“”CASA SCACCABAROZZI”"

“FETTA DI POLENTA”  Non è una ricetta culinaria di un piatto tipico della cucina piemontese, ma bensì di una vera opera d’architettura. Si tratta di un edificio, che è il più assurdo e curioso di Torino.  Progettato e costruito dall’architetto Alessandro Antonelli. (Costruttore della Mole)

Questo edificio è comunemente tanto noto ai torinesi per la sua fattezza è diventato anche simbolo del quartiere, guadagnandosi cosi il soprannome: “Fetta di polenta”.  E’ un edificio ormai storico di Torino, situato nel quartiere Vanchiglia, all’angolo di Via Giulia di Barolo e Corso S.Maurizio.  Che in virtù e visto dall’inconsueta planimetria trapezoidale-triangolare e per il prevalente colore giallo.  Con i suoi sei piani fuori terra raggiunge l’altezza di 24 metri, e per comprendere meglio le sue dimensioni  che sono: lato Via Giulia di Barolo misura circa 16 metri, lato Corso S.Maurizio solo metri 4,75 e appena 54 cm. al lato opposto.  Palazzetto che viene costruito negli anni 1840-1881 dall’architetto Alessandro Antonelli che a suo tempo lo donò alla nobildonna Francesca Scaccabarozzi, sua moglie.

Ma al piano terreno di questa casa, in quel tempo divenne anche un posto noto per ospitare il “Caffè del Progresso” storico ritrovo torinese  di Carbonari e rivoluzionari.

3 Commenti a ““”CASA SCACCABAROZZI”"”

  1. Franco scrive:

    Interessante questo palazzo a Fetta di Polenta progettato e costruito dall’Architetto Alessandro Antonelli nel centro di Torino…

  2. francesco.lia scrive:

    lo visto anchio, pedalando ci passo sovente vicino, certo è una costruzione particolare, non ho ancora capito se la sua conformazione è dovuta ha l’aria per la costruzione cosi limitata oppure se è stato voluto cosi.

  3. Beppe Luchin scrive:

    Piccola area di proprietà del genio Antonelli

Scrivi un commento

*