8 gennaio 2020
Esistono gli extraterrestri ?

E’,  soprattutto, si sono avvicinati al nostro pianeta ? (oggi più di ieri vi è un ritorno nel credere che non siamo soli nell’universo, come lo intendiamo noi.)

La sigla UFO ( Unidentified Flying Objects) oggetti volanti non identificati, venne creata dall’aviazione americana nel 1949, dopo che si erano verificati numerosi avvistamenti da parte di persone ritenute attendibili, tra cui alcuni piloti di aerei, di oggetti misteriosi, con diverse forme, cosi’ detti dischi volanti.

In due anni si verificarono più di trecentocinquanta avvistamenti, di cui trentacinque non ottennero mai una convincente spiegazione. Navi aliene o prototipi militari, sono sempre ricoperti dal massimo riserbo. Il dubbio rimane, anche se misteriosi avvistamenti di oggetti volanti non identificati si sarebbero verificati anche in secoli più remoti.

Ogniuno di noi ha delle convinzioni e delle certezze, pero in quel campo la fantasia galoppa, sicuramente ci crede negli alieni probabilmente ha una sensibilità diversa, non per questo migliore di chi è agnostico.

Ognuno la pensi come crede, ma tutti debbono ricordarsi che l’universo è infinito.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

4 gennaio 2020
Ricordi…”La Befana dei Vigili”

C’era una volta la “Befana dei Vigili Urbani di Torino”.

Il 6 gennaio dell’epoca giorno dell’Epifania, era consuetudine per gli automobilisti di Torino, fare dei regali ai Vigili della città per ringraziarli  dell’opera svolta nel gestire il traffico, in un periodo in cui non erano ancora entrati in funzione i semafori.

Ma, anche riscontrando che si viveva ancora nel periodo del dopoguerra, le situazioni delle famiglie dei Vigili non erano tanto rosee, i torinesi decisero di fargli dei doni consegnandoli nei punti nevralgici della città, posandogli attorno alla rotonda pedana del vigile in servizio. Dopo i primi anni, quando il tenore di vita era migliorata, la tradizione ha continuato per un periodo e i doni ricevuti dai Civich, venivano poi destinati alle persone meno abbienti della città.

Molto tempo è passato e tutto è avvenuto cambiando, ora ci sono i semafori, rotatorie, sensi unici………….ma provate a pensare, un vigile in mezzo alla via, sarebbe molto impensabile con il traffico caotico di oggi.

Ci resta solo il ricordo di un tempo che fù.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

2 gennaio 2020
“Buon 2020″

Cari amici da qualche giorno è cominciato il 2020. L’avventura del nostro Blog sta entrando nell’undicesimo anno? In questi anni diverse cose sono cambiate, alcuni amici non ci sono più… Col passare del tempo lo spirito di collaborazione che c’era inizialmente è andato via via diminuendo…

Mi auguro che il 2020 sia un anno positivo e collaborativo anche per quelli che ultimamente sono stati poco presenti? Siano un po più presenti un po per essere solidali verso quelli che scrivono qualcosa e un po per aiutare anche la “memoria” a essere un po più attiva eseguendo i vari passaggi che si devono fare per pubblicare qualcosa?

Auguro per tutti i componenti che il nuovo anno porti un po di salute, serenità e sorrisi. Se potessi chiedere qualcosa per il 2020 chiederei: Un po di pace è un po meno guerre nel mondo. Auguro a tutti ogni bene… “Buon 2020”

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

1 gennaio 2020
San Silvestro……E I FUOCHI D’Artificio

DAL WEB

Giano bifronte

GIANO BIFRONTE


“La leggenda di San Silvestro

Non a caso Giano è rappresentato con due volti: quello di un giovane e quello di un vecchio con la barba. Il “Giano cristiano” sarebbe oggi Silvestro, il papa che battezzò Costantino chiudendo l’era pagana e aprendo quella cristiana. Al suo nome è collegata una leggenda molto nota a Poggio Catino (Rieti) il cui patrono è appunto San Silvestro. Silvestro avrebbe liberato il paese da un drago chiuso in una caverna cui si accedeva attraverso 365 gradini, tanti quanti sono i giorni dell’anno. Il “mostro” ucciso era metafora del paganesimo e i 365 gradini erano simbolo dell’anno da consacrare ormai al Dio dei cristiani.”

DAL WEB

I botti e i fuochi

“A Capodanno fuochi e petardi non si accendono solo per salutare il nuovo anno: i botti, assieme al disfarsi di mobili e stoviglie vecchie, hanno il significato di espulsione del vecchio anno con le sue negatività. Antichi riti diffusi un po’ ovunque hanno questo significato di esorcismo contro demoni e spiriti maligni”

FUOCHI D'ARTIFICIO

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

30 dicembre 2019
ma va che arriva arriva arriva………

PASSARE
l’ANNO NUOVO CON VOI BLOGGHERINE E BLOGGHERINI
SEMPRE PIU’ GIOVANI E BELLI E SEMPRE AGGUERRITI E
PRONTI A NUOVE ESPERIENZE AVANTI  AVANTI………….

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

29 dicembre 2019
Buon Anno 2020

A TUTTI I PARTECIPANTI AL BLOG

Il vecchio anno è passato , lasciate che il passato sia terminato, e il nuovo anno prenda possesso dell’orologio del vostro tempo, è l’obiettivo del nuovo anno sia quello di essere premuroso, ricco di opportunità, di salute, e meraviglioso.

AUGURO A TUTTI UN BUON ANNO 2020, Un vostro, più che amico.



Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

24 dicembre 2019
allora allora tanti auguri…..

Auguri alla Circoscrizione 5. e in particolare alla nostra carissima Delia-

Auguri alle Ragazzine e ai ragazzini che frequentano il blog “Dietro alla 5″ e che si impegnano con tanta volontà alla ricerca di imparare sempre

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

22 dicembre 2019
- Tradizione Natalizia -

IL PRESEPIO

IL presepio rimane come il simbolo indiscusso del Natale. Il suo fascino resta costante di generazione in generazione, soprattutto per i bambini che si incantano a guardare la stella cometa, i pastori, il bue con l’asinello, tutte queste statuine messe in uno sfondo paesaggistico di fantasia e rivolte verso la capanna della natività.

Nel tempo queste rappresentazioni Natalizie sono diventate anche come delle vere opere d’arte, attirando gran numero di turisti, credenti o curiosi, e in certe località del Piemonte ci sono ancora degli artistici capolavori che meritano di essere visitati.

Come a Torino c’è lo storico presepe meccanico nella chiesa della S.S.Annunziata di Via Po, 45. Fu costruito nei primi anni del 900, è sicuramente uno dei presepi della tradizione da ammirare, splendido esempio di architettura neobarocca. Dal 1986 è sotto tutela della Sovraintendenza ai beni artistici e storici come oggetto di antichità e pregio storico. Con i suoi 200 metri quadrati e l’ideale per l’impatto scenografico, presepe composto da 200 personaggi con altezze che vanno da 25 ai 90 cm. di cui 100 animati, i movimenti sono dati da un unico e vecchio motore elettrico, fontanelle, fiumi, laghetti son alimentati da un complesso idraulico, l’effetto giorno/notte da un impianto led di diverse tonalità.

L’Officina artistica è composta da un gruppo di volontari, che si occupa della manutenzione di tutto il meccanismo.                                                          Un consiglio andateci a visitarlo in questi giorni ………..merita.           ***Auguro un sereno e gioioso Natale e un felice e prospero Anno Nuovo a tutti quei lettori che leggeranno questo Blog.   Con un ciao… Beppe

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

20 dicembre 2019
“Buone Feste”

ImageChef Sketchpad - ImageChef.com

Vorrei fare Tantissimi Auguri di Buone Feste a tutti gli amici del gruppo Blog… Insieme alle loro famiglie…

I nostri incontri riprenderanno Mercoledì 8 Gennaio 2020 alla stessa ora.

Tantissimi Augururi di Buon Natale e Buon Anno alla carissima Delia e a tutto il personale è collaboratori della Circoscrizione 5.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

18 dicembre 2019
= AL BICERIN = dal 1763 a Torino =

Nel 1763 inizia la straordinaria storia di un piccolissimo caffe che si trova ancora nel centro storico (Quadrilatero Romano) della Città di Torino, esattamente nella piazza della Consolata, proprio  di fronte al Santuario della Consolata. E da qui che prende il suo noto nome: “Al Bicerin”, (bicchierino) per il semplice motivo della sua tipica bevanda calda di gran moda in quei tempi a Torino, dovuta dalla evoluzione della settecentesca “bavareisa”, gustosa bevanda servita in grandi bicchieri tondeggianti, composta da una mescolanza di caffè, cioccolato e crema di latte dolcificata con sciroppo, formula segreta portata avanti per ben 256 anni a oggi. I Bicerin, le cioccolate calde , i zabaioni erano cosi buoni che i nobili riuscivano a tollerare la vicinanza con la gente  del popolo.

Il 1800 era il secolo del cioccolato a Torino, profumi e aromi  quali caffè, te’, cioccolata si assaporavano in tutta la città. Questo locale già famoso allora per la sue prelibatezze, cambiava la sua immagine all’inizio dell’ottocento, tutto il palazzo veniva ristrutturato e il “Caffè al Bicerin” da quel momento prendeva  quel aspetto che con cura è stato conservato fino a oggi.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------