Perchè L’italia uscì dal nucleare.

Anche questa volta vi invito se ne avete voglia di leggere questo articolo che spiega come a volte la verità possa essere cosi complessa e inimmaginabile, non posso fare altro di augurarvi una buona lettura e di meditare…..

2 Commenti a “Perchè L’italia uscì dal nucleare.”

  1. nelly scrive:

    Ho letto con molta attenzione l’articolo del Prof. Ugo Bardi, io non m’intendo molto, anzi quasi niente, di queste cose, per me è arabo, però mi rendo conto che è molto importante, si tratta di migliorare il nostro fututo, e sopratutto di quello dei giovani.

    Non sono affatto contraria al nucleare, e non sono contraria al nucleare in Italia, invece di comprare energia da altri paesi, aumentando il nostro debito pubblico, dovremmo imvestire, in nuovi impianti o ripristinare quelli che ci sono già.

    Così, non avendo più bisogno di comperare dall’estero, potremmo a nostra volta vendere a chi ne ha bisogno, producendo guadagno.

    Sicuramente ci sono molti pareri contrari, ma se vogliamo tenere il passo per un futuro migliore, bisogna sapersi adeguare, anche se ciò può causare dei rischi, (vedi Giappone), dobbiamo comunque guardare avanti, proprio per assicurare ai nostri giovani e alle generazioni future, un mondo migliore.

    Questa è la mia opiniore, giusta o sbagliata che sia.

    Ciao a tutti, se contento Secondo?

  2. secondo scrive:

    Mi pare piu che giusto che ognuno di noi abbia le propie idee cara Nelly,se no la vita sarebbe come mangiare il pane senza sale ma leggendo attentamente l’articolo come tu intelligentemente hai fatto la
    Francia ha esaurito l’uranio delle propie miniere e sta smontando le testate nucleari in loro possesso per avere l’uranio,che non è una fonte inesauribile come tutti noi sappiamo.
    Allora mi viene da dire non è meglio passare oltre, nel senso di cercare delle fonti energetiche alternative che non siano combustibili fossili o nucleare?

    Affettuasamente il tuo collega e amico Secondo.

Scrivi un commento

*