Social card.

Leggendo le condizioni per richiedere la “social card”, verrebbe da pensare a quali difficoltà possono incontrare per il disbrigo della pratica, ma che può anche indurre alla scelta di lasciar perdere questa offerta governativa che, come congegnata, ha proprio lo scopo di scoraggiare qualche eventuale avente diritto.
Si può anche pensare che questa “card” potrebbe finire per essere come al solito una prerogativa dei soliti furbi, (che non mancano mai). Quando poi si sente dire che bisogna continuare a consumare per poter poi produrre, mi pare che sia una frase molto difficile da capire, frase che da per scontato che ci sono i mezzi per poter spendere e consumare. Invece sarebbe più logico consigliare alla gente la ponderatezza e non il consumismo obbligato.

Beppe

Scrivi un commento

*