che battezzò Costantino chiudendo l’era pagana e aprendo quella cristiana. Al suo nome è collegata una leggenda molto nota a Poggio Catino (Rieti) il cui patrono è appunto San Silvestro. Silvestro avrebbe liberato il paese da un drago chiuso in una caverna cui si accedeva attraverso 365 gradini, tanti quanti sono i giorni dell’anno. Il “mostro” ucciso era metafora del paganesimo e i 365 gradini erano simbolo dell’anno da consacrare ormai al Dio dei cristiani.”

DAL WEB

I botti e i fuochi

“A Capodanno fuochi e petardi non si accendono solo per salutare il nuovo anno: i botti, assieme al disfarsi di mobili e stoviglie vecchie, hanno il significato di espulsione del vecchio anno con le sue negatività. Antichi riti diffusi un po’ ovunque hanno questo significato di esorcismo contro demoni e spiriti maligni”

FUOCHI D'ARTIFICIO