- LE ULTIME CONSEGUENZE -

Ero seduto su una panchina che leggevo il giornale, mi ero soffermato ad un articolo che dava le ultime notizie del momento. Un signore seduto vicino, ma a misura di prevenzione commentava, che questi fatti di pandemia era un pericolo molto infausto per l’Italia, ma soprattutto per l’anzianità delle persone, è sentenziava ancora dicendo; che era specialmente l’ultima generazione che se ne andava. Infatti, la sua era una previsione come quella di tutti noi. Sentenza molto appropriata.

Certamente al giorno d’oggi ci sono al bisogno le apposite strutture per anziani, sicuramente c’è una buona parte di anziani che ne usufruisce che per diverse ragioni si trovano lì, tra quelle mura di una Casa di Riposo fino al termine della loro esistenza. Anziani, che nella loro fragilità sono stati colti da quel infame virus senza alcuna via di scampo. Anziani, che erano custodi di molte esperienze di vita, cultori di tante tradizioni. Ci rendiamo conto che se ne vanno i migliori, quelli che avevano avuto una precoce gioventù di miseria causata dalla guerra e del subito dopo. Anziani, che sapevano  cosa voleva dire sacrificio, giorni di fame e sopportazione. Anziani, che vivevano nella speranza, sempre con l’idea di trovare un via nuova per conquistare un migliore futuro. Intanto la soluzione di quei momenti era solo unica, quella di rimboccarsi le maniche mettendoci il cuore e le braccia per ricostruire una Italia distrutta.

Scusatemi, sono passati da allora tanti anni, ora erano fortunatamente nonni, erano i bisnonni del tutto buono, aiutavano la famiglia anche con le loro, forse misere pensioni, sempre pazientemente accudivano anche i loro nipoti, acconsentendo i famigliari ad assentarsi per il lavoro, ma poi ???….

Questi capelli d’argento ora se ne stanno andando soli, disgraziatamente soli senza nemmeno un conforto, neanche un piccolo saluto dei loro cari, neanche un misero grazie….soli, soli, soli per sempre.

3 Commenti a “- LE ULTIME CONSEGUENZE -”

  1. Franco scrive:

    E la prima volta che vedo nella vita qualcosa di così tragico. Anche le case di riposo sono difficile da gestire per problemi di spazio. Non poter accompagnare nemmeno con ultimo saluto e conforto i propri cari.

  2. Iris scrive:

    E’ STATO UN EVENTO MOLTO TRAUMATICO. CHE TRISTEZZA.

  3. francesco.lia scrive:

    Certo è una grave situazione, tutte quelle persone che vivevano presso le RSA pensando di passare gli ultimi istanti della vita in tranquillità, si sono ritrovate al fronte combattendo senza armi un nemico invisibile e purtroppo sono stati colpiti da amici, parenti e chi li assiste, inoltre nemmeno l’ultimo saluto, gli è stato negato. Perché la vita a volte si accanisce sui più deboli e indifesi. Forse centra il bisness ??

Scrivi un commento

*