LA PAROLA

E’ l’atto linguistico individuale e irripetibile del parlante. Quale atto è cosi’ completo, le parole si contrappongono alla lingua standard sociale costituito dal sistema dei segni che formano il codice di un idioma.

La parola deriva dal Greco – parabolè, attraverso il Latino - parabòla, poi alterato in paràula nel volgare, è l’espressione orale o scritta di una informazione o di un concetto, ovvero la rappresentazione di una idea svolta a mezzo e nel presupposto di un riferimento convenzionale.
Elemento basilare della comunicazione verbale, la parola assume il ruolo di unità minima di trasmissione dei concetti, sebbene a questa visione autonomistica siano state mosse molte obiezioni, sopratutto per effetto dei numerosi esperimenti di manipolazione verbale, in particolare nel l’uso di strumenti tecnologici, specializzati nella comunicazione.
Pertanto l’uso della parola fa bene, conversare è qualcosa che non insegnano a scuola, è una sorta di rappresentazione nella quale ognuno ha il diritto di parlare , eppure alcune conversazioni possono cambiare la vita, e il mondo modificando il modo stesso di comunicare.
Oggi  e-mail, whatsap, facebook, ecc. contribuiscono alla grande conversazione che si svolge in rete. Ma non è certo la stessa cosa di un dialogo faccia a faccia, mancano i segnali che inviamo annuendo, guardandoci o sorridendo, non possiamo cogliere le coloriture emotive delle parole da un particolare tono di voce, da un silenzio eloquente o da un tremito rivelatore.
Per tanto le parole si contrappongono ancora all’evolversi della comunicazione globale, attraverso i mezzi tecnologici.

2 Commenti a “LA PAROLA”

  1. Franco scrive:

    Interessante questo post sulla definizione della parola, il dialogo a faccia a faccia rimane sempre più il completo… le parole virtuali di whatsapp, facebook ecc… non sono la stessa cosa….

  2. francesco.lia scrive:

    hai pienamente ragione, la parola non può e non deve essere sostituita dalla nuova tecnologia, rimane l’unica interprete dello stato d’animo delle persone

Scrivi un commento

*