Archivio di maggio 2020

“Giardini di via Sospello”

sabato 30 maggio 2020

Queste foto sono state fatte qualche settimana fa al mattino prima del 18 Maggio 2020 quando si poteva uscire limitatamente… ai giardini di via Sospello Torino.

Questa e la pista di pattinaggio del giardino come si può vedere ci sono poche persone all’interno che stanno giocando a palla. In altre occasioni questa pista viene utilizzata per pattinare con i Roller (Pattini in linea) oppure con i Roller quad (Pattini a quattro ruote)

In questa foto c’è della gente che passeggia nell’interno del parco, sente il buon profumo dell’erba, delle piante e si può respirare un po di aria più pulita.

In questa ci sono delle bici in sosta c’è lo scivolo e dei bimbi che si divertono sull’altalena spinta dai genitori.

E in quest’ultima c’è un parco gioco completo di altalena e di giochi per i bambini più piccoli dove alcuni genitori li portano… diversi sono ancora sulle carrozzine. Tutto questo  per dire che abbiamo tante cose belle a portata di mano, basta organizzarsi  per vivere una vita serena è tranquilla.

Roma città eterna

mercoledì 27 maggio 2020

Borgo Vittoria (per l’élite….)

domenica 24 maggio 2020

dal quotidiano La Stampa del 24/05/2020

di

MATTEO ROSELLI

Borgo Vittoria

Chiesa della Salute

Il quadrilatero
sarà pedonalizzato

Potrebbe essere ribattezzata
«la rivoluzione moderata».
Ma la prospettiva di pedonalizzare anche solo il quadrilatero di via Chiesa della Salute suona già come un progetto destinato a cambiare le abitudini di uno degli ultimi fortini commerciali della periferia Nord della città. Un sogno
che si rincorre da anni. E mai
come oggi, complice la crisi e
le misure di sicurezza portate dal coronavirus, sembra a
portata di mano. La linea di
congiunzione sarà via Vibò,
che dovrebbe essere pedonalizzata da via Chiesa della Salute fino in via Bibiana, nel
tratto che costeggia il Santuario e il mercato.
Circa 300 metri, chiusi da fioriere e dissuasori, chiusi per le auto in favore dei dehors e delle passeggiate tra i negozi.
L’obbiettivo di Palazzo Civico è quello di trasformare il
piazzale in un contenitore
per eventi culturali e realtà
commerciali itineranti. I tempi? «Inizialmente si pensava
di partire subito – spiega Andrea Ledda, presidente dei
commercianti di Borgo Vittoria Quadrilatero V – Ora, probabilmente ci vorranno altri
dieci giorni, massimo due settimane». Il progetto piace alla maggioranza dei negozianti, che però sono spaventati
dai possibili problemi alla
viabilità: «Si ventilava l’ipotesi di chiudere via Chiesa nel
tratto del Santuario e questo
sarebbe un problema – dice il
presidente, Giovanni Scolaro – In quel caso, senza un progetto sui parcheggi e il trasporto pubblico si rischia di
danneggiare il commercio di
zona».
Secondo il presidente della Circoscrizione 5, Marco
Novello, il problema si pone
anche solo pedonalizzando
via Vibò: «Ad oggi non siamo
stati minimamente considerati dal Comune. Quella zona è piena di posteggi e pensare di cancellarla dall’oggi
al domani, senza soluzioni alternative, è una pazzia
». —

*** Campania Taurini ***

sabato 23 maggio 2020

Un po’ di visione storica del nostro quartiere.

Col termine “Campania Taurini”, anticamente si intendeva tutto il territorio rurale a occidente della città.   Da frammenti storici risalenti al XIV secolo, si ha la notizia di un modesto ‘capitello votivo’ raffigurante la Madonna, che in seguito questo quartiere prese il nome di “Madonna di Campagna”. Nel 1567 i primi frati Cappuccini costruirono la prima chiesa. Questa chiesa fu poi bombardata l’8 dicembre 1942 da una incursione aerea, riducendola in un cumulo di macerie pur rimanendo in piedi soltanto lo snello campanile, sessantaquattro furono le vittime. La nuova chiesa fu ricostruita poi nel 1949.

Un po’ di storia: Nel 1706 in occasione dell’assedio di Torino, in una vasta area a nord della Dora si svolsero molteplici scontri contro le truppe ispano-francesi (in particolare presso le borgate Lucento, Madonna di Campagna, Vittoria), con episodi che ebbero il culmine nella battaglia del 7 settembre dello stesso anno, dalla quale gli austro-piemontesi emersero vincenti.

Nei secoli seguenti, la borgata andò crescendo con l’apertura di strade e della ferrovia verso Venaria Reale (1884), dagli accessi stradali provenienti da un cascina (poi abbattuta per costruire la Ferriere FIAT/Vitali), ora Parco Dora. E da qui si svilupparono nuove attività industriali, tra il XIX e il XX secolo diedero un gran avvio, in particolare con le famose acciaierie e le Ferriere Vitali e Ansaldo Fiat di Via Borgaro, la Michelin e altre fabbriche del l’indotto. A tutto questo, diedero un gran impulso demografico al quartiere con l’incremento di agglomerati e di nuovi servizi, fenomeno che proseguì anche nei decenni successivi.

La ”Spina 3″, nel progetto di ammodernamento del passante ferroviario di Torino e delle zone limitrofe (la cosiddetta Spina Reale) è una vasta area della Exzona industriale del quartiere  di recente riconversione e di sviluppo urbanistico. L’intervento più significativo per impatto architettonico a valenza sociale è sicuramente la chiesa del Sacro Volto e nuova sede della Curia di Torino di Via Borgaro. Da rilevare anche il recupero delle exferrriereFiat e l’area ora è adibita a parco (Parco Dora), le strutture portanti degli stabilimenti sono state recuperate  a memoria del passato industriale.

***Segni Zodiacali Blog***

mercoledì 20 maggio 2020

Quando veniamo al mondo in  base al mese e il giorno di nascita ci viene assegnato un segno zodiacale… Che poi l’ho portiamo dietro per sempre. Tanti astrologhi fanno previsioni sull’Oroscopo dei Segni che non sempre sono attendibili. Ho avuto l’idea di creare un articolo con i “SEGNI ZODIACALI” di tutti noi del Blog per coinvolgere un po tutto il gruppo. L’ARTICOLO E’ GIA’ IMPOSTATO DA ME. Una prova per vedere se riusciamo in un unico articolo a scrivere tutti quelli che hanno piacere.

Chi vuole provare a scrivere… Deve entrare nel Blog come si fa per scrivere… Se non viene la pagina Articoli… Premere su Articoli e cercare articolo “SEGNI ZODIACALI BLOG” premere sopra con tasto sinistro e si apre.  Una volta aperto fate scorrere la barra del cursore laterale fino sotto le vostre foto, vi posizionanate con freccia del mouse dopo l’ultimo carattere, a fianco a destra della parola segno premete con tasto sinistro per attivare la barretta e poi cancellate piano piano tutto fino a fianco alla parola Sono… Scrivete il vostro nome e due righe di testo a piacere su di voi e del vostro segno zodiacale, Poi andate a vedere in “ANTEPRIMA se è tutto a posto, chiudete l’ANTEPRIMA e premete su “AGGIORNA” e l’articolo verrà modificato. Se il testo è già scritto pima dall’amico a fianco… vi posizionate con il mouse dopo l’ultimo suo carattere, date un Invio e poi scrivete sotto il suo il vostro a piacere. Se viene qualche problema o le foto non sono più affiancate una a fianco all’altra correttamente, non premete su “AGGIORNA” e l’articolo non verrà modificato. Andate a vedere sulla pagina di visualizzazione del Blog per controllare se è tutto a posto. Se non ve l’ha sentite di farlo. Andate sopra l’articolo visualizzato e aprite “Commenti” Scrivete nei Commenti quello che vorreste scrivere di voi… Poi penso io a riportarlo sotto la vostra foto.

Sono  Franco nato a Giugno e sono del segno zodiacale dei Gemelli. Ho un po di fantasia è curiosità e questo mi porta sempre a provare e a cercare cose nuove per avere un nuovo stimolo nella vita quotidiana. Mi piace la musica e le canzoni. La stagione che preferisco e la primavera per sentire al mattino il cinquettio degli uccellini e vedere tutti i fiori e le piante colorarsi di mille colori e di un verde intenso. Nelle difficoltà nel possibile cerco sempre di essere positivo.

Sono Iris, nata sotto il segno del Toro;sono tifosa del Torino. Mi piacciono la Storia, gli aforismi, le poesie ecc.; essendo molto curiosa mi piace imparare e in questo mi sento molto fortunata perchè ho incontrato, nel blog, delle interessantissime compagne e degli interessantissimi compagni di viaggio con i quali condivido gli stessi interessi. Sì, rappresentiamo ” la più Bella Gioventù.”

Sono Francesco nato sotto il segno del Capricorno, anche se in alcuni calendari Zodiaci il 22 lo annoverano nel segno del Sagittario. La caratteristica di questo segno, lo dice la parola: CAPRA, un animale determinato ma anche cocciuto, è il decimo segno dello Zodiaco ed è un segno di terra, il pianeta che lo rappresenta è Saturno, che nella mitologia Romana era il padre di molti Dei.Ama gli sport all’aria aperta e molto combattivo ma gioca sempre onestamente.

Sono Luciana e il mio segno zodiacale è la bilancia. Il segno della giustizia ma, anche dell’indecisione, infatti i piatti della bilancia prima di fermarsi oscillano ma, dell’eleganza. La caratteristica di questo segno è anche quello di mettere tutti d’accordo.
Un abbraccio a tutti Voi!

Sono quello che chiamate Beppe, sono uno Scorpioncino, la mia tenacità sta nella volontà quanto all’ambizione. Attenzione però: il veleno c’è l’ho nella coda.

Ciao a tutti… Sono Marina e sono un’acquario, un segno d’aria, perciò mi vedo come un variopinto aquilone che vola in alto spinto dal vento… x vedere da lassù le bellezze della natura. Amo sentirmi libera, detesto le cose piatte, noiose e fatte solo per abitudine. Amo vedere le persone felici e serene e perciò… vi auguro una felice giornata con tanti sorrisi!

Sono Biagia il mio segno il zodiacale e la vergine il quale si dice che la vergine è molto precisa, non sono le mie qualità, sono molto curiosa mi piace scoprire cose nuove voglia di fare oltre le mie capacità, ma far lavorare la fantasia e il mio pregio…

Sono Piero il mio segno zodiacale sono i Pesci, essendo nato a Marzo, un mese un pò pazzerello, penso che un pochino abbia influito sul mio modo di vivere. Sono curioso e non mi piace la quotidianità.

Sono………………………………….Scrivete qualcosa a piacere di voi e del vostro segno

Sono………………………………….Scrivete qualcosa a piacere di voi e del vostro segno

Sono………………………………….Scrivete qualcosa a piacere di voi e del vostro segno

Sono…………………………………Scrivete qualcosa a piacere di voi e del vostro segno

IL VALORE DELL’AMICIZIA

giovedì 14 maggio 2020

L’amicizia è molto importante, senza amici la vita è vuota. avere amici non è facile, certe volte si scambiano semplici conoscenze come amici ma, è così, il vero amico è colui che puoi parlarci insieme come parlare con se stessi. per saperne di più cliccare qui

*** VILLAGGIO LEUMANN ***

mercoledì 13 maggio 2020

Un villaggio da fiaba alle porte di Torino

L’origine del villaggio risale al 1875, quando gli imprenditori svizzeri LEUMANN trasferirono nel territorio di Collegno la loro attività tessile del cottone, avviata intorno alla metà del secolo a Voghera.  L’esigenza di utilizzare le esperte maestranze già alle proprie dipendenze indusse alla costruzione di un complesso abitativo attorno allo stabilimento, gli esiti di una  progettazione approdarono per una realizzazione di numerose casette a due pian i fuori terra, una palazzina per gli impiegati e un convito per le operaie, affiancati da edifici di utilizzo collettivo, come bagni, la scuola elementare e l’ufficio postale. Casette ispirate al modello dello chalet di importazione svizzero-tedesco adottato nel primo nucleo, sono approntate a un sobrio gioco floreale, a cui si contrappone la fantasia in sintesi di stile liberty e dal revival neoromanico  della chiesa dedicata a Sant’Elisabetta. Come attesta la presenza di tali servizi, la borgata fu concepita quale comunità produttiva autonoma, dotata di iniziative protese a disciplinare la classe operaia e favorirne un miglioramento delle condizioni di vita, all’insegna di un organico che pone il “Villaggio Leumann” fra le più interessanti esperienze germinate nel settore, insieme a quel insediamento particolare dell’epoca.

La singolarità del patrimonio edilizio conservato e del programma che vi era correlato rendono l’area uno dei principali siti dell’Ecomuseo della cultura materiale della Provincia di Torino.

*** Il 1° Maggio ***

venerdì 1 maggio 2020

Il Primo Maggio, va commemorato per non dimenticare tutte quelle persone, che hanno lottato per ottenere condizioni di lavoro e di vita umane per tutti, e per difendere il proprio diritto al lavoro. La storie delle rivendicazioni operaie sono state molte, come per miglioramento e conservazione del posto, riduzione del tempo di lavoro, quello salariale e della salute. La prima rivendicazione è nata ben 165 anni fa, con l’Australia che aveva  coniato il moto “otto ore di lavoro, otto ore di svago, otto ore per dormire”, condiviso poi da tutto il movimento operaio, che fu allora la scintilla. Un altro episodio che ha ispirato la data nella quale attualmente in molti paesi del mondo, si celebra la “Festa del Lavoro”, il caso avviene negli Usa a Chicago il primo maggio 1886. Quel giorno era indetto uno sciopero generale in tutti gli Stati Uniti, con il quale gli operai rivendicavano migliorie e più umane condizioni di lavoro: a metà Ottocento anche 16 ore al giorno, la sicurezza non era contemplata e i morti sul lavoro erano cosa di tutti i giorni.

Oggi, noi stiamo vivendo un momento critico nel nostro paese, la Festa del Lavoro si carica soltanto di un significato simbolico, sarà un Primo Maggio inedito con tante incognite  e nessun festeggiamento nelle piazze, da sempre piene di giovani, lavoratori e bandiere.

Arborea

venerdì 1 maggio 2020

Arborea si trova in Sardegna nelle vicinanze di Oristano, e una zona molto estesa e molto paludosa, per le zanzare portatrici di malaria era ideale. Nel 1929 fu Mussolini ad incominciare a bonificare, per poi finire nel 1928, suddividendo in piccoli appezzamenti e assegnando un pezzo ad ogni famiglia bisognosa, chiamandola Mussolinia. Oggi la zona più ricca della
Sardegna tutta irrigata, e produce meloni, angurie, pomodori, fragole e qualsiasi tipo do ortaggi, grande produzione di latte e formaggi e tante altre cose.

Ballo popolare

venerdì 1 maggio 2020

La Monferrina canzone e ballo piemontese…

La monferrina è un’antica danza popolare originaria del Monferrato.

Questo simpatico filmato è stato fatto da me qualche anno fa in una festa in Via Chiesa della Salute e caricato su Youtube è quello che ha ottenuto il maggior numero di visualizzazioni, di tutti gli altri caricati da me…

E allegro e ho pensato di condividerlo con voi… Una buona visione….

Testo originale in piemontese[1]
Òh ciàh ciàh, Maria Catlin-a
domje, domje na siassà.
Òi si si ch’i la darìa
l’hai lassà lë siass a ca.
Ris e còj e tajarin
vardé-sì com a balo bin:
a balo pì bin le paisanòte
che le tòte dë Turin.
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta,
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta
‘Ncora na vira sota la riva,
òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
Còs it fas Maria Catlin-a
lì setà ‘n sël taboret,
da na man la ventajin-a
e da l’àutra ‘l fassolèt?
Pijé na giòja che vë pias,
dej’ la man, tirela ‘n brass.
La corenta a l’é pì bela
e peui traderiderà.
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta,
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta
‘Ncora na vira sota la riva,
òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
Për dansé la Monfërin-a
j’é rivaje n’ufissial,
l’ha ciapà Maria Catlin-a
l’ha portala ‘n mes al bal.
Fate ‘n là, ti, paisan,
passo mi con ël vardanfan.
Feme mach un bel inchin
che mi iv fas un bel basin.
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta,
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta
‘Ncora na vira sota la riva,
òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.

Traduzione in italiano
Oh ciao ciao Maria Caterina
diamole, diamole una setacciata.
Ohi sì sì che gliela darei
ma ho lasciato il setaccio a casa.
Riso e cavoli e tagliatelle
guarda qui come ballano bene:
ballano meglio le contadinelle
che le ragazze di Torino.
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta, ancora una volta,
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Ancora una volta sotto la porta
Ancora una volta sotto la riva,
oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Cosa fai Maria Caterina
lì seduta sullo sgabello,
in una mano il ventaglietto
e nell’altra il fazzoletto?
Prendete una gioia che vi piace,
datele la mano, prendetela in braccio.
La corenta è più bella
e poi traderiderà.
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta, ancora una volta,
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Ancora una volta sotto la porta
Ancora una volta sotto la riva,
oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Per ballare la Monferrina
è arrivato un ufficiale,
ha preso Maria Caterina
l’ha portata in mezzo al ballo.
Fatti in là, tu, contadino,
passo io col vardanfan.
Fatemi solo un bell’inchino
che vi do un bel bacino.
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta, ancora una volta,
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Ancora una volta sotto la porta
Ancora una volta sotto la riva,
oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.