La cupola del GUARINI

Voluta dalla dinastia sabauda come degna sede per la preziosa reliquia del santissimo Sudario, la cappella prende forma come progetto di alto prestigio simbolico sotto il duca Carlo Emanuele primo, concretamente attuato, però, soltanto dalla metà degli anni cinquanta del seicento, l’intervento di Guarino Guarini completa e trasforma la cappella in uno straordinario capolavoro.

Come tutti saprete ultimamente è stata riaperta (dopo 21 anni)la cappella del Guarini, dopo l’incendio che la distrusse quasi totalmente , parti’ un accorato invito a tutti quanti avrebbero potuto aiutare alla ricostruzione, tutte le forze pulite del paese parteciparono in forme diverse, e dopo un lunghissimo restauro con le migliori tecniche sia umane che di mezzi viene restituita alla comunità un’opera grandiosa.

In occasione del restauro per il recupero dei danni causati dal devastante incendio, (si sa esattamente come avvenne e di chi sono le responsabilità ?) sono emerse sulle pareti della sacrestia, dietro le armadiate, i tracciati in scala  dei disegni esecutivi di Guarini per il rivestimento lapideo della cappella.

Dal giorno 28/09/2018 è di nuovo possibile visitare la cappella del Guarini. Per ulteriori informazioni clicca Qui

1 Commento a “La cupola del GUARINI”

  1. Franco scrive:

    Quando divampò l’incendio nella cappella. Fu un miracolo che i vigili del fuoco riuscirono a mettere in salvo la reliqua attribuita alla passione di Cristo.

Scrivi un commento

*