IL GIARDINO più velenoso del mondo

Ad  ALNWICK GARDEN , in Inghilterra, ospita le piante conosciute più tossiche del pianeta, alcune sono specie esotiche, ma altre si trattano di insospettabili che crescono tranquillamente nel prato di casa, usate fin dall’antichità per confezionare pozioni velenose.

Il cartello all’ingresso è inequivocabile ” queste piante possono uccidere“. E’ stato creato quasi venti anni fa da Jane Percy, duchessa di Northumbertand.
Visitarlo non è pericoloso: si debbono seguire regole di buon senso, non si rischia nulla, ma soprattutto si impara tantissimo.
Da secoli le piante sono note per le loro proprietà medicinali, dalla corteccia del Salice, usata come antipiretico all’estratto digitale per trattare lo scompenso cardiaco. Molte delle piante velenose sono proprio quelle da cui si ricavano principi con azione farmacologica dato che, come già sosteneva Paracelso, è la dose a fare il veleno.

LA PIANTA DEL SALICE, originaria dell’Europa, Asia e Nord america, ha proprietà mediche, le foglie       e la corteccia vengono già menzionate in antichi testi medici Egizi, e il celebre medico Greco Ippocrate ne descrisse le proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie, ribadite e ulteriormente studiate da altri           medici.

La prima pianta velenosa per eccellenza è la Cicuta, ” Conium maculatum”, passata alla storia come quella con cui Socrate si diede la morte, tossica per la presenza di varie sostanze alcaloide che inducono la morte per paralisi respiratoria.

LA PIANTA DELLA CICUTA, è della famiglia, Apiaceae, ed è erbacea a ciclo biennale, originaria      dell’Europa, e passata alla storia quale bevanda velenosa. Tutta la pianta è notevolmente velenosa e può  portare alla morte, ciò è dovuto alla presenza di almeno cinque diversi alcaloidi.

Alcune sono specie esotiche, come la “Brugmansia arborea” chiamata anche trombone d’angelo.

TROMBONE D’ANGELO, è una pianta arborescente a fiore, originaria del Sud america, ma coltivato    anche da noi come pianta ornamentale. Tutta la pianta è velenosa, ma le foglie contengono un’elevata  concentrazione di alcaloidi tra i quali l’atropina e la scopolamina, sostanze molto tossiche, tanto che  possono causare stati di delirio e portare anche alla morte.Appartiene alla stessa specie la BELLADONNA, e pare che fosse utilizzata anche dalle popolazioni del centro – america come allucinogeno. Ancora oggi viene usata come droga fai-da-te, con effetti pericolosissimi.
TROMBONE D’ANGELO

Altre piante crescono tranquillamente nei nostri giardini,” L’oleandro “, Nerim oleander, per esempio, che in molte tradizioni è un simbolo legato alla morte.

L’ OLEANDRO, è un arbusto sempre verde, appartiene alla famiglia Apocynaceae, originaria
probabilmente dell’Asia, ma è naturalizzata e spontanea nelle regioni  mediterranee. A un portamento
arbustivo con fusti generalmente poco ramificati, Tutte le parti della pianta sono tossiche, le foglie e i  fusti sono glabre e coriacee, i fiori sono grandi e vistosi. La loro ingestione provoca nausea, vomito,  alterazioni del ritmo cardiaco. Cinque foglie, ingerite possono bastare per uccidere.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Altre insospettabile , sono piante del genere delle ellebore, tra cui “Helleborus niger”, la cosi detta rosa di natale, che cresce nelle zone alpine ma viene anche coltivata in giardino.

ROSA DI NATALE, è una pianta erbacea perenne, dai grandi fiori bianchi, che fioriscono a inizio inverno, appartiene alla famiglia delle Ranunculaceae. Contengono elleborina e altre sostanze alcaloidi tossiche e velenose. Il suo veleno può essere assorbito anche attraverso la pelle. Fin dal medioevo, veniva usato come potente veleno che provoca la morte per arresto cardiaco.
Sono erbe o arbusti, ha fiori grandi e molto colorati, la sua distribuzione si estende in tutta Europa, Nord-America, Asia.

LA PEONIA, può essere molto tossica, e nell’antichità veniva utilizzata per provocare l’aborto.



IL MUGHETTO, è una pianta erbacea e perenne, appartiene alla famiglia delle Asparagaceae, diffusa in  tutta Europa, Nord-America e Asia, Anche l’innocente mughetto è velenosa in tutte le sue part,. escluso il  rizoma (radici), il suo veleno ha una azione cardiotossica.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Cosi’ pure, i fiori, e le foglie di “ortensia” (Hydrangea macrophylla), e del “narciso”, dietro la cui bellezza si nasconde la” narcisina” il cui nome contiene la radice “markè”, per sapore, stupore, come la parola “narcotico”.
L’euphorbia pulcherrina, che altro non è che la” stella di Natale”, contiene un lattice irritante per la pelle, e velenoso se ingerito.

STELLA DI NATALE, è una pianta ornamentale originaria del Messico, in cui cresce spontaneamente, appartiene alle Euphorbiaceae, all’interno del suo tronco vi è una sostanza lattiginosa, leggermente irritante per la pelle, ma altamente tossica per gli animali, come cani e gatti.


IL NARCISO, originario dell’Europa, il nome deriva dal Greco “vapkaw narkao” (stordisco), per il suo odore penetrante ed inebriante, le sue foglie contengono un alcaloide velenoso ” la narcisina” che provoca, se ingerito disturbi neuronali e infiammazioni gastriche, sia negli animali che nell’uomo. ( se non curato entro le 24h, può provocare la morte.)

L’ORTENSIA, nata nelle ombrose foreste della Cina, importata in Europa a partire dal 18tesimo secolo, la particolarità sono ifiori, che assumono diversi colori, a secondo del PH del suolo, dove dimorano.

FIORI E SEMI, variano anche le parti della pianta che contiene il veleno. L’ingestione di un paio di semi di “ricino” (Ricinus communis), che contengono ricina, uno dei veleni più potenti e pericolosi tra quelli conosciuti, può bastare per provocare la morte di un bambino. La ricina è contenuta nella cuticola dei semi, resistente agli enzimi digestivi, per cui l’ingestione del seme intero non schiacciato, solo raramente causa danni gravi.

1 Commento a “IL GIARDINO più velenoso del mondo”

  1. Franco scrive:

    Una panoramica molto dettagliata delle piante velenose…

Scrivi un commento

*