27 marzo 2019
Ballo Sardo

Al circolo anziani Pertengo di Torino, domenica 20 Marzo , il gruppo di ballo dell’Associazione NOSUIMPARI DUUS  si sono esibiti con un bellissimo ballo Sardo.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

25 marzo 2019
Concerti Per Stare Insieme Arcobaleno Musicale

L’ Associazione Musica e Artisti propone una giornata di musica classica Mercoledì 27 Marzo 2019 alle ore 16.00 presso Villa Primule inVia Primule, 7 a Torino.

Verrà proposto un arcobaleno musicale dalla romanza alla canzone d’ autore.
Si esibiranno il Soprano Susy Picchio e il Pianista Massimiliano Brixio.

L’ ingresso è libero e gratuito.

 (809.74 KB)Locandina (809.74 KB)

 (168.15 KB)Programma (168.15 KB)

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

20 marzo 2019
Anello verde

L’ Anello verde

Il più antico reperto di produzione umana , ritrovata in borgata Sassi nel torinese. Per saperne di più premere qui.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

15 marzo 2019
I “BAGARINI” DELLA CARTA DI IDENTITA’ ELETTRONICA

Oggi per qualunque cosa venga richiesta un  ” un pizzo si deve pagare”, possibile che siamo arrivati a questo punto, non solo per opere che portano lauti guadagni alla criminalità, ma anche per le più piccole cose come avere un appuntamento per il rilascio del documento di identità, oltretutto obbligatorio , specialmente ora che viene rilasciato quello elettronico.

Ricordarsi che oggi esistono anche i “bagarini” della carta di identità. Leggere l’articolo che spiega quanto sopra.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

14 marzo 2019
“Iniziative surriscaldamento Climatico”

L’adolescente svedese Greta Thunberg, nonostante la giovanissima età, ha iniziato la scorsa estate a protestare ogni Venerdì di fronte al Parlamento Svedese, per chiedere misure efficaci contro i cambiamenti Climatici.

Il cambiamento è probabilmente una delle principali cause di guerre e conflitti.

Le adesioni per questa iniziativa aumentano di giorno in giorno.

Domani Venerdì 15 Marzo scenderanno in piazza milioni di ragazzi in oltre 1300 località diverse in tutto il mondo, per sollecitare i Governi ad agire contro il surriscaldamento Climatico.

Se si vuole intervenire per salvare il nostro Pianeta, non c’è più tempo da perdere…

Per ulteriori approfondimenti premere “QUI”

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

7 marzo 2019
” UN RAMETTO DI MIMOSA “

”FESTA DELLA DONNA”

Che senso ha, oggi, questa ricorrenza quando stupri e abusi ,violenze e sopraffazioni sono una realtà così tanto diffusa. Donne che nel mondo d’oggi, vedono ancora negati i propri diritti, anche i più minimi ed essenziali. E’ una insopportabile malvagità  a non considerare le donne come esseri umani al pari dell’uomo, ma solo oggetti, “suppellettili” del mondo maschile. Ma nella coscienza comune, cosa c’è o cosa resta di tutto questo? CHE UN RAMETTO DI MIMOSA NON PUO’ CERTAMENTE CANCELLARE.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

2 marzo 2019
IL CARNEVALE IN PIEMONTE

Questi mesi “Febbraio e Marzo” avvengono  molte iniziative con festeggiamenti, tra le tante iniziative tipiche di questo periodo dell’anno spiccano in Piemonte numerosi appuntamenti generalmente il giovedi’ e il martedi’ grasso, che spaziano dai carnevali tradizionali che affondano le radici nei riti propizi e una eredità più profonda della società contadina e montanara, a quelli più recenti, spesso allegorici, passando per le rievocazioni storiche (es. quello di Ivrea), dove storia e leggenda si intrecciano e si confondono.

I carnevali tradizionali piemontesi hanno origini antiche, alcuni si caratterizzano per le figure mitiche, come quello di Mompantero “ballo dell’orso”, invece quello “di Lajetto” piccola borgata di Condove, vi è poi il carnevale storico di Santhià, e quello folcloristico di Ivrea, e ancora quello di Chivasso che presenta una sfilata di carri molto caratteristici, per non dimenticare quello di Borgosesia.

Questi sono solo alcuni dei tanti carnevali che nei due mesi (Febbraio e Marzo) sfilano nelle vie dei paesi piemontesi.

Per un ulteriore informazione leggere l’articolo cliccare qui’.

Vi sono molti video dei carnevali storici del Piemonte, tra questi ne ho scelto uno come promozione , inoltre non è del l’anno in corso  ma di qualche anno indietro. per vedere il video clicca qui’.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

2 marzo 2019
“Ecotassa ed Ecobonus”

Come orientarsi per l’acquisto di un auto nuova con “L’ECOTASSA E L’ECOBONUS”

Le misure sono solo per le automobili di nuova immatricolazione, non per l’usato o quelle a “chilometri zero” cioè le auto già targate dai concessionari.

Ecotassa ed Ecobonus riguardano solo le auto acquistate e immatricolate in Italia nel periodo dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, dunque chi ha concluso il contratto entro febbraio 2019 non è interessato.

Per ulteriori approfondimenti premere sulla foto.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

26 febbraio 2019
“Agenda alberi”

E’ stata pubblicata sul sito web del Verde Pubblico, l’Agenda Alberi (interventi significativi programmati sul patrimonio arboreo della Città).

Alla pagina si accede dalla homepage del Verde Pubblico:
www.comune.torino.it/verdepubblico

NOTA BENE: è stata creata un’apposita sezione del sito web del Verde pubblico dedicata all’Agenda alberi, dove vi invitiamo a consultare l’Agenda settimanale pubblicata:

http://www.comune.torino.it/verdepubblico/2019/agenda-interventi-programmati-patrimonio-arboreo-25feb-10mar2019.shtml

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

17 febbraio 2019
QUANTI SONO GLI ITALIANI CHE NON HANNO LA POSSIBILITA’ DI CURARSI ?

Per gli italiani cresce sempre di più la spesa sanitaria “privata”, registrando un incremento tra il 2013 e il 2016 pari + 4,2%, il dato desta una seria preoccupazione, soprattutto se viene letto in parallelo con l’andamento della spesa totale per consumi che, nel medesimo periodo ha registrato un incremento del 3,4%.

Insomma la spesa sanitaria privata è sempre più una componente stabile dei consumi degli italiani, che oltre a dover fare i conti con la crisi economica e i suoi effetti, devono anche tener conto che nella “lista della spesa quotidiana” va aggiunto la voce ” salute” che drena le risorse. Come non bastasse questo onere economico ricade principalmente selle fasce di popolazione più deboli.

Si innesca cosi’ un sistema perverso, l’avanzare dell’età determina una riduzione del proprio reddito e una crescita delle spese da affrontare di tasca propria per acquistare le prestazioni sanitarie di cui si ha bisogno. Inoltre oltre all’età si aggiungono problemi di non autosufficienza  che tende a peggiorare ulteriormente. Cosi’ quando non si dispone delle risorse necessarie per pagare di tasca propria le prestazioni (dato che la sanità pubblica sia per carenza che per le kilometriche liste d’attesa) si finisce di rinunciarvi o rinviarle,(circa 12 milioni di persone rinunciano o rinviano) viceversa pur di curarsi si riduce il proprio tenore  di vita, (circa 13 milioni riducono il loro tenore di vita) esaurendo i propri risparmi e addirittura si entra nella soglia della povertà. (una valutazione indica in almeno 2 milioni di persone che hanno subito una drastica riduzione dei propri risparmi).

I fuggiaschi della sanità sono ormai una componente stabile e rilevante del popolo della sanità italiana. E’ certamente vero che oggi una moltitudine di persone ha problemi per potersi curare adeguatamente. La ricerca (CENSIS) individua un numero molto alto di persone che hanno “dovuto” rinunciare a prestazioni per difficoltà economiche, non potendo pagare tali prestazioni di tasca propria.

Crescono i divari tra le regioni di italia, una situazione che porta con se delle conseguenze , si stimano che almeno un numero pari a 6,5 milioni di cittadini, dichiarano che nell’ultimo anno si sono a vario titolo al sistema sanitario di un’altra regione, sia che sia pubblico o privato.

Il dato importante è, che viene considerato la rinuncia nel corso dell’anno di almeno una prestazione, comprese anche le cure odontoiatriche (particolarmente costose) nella ricerca sono compresi tutti quelli che hanno ” dovuto” rinunciare totalmente delle cure, a volte anche vitali.

La ricerca tiene conto di una vasta e eterogenea di insieme di prestazioni che gli italiani oggi rinunciano. Va tenuto conto che l’istituto ISTAT, fornisce delle cifre decisamente inferiori, anche se utilizza criteri diversi e quindi sicuramente i due risultati non sono sovrapponibili. L’ISTAT precisa che i valori indicati comprendono cittadini italiani e anche stranieri residenti in italia.

L’intreccio tra le condizioni per la rinuncia e molto rilevante, sia che sia economica oppure temporale, all’interno dei circa 4 milioni di persone vi è una significativa quota di ” stranieri”, (lo abbiamo già visto in passato / presente come questa distinzione abbia un impatto numerico sulla povertà).

Comunque non è corretto dire che gli italiani non possono curarsi, ma specificare che, nel corso dell’anno hanno rinviato o rinunciato ad almeno una prestazione sanitaria. Vi è una ulteriore specificità, sono compresi tutti quelli che hanno rimandato una visita per un’altro impegno, dovuto anche alle lungaggini di attesa.

Mi rimane da dire che, comunque con tutti i difetti elencati, la nostra sanità resta una delle migliori al mondo.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------