13 settembre 2018
“La favola di un vino”

-L’Erbaluce di Caluso-  E’ un vino bianco la cui produzione si svolge particolarmente sulle colline intorno a Caluso, centro del Canavese (Piemonte), Le prime notizie del vitigno Erbaluce; risalgono al lontano XVII secolo, questo suo nome deriva dal colore che assumono gli acini in autunno con i riflessi rosati e caldi che si fanno più intensi nelle parti più esposte al sole.

Ma la leggenda racconta; che un tempo queste colline erano popolate da Ninfee e divinità, venerati dagli uomini. L’Alba e il Sole, innamorati ma destinati a non incontrarsi mai, grazie a un eclissi  e all’intercessione della Luna, nacque la Ninfa Albaluce la cui bellezza e grazie spinse l’uomo a offrirle ogni sorta di doni e omaggi, privatosi di ogni sostentamento l’uomo ricercò nuove terre fertili deviando il corso del lago, che però travolse il tutto seminando morte. Il dolore fu tale che dalle lacrime  di Albaluce stillate in terra, nacquero tralci di vite  dai dolci frutti, l’uva bianca dal nome di Erbaluce.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

13 settembre 2018
“Gite Giornaliere”

La Cooperativa sociale L’ Elica ON.LUS, propone gite giornaliere rivolte ai cittadini residenti nella Circoscrizione 5 .

Giovedì 6 Settembre alle ore 16.00 presso la Sala Consiglio del Centro Civico di Via Stradella 192, si terrà un incontro di presentazione sul programma e sulle modalità di iscrizione.

Le iscrizioni saranno possibili tutti i martedì a partire dall’ 11 Settembre 2018 dalle 9.00 alle 10.00 presso la sala al piano terra della Circoscrizione 5 fino ad esaurimento posti.

 (657.25 KB)Manifesto (657.25 KB)

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

11 settembre 2018
CANNABIS naturale / sintetica

I benefici della marijuana in ambito medico, sono noti da millenni e includono effetti analgesici sul dolore cronico o di malati terminali, attenuazione degli effetti di malattie autoinfiammatorie e alcuni disturbi legati alle demenze, benefici contro l’artrite, i tremori del Parkinson e gli effetti collaterali nel trattamento dell’ansia e dello stress.

CANNABIS NATURALE

Esiste una correlazione tra fumare cannabis e una fame smodata. In effetti il cervello riceve gli stimoli provenienti dalnaso, che fa si che la sensibilità agli odori risulti amplificata, aumentando di fatto l’appetito.

Oggi si parla molto della marijuana, che cos’è e perché fa paura.

Esiste quella naturale, ma anche quella sintetica, ed è quest’ultima  che ha i cannabinoidi ed ha effetti sulla salute molto pericolosi, oggi se ne torna a parlare, dopo alcuni episodi di overdose e contaminazioni.

I cannabinoidi sintetici popolano da tempo il commercio illegale, ma come sopra citato i recenti episodi hanno riportato il tema all’attenzione comune. Negli Stati Uniti, nel mese di Agosto (71 persone sono state trovate in overdose  della sostanza che commercialmente viene chiamata K2). L’aministrazione a dovuto diffondere l’allarme, per una partita di marijuana sintetica contaminata con una sostanza usata nel veleno per topi.

Anche quando non fa notizia, quella sintetica comporta rischi e effetti collaterali gravi ( circa 30 volte rispetto alla cannabis naturale). A favorirne la diffusione sono i costi relativamente contenuti, gli effetti più marcati, l’emanazione di un odore meno riconoscibile e meno rintracciabile nelle urine.

A una somiglianza apparente, la miscela di erbe essicate che costituiscono la cannabis sintetica, somiglia alla marijuana naturale ma è intrisa di sostanze prodotte in laboratorio e lasciate assorbire.

COME AGISCONO, vi sono diverse centinaia di cannabinoidi sintetici, e tutti stimolano i recettori che servono a captare le quantità minime di cannabinoidi, cioè analgesici naturali, prodotti dal corpo umano. La sostanza psicotropa contenuta nei “fiori di cannabis sativa” permette un maggiore rilascio di “dopamina”, il neuro messaggio del piacere.

Vi è un legame tra il consumo di cannabis e schizofrenia.

L’intensità e la durata dell’effetto non sono controllabili, e pertanto ogni individuo ha degli effetti inprevedibili. rispetto la marijuana naturale, manca il cannabidiolo che stempera gli effetti psicoattivi, bloccando il rilascio di dopamina, (una sorta di freno) invece assenti nelle miscele di laboratorio.

Gli effetti collaterali includono ansia, psicosi, paranoia, tachicardia, rischio di conati di vomito (un sintomo paradossale, la marijuana terapeutica previene gli attacchi di nausea). Nei casi più gravi assenza e fissicità dello sguardo, movimenti ripetuti  e meccanici (come degli Zombie), danni ai muscoli e reni, e gravi problemi respiratori.

Essendo un prodotto nato in laboratorio, l’intento iniziale era studiare i suoi effetti, finito fuori controllo si è diffuso in circuiti illegali (e non c’è modo di conoscere l’esatta composizione). In Italia, almeno 1 giovane su 10, tra i 15/19 anni hanno consumato cannabinoidi sintetici, almeno una volta.

Esiste una varietà molto potente, è la “Sinsimilla”, si ricava impedendo alle infiorescenze delle piante femmine  di cannabis di essere impollinate. La pianta rimane senza semi e produce un alto contenuto di resina con alta concentrazione di THC. (tetraidrocannabinolo) una sostanza psicotropica che provoca euforia.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

6 settembre 2018
“Emozioni” (Canzone)

Un omaggio a grande Cantautore Lucio Battisti per l’anniversario del ventesimo anno della sua morte.

Le sue composizioni, la sua musica e  le sue canzoni saranno sempre intramontabili.

Riascoltarle saranno sempre “EMOZIONI”

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

3 settembre 2018
sempre più amici

Rripropongo il video fatto da Franco, è un aiuto a non dimenticarci

Nuovo-Gruppo-Blog (cliccarci sopra)

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

3 settembre 2018
I nuovi nonni

Questi argomenti sono stati letti da una serie di giornali e riviste, ho provato a sintetizzare un pensiero su alcuni punti specifici.

I nonni hanno un vincolo costitutivo da legami, biologici, sociali, culturali e giuridici, tra le persone che hanno in comune uno stipite diretto, persino ai tempi dei Romani quando ci riferiva alla parentela si utilizzava il termine “propinqui” che significa “coloro che sono vicini”, comunque il termine “parens, parentis”, derivato dal Latino, significa genitori.

Esiste una ricorrenza civile diffusa in alcune parti del mondo, celebra in onore dei nonni e della loro influenza sociale, viene festeggiato il 2 Ottobre.

ARGOMENTI IMPORTANTI :

PARTECIPARE AD UN PERCORSO EDUCATIVO : I genitori sono i primi responsabili della formazione dei loro figli. I nonni lo sono su un progetto e su delle scelte precise decise dai genitori, pertanto non devono mettersi di traverso rispetto le decisioni che i genitori prendono. Se richiesti possono esprimere dei pareri o dare consigli, ma sempre nella consapevolezza che debbono rimanere consigli, e quindi non vincolino nessuno.

NON ATTIVARE RIVALITA’  E GELOSIE: Possono insorgere tra i nonni, otra altri di vari gradi di parentela, ricordarsi che sono i grandi ad essere al servizio dei più piccoli e non viceversa. Visto che i nipoti non sono di nostra proprietà, e pertanto non possono divenire oggetto o strumento della nostra gratificazione, mettere altri sotto una cattiva luce non aiuta nessuno.

UNA PRESENZA PRESSANTE NON AIUTA A TROVARE UN GIUSTO RAPPORTO: Telefonare assiduamente, piombare in casa nei momenti più impensabili, o imporre iniziative non condivise può diventare qualcosa di veramente inbarazzante, che finisce per occupare spazi che creano malumori, tensioni, litigi, i nonni devono essere di aiuto ai figli e nipoti.

DIFENDERE AD OGNI COSTO I NIPOTI, O GENITORI : Dare se mpre ragione ai ragazzi, specialmente adolescenti, quando sono in conflitto con i genitori, oppure si lamentano di loro, non è bene, perché si finisce per disautorare i genitori. E’ preferibile non assumere alcuna posizione, non criticare apertamente i genitori, ma minimizzare, invitare i giovani ad aprirsi. Nel caso contrario la pericolosità è comunque presente, porta allo scoraggiamento e alla demoralizzazione. I nonni bebbono ascoltare con la massima attenzione e se possono indichino una via di uscita.

TRATTARE CON MODERAZIONE LA DISPONIBILITA’ DEI NONNI :  Può succedere che la disponoibilità sia data per scontata, ci sono casi in cui si arriva a situazioni molto gravose da parte dei figli. Non bisogna esagerare, perché poi a lungo andare, gli eccessi possono creare problemi, anche di salute, con effetti negativi anche sui nipoti.

SEGUIRE UNA LINEA DI COERENZA : Nella vita frenetica di ogni giorno può succedere di dire una parola di meno o di troppo, di non esprimersi bene. E’ facile che possono sorgere incompresioni, fraintendimenti, interpretazioni distorte. Esiste una via maestra facile, sicura,quasi infallibile, si chiama “dialogo”. Parlare, chiarire, spiegare, scusarsi con sincertà (proprio cosi’), dire sempre la verità.

Il dialogo apre tutte le porte e sgombra la strada da tante piccole ombre che, accumolandosi possono portare a conseguenze molto dolorose.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

2 settembre 2018
Le borse della spesa

Le borse della spesa

Forse per la fretta o perchè abbiamo poco tempo, non ci viene in mente

di lavare le borse che ultimamente usiamo      per fare  la spesa,senza pensare  che sono un ricettacolo di microbi.Per saperne di più premere qui

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

29 agosto 2018
“Frappè Alla menta”

D’estate, soprattutto nelle giornate più calde ed assolte, si è sempre alla ricerca di una bevanda nutriente ma soprattutto fresca e dissetante. Il frappè alla menta è perfetto in queste situazioni e la sua ricetta è davvero semplicissima da realizzare: richiede pochi ingredienti ed in alcuni minuti si ha a disposizione una bevanda perfetta sia per la merenda che a colazione oppure per la sera. Il sapore del frappè alla menta, specie se utilizzate foglie di menta fresca e di buona qualità, è davvero impareggiabile e dà una carica di energia, aiutando non solo il corpo a mantenersi idratato ma fornendo anche qualche zucchero, sempre importante nella dieta di tutti i giorni. Impreziosito da una fogliolina di menta, questo frappè non è soltanto buono ma anche bello a vedersi.

INGREDIENTI:

Sciroppo alla menta: 100 ml.
Latte: 250 ml.
Zucchero: 25 gr.
10 cubetti di ghiaccio
15-20 foglie di menta
Acqua: q.b.

PREPARAZIONE
Per ottenere un buon frappè alla menta sono necessari pochi, semplici passaggi. Iniziate preparando lo sciroppo alla menta (in alternativa potete utilizzare quello già pronto, ma farlo in casa lo rende decisamente più buono); versate l’acqua, lo zucchero e le foglioline di menta in una casseruola e portate ad ebollizione. Fate bollire e lasciatelo in infusione per 24 ore, quindi filtratelo.

Questa è la parte più “complicata”, se così si può dire, dato che ora non resta che realizzare il frappè alla menta: prendete lo sciroppo e mischiatelo con il latte intero freddo. Prendete poi questo composto, versatelo nel frullatore al ghiaccio e frullate il tutto alla massima velocità per circa 50 secondi. Guarnite il frappè con una fogliolina o due di menta. Buona Degustazione.

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

23 agosto 2018
UN SALUTO DA UN AMICO

Ci vedremo presto e ci racconteremo tutte le esperienze passate durante il periodo di vacanza, spero che per ognino di noi sia stato un buon periodo, sicuramente molto caldo, -un saluto affettuoso alla persona che ha dovuto assistere una persona a lei molto cara, che purtroppo non sta bene.  A tutti gli altri componenti del gruppo un grande abbraccio e un arrivederci a presto.

BUON RIENTRO

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------

10 agosto 2018
Le Biciclette del comune

Le Bici del comune di Torino

Circolando con la mia auto nella città di Torino, ho potuto notare che in diverse zone della città, ci sono codeste bici gialle  che il comune ha messo a disposizione dei cittadini, per farne uso gratuito al bisogno,le ho viste gettate e abbandonate nei dirupi o tra le siepi, senza il sellino, tutte senza il sellino.Quindi suppongo che sia un atto dei soliti vandali che non si fermano  con i soliti atti di vandalismo. Ormai è diventata una consuetudine distruggere cio che viene dato con generosità e non con il sudore del loro lavoro.Possibile che non si riesca a fermare tale scempio, visto che in città ci sono ormai videocamere in diverse posti. Qualcuno di Voi ha notato come me ?

Bookmark and Share
-------------------------------------------------------------------------------------------------