Parco Carrara (Pellerina)

dora_riparia1.jpg
Dora Riparia

cartina_pellerina1.jpg
Cartina Pellerina

pellerina_tartaruga1.jpg
tartaruga

E’ un vero e proprio polmone della città, con i suoi 837000 metri quadri, 10000 alberi di abeti e betulle, attraversato dalla Dora Riparia situato tra i corsi Appio Claudo, Lecce, Regina Margherita e via Pietro Cossa. Ci sono spazi per attività spotive, piscine, campi da tennis, da bocce per anziani e non. Esistono molti campi per giocare a pallone, piste per il pattinaggio su rotelle, area atrezzata per cani, due laghetti con fauna acquatica e una miriade di volatili ed molte altre attività che non mi soffermo ad elencare.

Insomma in parole povere andate a visitarlo, consiglio soprattutto per i turisti, comunque per chi non lo sapesse il nome pellerina è sato dato dalla cascina Pellegrina che si trova al’incrocio di corso Regina Margherita e via Pietro Cossa, ma Mario Carrara a cui è stato dedicato il parco, era un antropologo dell’uniersità di Torino nato nel 1886 e morto nel 1937. Negli anni 50-60 il parco era meta dei Torinesi che d’estate lo affollavano, allora pochi andavano in ferie come si fa oggi, non c’erano autostrade affollate o partenze intellgenti come succede ora.

La domenica le famiglie preparavano da mangiare e ci si trovava tutti o quasi alla Pellerina per passare una giornata all’aria aperta all’omba delle piante, ci si accontentava di poco per essere felici, mi domando era meglio allora o adesso?

Scrivi un commento

*