Ballo popolare

La Monferrina canzone e ballo piemontese…

La monferrina è un’antica danza popolare originaria del Monferrato.

Questo simpatico filmato è stato fatto da me qualche anno fa in una festa in Via Chiesa della Salute e caricato su Youtube è quello che ha ottenuto il maggior numero di visualizzazioni, di tutti gli altri caricati da me…

E allegro e ho pensato di condividerlo con voi… Una buona visione….

Testo originale in piemontese[1]
Òh ciàh ciàh, Maria Catlin-a
domje, domje na siassà.
Òi si si ch’i la darìa
l’hai lassà lë siass a ca.
Ris e còj e tajarin
vardé-sì com a balo bin:
a balo pì bin le paisanòte
che le tòte dë Turin.
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta,
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta
‘Ncora na vira sota la riva,
òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
Còs it fas Maria Catlin-a
lì setà ‘n sël taboret,
da na man la ventajin-a
e da l’àutra ‘l fassolèt?
Pijé na giòja che vë pias,
dej’ la man, tirela ‘n brass.
La corenta a l’é pì bela
e peui traderiderà.
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta,
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta
‘Ncora na vira sota la riva,
òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
Për dansé la Monfërin-a
j’é rivaje n’ufissial,
l’ha ciapà Maria Catlin-a
l’ha portala ‘n mes al bal.
Fate ‘n là, ti, paisan,
passo mi con ël vardanfan.
Feme mach un bel inchin
che mi iv fas un bel basin.
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta, ‘ncora na vòlta,
Òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.
‘Ncora na vòlta sota la pòrta
‘Ncora na vira sota la riva,
òh bondì, bondì, bondì
‘ncora na vòlta e peui pa pì.

Traduzione in italiano
Oh ciao ciao Maria Caterina
diamole, diamole una setacciata.
Ohi sì sì che gliela darei
ma ho lasciato il setaccio a casa.
Riso e cavoli e tagliatelle
guarda qui come ballano bene:
ballano meglio le contadinelle
che le ragazze di Torino.
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta, ancora una volta,
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Ancora una volta sotto la porta
Ancora una volta sotto la riva,
oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Cosa fai Maria Caterina
lì seduta sullo sgabello,
in una mano il ventaglietto
e nell’altra il fazzoletto?
Prendete una gioia che vi piace,
datele la mano, prendetela in braccio.
La corenta è più bella
e poi traderiderà.
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta, ancora una volta,
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Ancora una volta sotto la porta
Ancora una volta sotto la riva,
oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Per ballare la Monferrina
è arrivato un ufficiale,
ha preso Maria Caterina
l’ha portata in mezzo al ballo.
Fatti in là, tu, contadino,
passo io col vardanfan.
Fatemi solo un bell’inchino
che vi do un bel bacino.
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta, ancora una volta,
Oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.
Ancora una volta sotto la porta
Ancora una volta sotto la riva,
oh buondì, buondì, buondì
ancora una volta e poi mai più.

Scrivi un commento

*