I ROM chi sono, e da dove arrivano

Sono presenti in molti paesi del mondo, sono stati perseguitati da più popoli, la loro storia e cultura va indietro nel tempo.

Oggi vi è una polemica sulla parola CENSIMENTO (o monitoraggio) perché il nostro ministro dell’interno ha chiesto di verificare quante persone (e bambini) vivono nei campi, tenendo presente che solo una quota minoritaria del popolo Rom vive all’interno dei campi.

In varie città i sindaci, precedentemente hanno fatto un censimento con controlli per verificare se i minori vanno a scuola, se vi sono persone che vivono solo di espedienti ed ancora se hanno un lavoro che possa permettere loro di mantenersi e mantenere la famiglia.

Chi sono i Rom e gli altri?

Preferiscono essere chiamati Rom, che nella loro lingua il “romanes”, significa “uomo” e definiscono “gagé” tutti gli altri, cioè i non Rom.

Per loro il “gagio” (al singolare) è un credulone, superstizioso, troppo attaccato alle cose, talvolta violento. Il “gagé” dal canto loro, li chiamano zingari e pensano che siano trasandati, infidi, ladri, senza cultura. Però generalizzare è sbagliato, nell’Est europeo, e in molti casi anche in Italia, i Rom vivono in normali case, lavorano, studiano e la convivenza è tranquilla.

Dai Rom bosniaci l’Italia viene chiamata il “paese dei campi” intendendo i campi nomadi (quelli recintati). Da noi molto spesso fanno la questua, a volte furti. I cittadini che vivono nelle loro vicinanze e non solo, fanno manifestazioni di protesta per sensibilizzare i politici, i sindaci e tutta la comunità, affinché prendano delle iniziative atte a regolarizzare i campi e i loro abitanti, invece di lasciarli alla mercé di soggetti malavitosi che sfruttano le persone sia maggiorenni che minorenni (ed è una vergogna).

In Italia vi è un concetto radicato di inciviltà, quando arrivano dai paesi dell’Est i Rom vengono “zingarizzati”, cioè messi a vivere nei campi secondo lo stereotipo dei nomadi sporchi con il “carozzone”.

Chi sono i Rom. Nel tempo sono sempre stati nomadi?. E’ vero che non hanno cultura?, perché sono visti come accattoni?.

In europa ne vivono circa 7 milioni, discendono da una popolazione che parlava una forma volgare di sancrito, il praclito. Nel 1.000 D.C. circa, lasciarono l’India e il Pakistan, allora vi erano esperti nella lavorazione dei metalli, chiamati athinganoi, da qui “zingari”, in quattro secoli i Rom si insediarono in molti paesi Europei, a partire dai Balcani. Già da allora il loro comportamento non era omogeneo, cambiavano i ritmi di vita e la loro economia a secondo le opportunità che i paesi ospitanti gli offrivano.

Le opportunità si potevano suddividere in 3 aree geografiche; La prima area, quella Balcanica, durante l’impero Ottomano, che li vide sviluppare un gran numero di professioni, soprattutto artigianali, erano tutti censiti e abitavano in dimore fisse, inoltre pagavano regolarmente le tasse, si dividevano in corporazioni, musicisti, costruttori di strumenti musicali, fabbri, orefici, sarti, contadini, allevatori e venditori di cavalli.

La seconda area, corrispondeva ai principati di Valacchia e Moldavia (oggi parte della Romania), erano nello scomodo ruolo di schiavi, erano di proprietà del principe, e solo lui poteva permettere l’esercizio dei mestieri itineranti (acrobati, addestratori di animali) oppure costruttori di utensili in legno, oppure caldai e ramai, veniva dato loro il permesso a patto che pagassero al principe i tributi. Spesso erano schiavi di feudatari o i reggenti dei monasteri che li utilizzavano nei campi. Con le rivoluzioni liberali (dalla metà dell’800) fu abolito lo schiavismo. Oggi le due aree sopra citate raggruppano circa il 90% dei Rom europei.

La terza area, è molto conflittuale, dove circa 100.000 persone ci vivono, viene chiamato il paese dei campi, è L’Italia. Paese che in un periodo vennero diffusi bandi per cacciare i Rom, non veniva consentito nulla , nemmeno l’accattonaggio, o qualsivoglia mestiere, ma nonostante la repressione (in alcune fasi chi uccideva uno zingaro aveva diritto ai suoi beni) cosi facendo i Rom cercarono legami con vari territori da cui presero il nome come, i Sinti Piemontesi, Lombardi, i Kale andalusi, i Manouche francesi e i Romanichals gallesi.

In questa parte d’Europa dove tanti popoli avevano dovuto lottare per la loro identità, il popolo Rom si mosse con molta cautela, non fecero mai guerre per non essere cancellati e si sparpagliarono in piccole unità o famiglie allargate che ogni tanto si riunivano ma sempre mobili e sfuggenti ai controlli, quindi il nomadismo fu un adattamento alla repressione e non una condizione etnica.

Ci pensò Hitler, facendone eliminare 500.000 nei campi di concentramento, anche il fascismo partecipò con le leggi razziali.

I Rom sono la minoranza più discriminata i Europa, alcuni li accomunano agli Ebrei, per essere stati entrambi schiavi, (i primi erano accusati di essere della stirpe maledetta di Caino, i secondi Ariani degradati come razza inferiore).

Per noi è un popolo sconosciuto e poco raccomandato, tutti i mezzi di comunicazione non aiutano a tracciarne un chiaro e serio profilo, la nostra cultura è molto lontana dal modo di vivere degli zingari.

Il Ministro dell’interno ha espresso tre concetti controversi, la possibilità di fare un controllo su base etnica, l’espulsione di Rom irregolari e la discriminazione di Rom italiani. Molti tra i politici e analisti hanno sottolineato che il censimento di un gruppo di persone in base alla loro etnia, evoca pagine nere del passato.

Esiste un articolo della costituzione italiana che stabilisce che ” tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, razza, lingua, religione e opinioni politiche, condizioni personali e sociali.

1 Commento a “I ROM chi sono, e da dove arrivano”

  1. Franco scrive:

    Interessante articolo in modo dettagliato sui Rom. Forse ci andrebbe del controllo in più.

Scrivi un commento

*