Lo stress favorisce il colore argentato.

Fin da bambino i grandi ci dicevano “se continui così mi farai venire i capelli bianchi”.

Ora si scopre che quella frase non è soltanto un modo di dire, lo stress è davvero capace di accelerare la comparsa dei capelli argentati, ( per chi li ha) uno studio fatto sui topi chiarisce che gli eventi stressanti attivano le terminazioni nervose, che a loro volta danneggiano le cellule staminali dei follicoli piliferi incaricate della pigmentazione del pelo.

Oltre ad un problema puramente estetico, gli effetti dello stress sul corpo umano arriva a livello cellulare. Sicuramente le esperienze stressanti si collegano con l’imbianchimento precoce dei capelli, va tenuto conto anche della precocità personale e dell’eredita genetica.

Comunque quando le cellule staminali del capello/pelo, subiscono un eccessivo stress forzano la produzione del pigmento e cosi facendo esauriscono le scorte del colorante in poco tempo, senza più staminali, incaricate della pigmentazione, il capello / pelo ricresce bianco e non torna più al suo originale colore . Comunque altri fattori fanno ingrigire la chioma (la genetica e l’invecchiamento fanno la loro parte).

E’ un sintomo per dei problemi di salute ???

I capelli grigi possono essere un indicatore per dei problemi coronarici prima che si manifestino,  così come le malattie cardiache all’invecchiamento biologico. Pertanto l’insorgenza del colore argentato potrebbe nascondere un’insidia per il cuore ( cioè l’accumulo di materiale ostruente sulle pareti delle arterie).

Pertanto come facciamo ad evitare i problemi ?, usiamo un trucco, TINGIAMO I CAPELLI.

3 Commenti a “Lo stress favorisce il colore argentato.”

  1. Iris scrive:

    perfettamente ragione ma il problema dei problemi quello che fa diventare i capelli bianchi rimane…….

  2. Franco scrive:

    La prima cosa per tingerli… Bisognerebbe avere i capelli?

  3. Beppe Luchin scrive:

    Quando l’organismo rallenta la produzione di melanina, la capigliatura inizia a diventare grigia, se questo arriva ai cinquanta anni e da considerarsi nella norma.

Scrivi un commento

*