“Novembre” (Poesia)

GIOVANNI PASCOLI : NOVEMBRE

Gemmea l’aria, il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l’odorino amaro
senti nel cuore…


Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.


Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. E’ l’estate
fredda, dei morti.

Vi è inizialmente un’immagine primaverile (gemmea l’aria – il sole è così chiaro): l’immagine di una giornata soleggiata nel mese di novembre, durante la cosiddetta “estate di S. Martino”. Ma ciò che il poeta vuole realmente rappresentare è la breve illusione della felicità(I punti di sospensione che chiudono la prima strofa però interrompono questa illusione e segnano una forte pausa).Nella bella giornata autunnale , la luce del sole e l’aria limpida danno per un istante l’illusione che sia primavera.Ma subito ci si rende conto che le piante sono secche e spoglie(La seconda strofa ha infatti inizio con una forte avversativa “Ma”, che segna un netto rovesciamento della situazione precedente. E’ il ritorno alla realtà dopo quell’illusione di dolcezza primaverile. E’ la realtà autunnale ,triste , evidenziata con queste parole “secco -stecchite- nere – vuoto – cavo”" ) , che tutto intorno è vuoto è silenzio e silenzio, non ci sono i rumori gioiosi della vita .Allo stesso modo , ci vuol dire il poeta ,la dolcezza dell’infanzia e della giovinezza dura poco e presto si rivela essere un’illusione. Sulla vita dell’uomo incombono tristezza , silenzio e morte.
La realtà di morte viene confermata nella terza strofa che si conclude con la parola “morti”, preceduta da parole-chiave che contengono un significato di vuoto, solitudine: silenzio, solo , lontano, fragile, fredda .



3 Commenti a ““Novembre” (Poesia)”

  1. Iris scrive:

    sempre belle le poesie…..allorquando s’imparavano (o si cercava di ..)a memoria…..

  2. Secondo scrive:

    Bellissima poesia come dice la nostra Iris….., a me l’unica cosa che mi dava fastidio era quando me le davano da studiare a memoria era una vera tragedia.

  3. Biagia scrive:

    Quando si e ragazzini la memoria registra bene le poesie mi sono sempre piaciuti
    come vedi ogni tanto ne pubblico qualcuna in ricordo di quel bel periodo
    bravo x avermi fatto conoscere anche questa in questo giorno commemorativo…………

Scrivi un commento

*